POESIE D'INCERTA ATTRIBUZIONE

  Alessandro Manzoni

 

XLIX

[PER UN PRELATO]

 

Non il favor de' salutati regi,

Ne il tollerato col roman Nocchiero

Mar tempestoso a te il difficil diero

Onor dell'Ostro e i pontificj fregi;

5 Ma ben maggiore di tutt'altri pregi,

Zelo dell'alme, ed incorrotto, austero

Costume in anni verdi, e in lusinghiero

Secolo, distruttor de' studj egregi.

Tali vedeva dalla greggia umile

10 Sorgere i suoi Pastor la prisca etate

A reggere di Cristo il santo Ovile.

E le gemme a que' d meno onorate

E il fulgid'Ostro eran compenso vile

E prezzo ingiusto alla maggior pietate.

 

 

L

[ANACREONTICA]

 

Mi disse un pastore,

Quand'ero bambina,

Che un serpe era Amore,

Che morde se pu.

5 E il core molti anni

Le insidie e gl'inganni

Del serpe schiv.

Ma quando improvviso

Apparvemi al fonte

10 Il giovane Euriso

Giurandomi fe',

Fra palpiti il core

Si accorse che Amore

Un serpe non .

 

 

LI

L'APPARIZION DEL TASS

FRAMMENT

[1817]

 

Fura de porta Ludoviga on mia,

Su la sinistra, in tra duu fontanin

E in tra d fil de piant che ghe fa ombria,

El gh' on sentirolin

5 Solitari, patetegh, delizis

Che 'l se perd a zicch zacch dent per i praa,

E ch'el par giusta faa

Per i malinconij d'on pensers.

L insc, via del piss piss

10 D'on quaj sbilz d'acqua, che sbottiss di us'ciu,

Via d'on quaj gorgheg d'on rosignu,

O de quaj vers lontan lontan lontan

D'on manzett, o d'on can,

No se ghe sent on ett

15 Che rompa la quiett.

Tuttcoss, l insc, l'aiutta la passion,

Ne s' nanch faa duu pass

Tra quij acqu, tra quij piant, tra quell'ombria,

Che se sent a quattass d'on cert magon,

20 Se sent a trasportass

D'ona certa stes de malinconia,

Che sgonfia i ucc senza sav el perch,

E sforza a piang, d'on piang che fa pias.

Appont in de sto stat de scoldament

25 Seva jer sol solett in sta stradella.

Gh'aveva el Tass sott sella

E i su disgrazi in ment:

Quand tutt'on tratt dove p scur e fosch

E p suturno per el folt di ramm

30 Fan i arbor on bosch,

Me senti a succud

Da on streppet improvvis in di fojamm;

Me se scuriss el d,

Me traballa la terra sott i pee,

35 Starluscia, donda i piant, scolti on lument

Sord sord, tegn tegn, come d'on vent

Che brontolla s'cincaa tra i filidur,

Come el lument di mort e di pagur.

E vedi a spnt s, Gesus Maria!,

40 Tra i rover e i fojasc

Longa longa on ombria

Che me varda e me slonga incontra i brasc.

Foo per scapp... foo per sgar... no poss...

Me se instecchiss i pee, voo in convulsion,

45 E el pocch fiaa di polmon

El rantga, el se perd dent per el goss.

I pols, i laver, i palper, i dent,

I mascell, i naris

Solten, batten, hin tucc in moviment;

50 Gi brancolli... gi svegni... borli gi.

E in quella che bicocchi, on ton de vs

Affabel e piets

El me rinfranca con premura, e el dis:

Spiret, Carlin! te me cognosset no?

55 Vardem... cognossem... sont on galantomm. -

Sbaratti i ucc... i fissi in quell'ombria,

E no l' p on'ombria, ma l' on bell'omm

D'oss, de carna, de pell,

Che me varda in d'on att de cortesia,

60 E el sporg el volt vers m

Come sarant a d... E insc mo adess

Son quell o no sont quell? parla, di su. -

L'eva volt, compless, ben fa de la personna,

Magher puttost che grass,

65 L'ha el front quadraa, spazis;

Arcaa, distint i zij;

Barba, baffi, cavij

Tacaa insemm, folt e bisc, tra el scur e el biond:

ucc viv, celest, redond,

70 Sguard poetich, pensers,

Pell bianca, ns grandott, laver suttil,

Bocca larga; d fil

De dent piccol e spess, candidi, inguai,

Barbozz sporgent in fura;

75 Manegh, corpett, goriglia alla spagnura...

Dio! chi vedi m... saravel mai,

Saravel mai dighi tremant el Tass?... -

E l cers, fasent i d foppell

In mezz ai d ganass

80 S el me respond sont quell, sont propi quell!

A sto gran nomm, me butti genoggion

Per adorall de cur, per ringraziall

De tanta degnazion...

L sclammi on poetton de quella sort,

85 L'onor di Italian,

Tuss st'incommed per m, lass i su mort

Per vegn chi in personna

A parl cont on tangher de Milan?...

Ma in dov'ela, sur Tass, quella coronna,

90 Che ghe stava insc ben su quella front? -

Ah! Carlo el me respond,

Tirand su dai polmon

On sospiron patetegh e profond -

Ah! Carlo, la coronna strapazzada

95 No la gh p per mi... che on tal Manzon,

On tal Ermes Viscont

Me l'han tolta del coo, me l'han strasciada

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .