Jacopone da Todi

 

Laude

 

 

Edizione di riferimento: Iacopone: Laude, a cura di F. Mancini, Laterza, Roma-Bari 1990

 

 

1

 

La Bontate se lamenta

che l'Affetto non l' amata;

la Iustizia appellata

ch i ne deia rason fare.

La Bontate congregate 5

seco tutte creature

e denante al iusto Deo

s fa molto gran remore:

che sia preso el malfattore,

siane fatta gran vendetta, 10

ch offesa la diletta

nel suo falso delettare.

La Iustizia enn estante

l'Affetto s pigliato

e con tutta sua famiglia 15

en preson l' 'ncarcerato,

ch d ' esser condennato

de la 'niuria c' fatta;

trlisse fore una carta,

qual non p contradare. 20

L'Affetto pensa ensanire,

po' che sse sent 'en persone,

ch sola aver libertate,

or soiace a la Rasone;

la Bont n' compassione, 25

succurre che non peresca,

de grazia li d una lesca,

ennel senno el fa artornare.

L'Affetto, po' gusta el cibo

de la grazia gratis data 30

(lo 'ntelletto [l]la memoria

tutta en s ll' renovata)

[l]la volunt mutata

plagne con gran discidranza

la preterita offensansa; 35

e nullo consol se vl dare!

n 'empreso novo lenguaio,

che non sa dir se none Amore.

Plagne, ride, dole e gaude,

securato con temore; 40

e tal ' signi fa de fore

che pagono d'omo stolto;

dentro sta tutt 'aracolto,

non se sente de for que fare.

La Bontate se comporta 45

questo amore furoso,

ch con isso se sconfige

questo mondo tenebroso;

el corpo lussuroso

s remette a la fucina; 50

perde tutta la sentina,

che 'l faca detoperare.

La Bont suttr a l'Affetto

lo gusto del sentimento;

lo 'ntelletto, ch' 'n presone, 55

esce en so completamento:

l'Affetto viv'en tormento,

de lo 'ntenner se lamenta

ch'el tempo l'empedementa

de corrotto che vl fare. 60

Lo 'ntelletto, po' che gusta

lo sapor de Sapenza,

lo sapor s llo asorbisce

ne la sua gran complacenza;

l'occhi de la Entelligenza 65

ostopesco del vedere,

non voglio altro mai sentire,

se non questo delettare.

L'Affetto non se cci acorda,

ch vl altro ca vedere! 70

C 'l so stomaco se more,

se no i porge que paidire;

vle a le prese venire,

s fervido appitito;

lo Sentir, che i ss ' fugito, 75

plagne senza consolare.

Lo 'ntelletto dice: Tace!

Non me dare plu molesta,

c la gloria che eo veio

s m' gaudosa vesta: 80

non me turbar questa festa;

dever' esser contento

contentar lo to talento

en questo meo delettare.

Oi me lascio, [e]que me dice? 85

Par che me tenghi en parole,

c tutto 'l to vedemento

s mme pago che sian fole,

ch consumo le mee mole,

che non n' macenato; 90

e aio tanto deiunato

e tu me 'n sta' mo a gabare.

Non te turbar, s'eo me veio

beneficia create;

c per esse s conosco 95

la divina bonetate;

siram reputat 'engrate

a non volerle vedere,

per te devera piacere

tutto esto meo fatigare. 100

Tu cci ofendi qui la fede

de gir tanto speculando,

de la sua emmensitate

de girla s abreviando;

e vai tanto asuttigliando 105

che rumpi la legatura,

e tllim' el tempo e l'ora

del meo danno arcoverare.

Lo 'ntelletto dice: Amore,

ch' condito de sapere, 110

pareme plu gloroso

ca questo che vi tenere;

s 'eo m'esforzo a vedere

chi, a cui e quanto dato,

sir l'amor plu levato 115

a poterne plu abracciare.

A me par che Sapenzia

en questo fatto eniurata;

de la sua emmensitate

averla s abrevata! 120

Per veder cosa creata,

nulla cosa n'i compreso

e tnme sempre sospeso

en morirm 'en aspettare.

La Bontate n' cordoglio 125

de l'Affetto tribulato;

poneli una nova mensa,

ch tanto deiunato.

Lo 'ntelletto ammirato,

l'Affetto entr 'a la tenuta; 130

la lor lite s fenuta,

per questo ponto passare.

Lo 'ntelletto s menato

a lo gusto del sapore,

l'Affetto trita co li denti 135

et egnotte con fervore;

po' lo coce con l'amore,

trann 'el frutto del paidato:

a le membra despensato

dnne voita pozzan trare. 140

 

 

2

 

Fugio la croce, c mme devora;

la sau calura non pzzo portare!

Non pzzo portare s granne calore

che ietta la croce, fugenno vo Amore;

non trovo loco, c lo porto en core; 5

la sua revembranza me fa consumare!.

Frate, co' fugi la sua delettanza,

ch'eo vo chedenno d'aver sua amistanza?

Parme che facci gran villananza

de gir fugenno lo so delettare. 10

Frate, eo s fugio, c eo so' firito;

venuto m' 'l colpo, lo cor m' partito.

Non par che tu sente de quel ch'e' ho sentito,

per non me par che ne sacci parlare.

Frate, eo s trovo la croce florita: 15

de soi penseri me sne vistita;

non ce trovai ancora firita,

'nanti m' ioia lo so contemplare.

Et eo la trovo plena de saiette,

ch'esco del lato, nel cor me s' fitte; 20

lo balisteri 'nver me l' diritte,

onn'arme c'aio me fa perforare.

Eo era ceco, et or veio luce;

questo m'avenne per sguardo de croce;

ella m' guida, che gaio m'aduce 25

e senza lei so' en tormentare.

E me la luce s mm ' cecato;

tanto lustrore de lei me fo dato

che me fa gire co' abacinnato,

c ' li bell 'occhi e non pte amirare. 30

Eo pzzo parlare, che stato so' muto

e questo lla croce s m' apparuto;

tanto sapore de lei ho sentuto

c 'a molta gente ne p' predecare.

E me fatt ' muto, che fui parlatore; 35

en s granne abisso entrat ' meo core

che i non trovo quasi auditore,

con chi ne pzza de ci rasonare.

Eo era morto et or aio vita,

e questa en la croce s m' apparita; 40

parm 'esser morto de la partita

e aio vita nel so demorare.

Eo non so' morto, ma faccio 'l tratto,

e Deo 'l volesse che fusse ratto!

Star sempremai en estremo fatto 45

e non poterme mai liberare!.

Frate, la croce m' delettamento;

non lo dir mai ch'en lei sia tormento;

forsa no n'i al so iognemento,

che tu la vogli per sposa abracciare. 50

Tu stai al caldo, ma eo sto nel foco;

a tte deletto, ma eo tutto coco;

co' 'n la fornace, trovare p' loco?

Se non c'' entrato, non sai quign ' stare.

Frate, tu parli ch'eo non t'entenno 55

como l'Amore gir vi fugenno;

questo to stato vorria conoscenno,

che tu 'l me potissi en cor esplanare.

Frate, 'l to stato 'n sapor de gusto,

ma eo ch'ho bevuto portar non p' el mosto; 60

no n'aio cerchio che sia tanto tosto

che la fortuna no 'l faccia alentare.

 

 

3

 

L'omo fo creato vertoso,

vlsela sprezar per sua follia;

lo cademento fo pericoloso,

la luce fo tornata en tenebria;

lo resalire e[m]posto faticoso; 5

a chi nol vede parli gran follia,

a chi lo passa parli gloroso

e paradiso sente en questa via.

L'omo, quando emprima s peccao,

deguastao l'ordene de l'Amore: 10

ne l'amor propio tanto s'abracciao

ch'enantepuse s al Creatore;

la Iustizia tanto s'endegnao

che lo spogliao de tutto so onore;

tutte Vertute s ll'abandonao, 15

al dmone fo dato en posessore.

La Misericordia, vedente

che ll'om misero era s caduto,

de lo cademento era dolente,

c en tutta sua gente era perduto. 20

Le sue figliole aduna 'mmantenente

e ne deliverato de l'aiuto;

mandali messaio de sua gente

c 'a l'om misero li sia sovvenuto.

La Misericordia demandata 25

de la sua gente fedel messagera,

che vada a l'omo, en quella cuntrata,

che de lo desperare firit 'era.

Madonna Penetenza c' trovata,

de tutta la sua gente fatt ' schera, 30

e descurrenno porta l'ambasciata

che ll'omo non peresca en tal mainera.

La Penetenza manna lo curreri,

che l'abbergo li deia apparecchiare;

La Contrizone messageri, 35

con seco porta cos'a d[e]spensare;

vennno a l'omo, miselse ad vedere;

i non c'era 'l loco del posare!

Tre soi figlioli fecese venire

e miseli ne l'omo al cor purgare. 40

Emprima s cci messo lo Temore,

che tutto 'l core s li conturbato;

la falsa Scicurtate ietta fore,

che l'omo ava preso et engannato;

poi mese Conoscenza de pudore, 45

vedenno s s sozzo e deformato;

ennela fine li d gran Dolore,

c '[a]Deo ava offeso per peccato.

Vedenno l'omo s cus plagato,

comenza mala mente a ssospirare; 50

la Componzone li fo al lato,

li occhi i non cessan de plorare;

la Penetenza col so comitato

entrano ne lo core ad avetare.

La Confessione loro s parlato, 55

ma en nulla guisa p a Deo satisfare,

c l'om per sne ava fatto lo tomo,

per s devia far 'l relevamento;

per nulla guisa non trovava el como,

venneli de s deffidamento. 60

L'gnelo non tena d'adiutar l'omo

n non pota con tutto 'l so convento;

Deo se pota ben refar la domo,

ma non n'era tenuto per stromento.

La Penetenza manna l'Orazione 65

che dica a ccorte quello ch' scuntrato,

com'ella s'ne en gran confosone,

ch de lo satisfar l'om n' privato:

Misericordia peto e non rasone

et eo la voglio lei per avocato; 70

de lacreme li faccio offerzone,

de cor contrito e multo amaricato.

La Misericordia entra en corte,

en la sua rasone s allegato:

Mesere, eo me lamento de mea sorte, 75

ch la Iustizia s me n' privato;

se l'om pecc e fece cose trte,

le meo officio non ci adoperato;

me co l'omo ferito a morte,

de tutto meo onor s m' spogliato. 80

Iustizia s'appresenta enant'el rege,

a la queston fa responsura;

Mesere, a l'omo fo ['m]posta la lege,

vlsela sprezzar per sua fallura;

la pena li fo data e non se tege; 85

secondo la offensanza, la penura.

Cerca lo iudizio e correge,

se nulla cosa fatta for mesura.

Meser, non me lamento del iudizio

ch'ello non sia fatto con rasone, 90

lamentome che eo non ci aio offizio;

staraioce per zifra a la masone!

So' demorata teco ab initio,

i mai non sentce confosone;

del meo dolor veder ne pi lo 'ndizio, 95

quant 'eo so' amaricata, et ho casone.

Lo Patre onnipotente en caritate

lo so volere s demustrato

e lo tesauro de la Largitate

a la Misericordia l' donato, 100

che ella pzza far la petate

a l'omo per cui stat ' avocato;

e la Iustizia segia 'n veritate

con tutto lo so offizio ordenato.

Lo Patre onnipotente, en chi 'l potere, 105

al so figliol fa dolce parlamento;

O figlolo meo, summo Sapere,

(c en te 'n se i' lo sutilamento))

d'araquistare l'omo n' 'n placere

a tutto quanto lo nostro convento; 110

tutta la corte far' resbaldire

se tu vorr' sonare esto stromento.

O dolce Patre meo de reverenza,

me lo to petto sempre so' morato

e 'n la vertute de l'obedenza 115

per mene sir bene essercitato.

Trvemesse abbergo d'avegnenza,

l 've deia essere abbergato,

et eo faraio questa convegnenza

de conservar ciascheduna en so estato. 120

Deo per sua bontate s formato

un corpo d'una iovene avenante

e, po' ch'el corpo fo organizzato,

creace e l'alma enn uno icto stante;

et en estante l' santificato

de quell'original peccato, c'ante

per lo primo omo s fo semenato

en tutte le progenie sue afrante.

O terra senza tribulo n spina,

germenata de onne bono frutto, 130

de vertute e de grazie s t'' plena,

ponisti fin 'ennelo nostro lutto,

'n lo qual per lo peccato ermo e 'n pena

de Eva, che magn lo vto frutto;

restaurazione de nostra ruina, 135

Vergene Maria, beata en tutto!

Como lo Inimico envidoso

gnne a l'omo emprima per tentare

e, como scalterito e vizoso,

pusese a la femmena engannare, 140

cus lo Patre dolc'e petoso

Santo Gabrel vlse mandare

a Vergene Maria, che sta 'n ascuso,

per lo concepemento annunzare.

Ave, gratia plena en vertute, 145

entra femene tu s' benedetta!

Ella, pensando de questa salute,

de lo temore s fo conestretta.

Non te temere, c en te so' complute

onne profezia, che de te ditta; 150

conceperai e parirai l'adiute

de l'umana gente che sconfitta.

Del modo t'ademanno co' sirne

ched eo concepa, essenno vergen pura.

Lo Spirito Santo sopre 'n te verrne 155

e la vert de Deo far umbratura;

sempre Vergene te conservarne

e Vergene avern' tua genetura.

Et ecco Helysabeth conceputo ne,

essenno vecchia e sterele ['n]natura. 160

Nulla cosa 'mpossebele a Deo,

ci c'a lui place esso pote fare,

per consenti a lo consiglio seo

e tu arrespundi e di' ci che te pare.

Ecco l'ancilla de lo Signor meo, 165

ci che tu dice en me se deia fare!.

Et en estante Cristo concepeo,

Vergene stanno senza dubitare.

Como Adam emprima fo formato

d'entatta terra (dice la Scriptura), 170

cus de Vergen Cristo fsse nato,

che per lui vena far la pagatura.

E novi misi ce stette enserrato,

nacque d'overno ennela gran fredura;

nascenno en terra de suo parentato, 175

n casa li prestar n amantatura.

Cetto s'encomenzar la villania,

la 'mpetate e la desonoranza;

de celo en terra per l'omo vena

a pater pena per l'altrui offensanza! 180

Longo tempo gridammoce Messia,

ch [n]e guaresce la nostra amalanza;

et ecco nudo aiace ennela via,

non chi aia de lui petanza.

Le Vertute ensemor congregate 185

a Deo s fanno granne lamentanza:

Meser, vedete la viditate

c'avim patuta per l'altru' offensanza;

ad alcuno s ne desponsate,

ch'envr de nui aia cura e pietanza, 190

che opprobrio ne tolla e vilitate

e rendane lo pregio e l'onoranza.

Figliole mee, gite al meo Diletto,

ch tutte a lui ve voglio desponsare,

drento ne le sue mano s ve metto, 195

ch ve deiate con lui reposare;

onore e pregio senza alcun defetto,

de tutta gente farvo amirare;

e voi 'l me renderite s perfetto

che sopre celi lo far essaltare. 200

Li Duni, odenno lo maritamento,

curgone a Deo con granne vivacianza:

Meser, nui que farim 'n esto convento?

Starimo sempre mai en vidanza?

Quigno parer nui star en lamento 205

e l'altra corte vivar 'n allegranza?

Se noi ce sonarim Cristo-stromento,

tutta la corte terrimo en baldanza.

O figlioli mei, sit 'adunate

per rendere a la mea corte onore; 210

ora currite e 'nsemor abracciate

lo meo diletto figlio redentore;

e le vertute s mm 'esercitate

en tutto complemento de valore,

s che con loro beatificate 215

siat 'ennela corte de l'Amore.

Le Beatetuden' questo fatto odenno,

con granne vivacianza vengo a ccorte:

Meser, le pelegrine ad te venenno,

albergane, c simo de tua sorte; 220

pelegrinato avimo e state e verno

con amari dne e dure notte;

onn'om ne cacia e parli far gran senno,

c plu simo odate ca la morte.

Non se trov null 'omo ancora degno 225

d'albergare s nobele tesaro;

albergovo con Cristo e dlvo 'n pegno

e voi s l'averite molto caro;

li frutti vo daraio poi nel Renno,

possedirite tutto 'l meo vestaro, 230

demonstrarite Cristo como segno:

'Esto lo Mastro del nostro reparo '.

Lo dulcissimo nostro Redentore

a la Iustizia per l'omo parlato:

Que n'ademanni a l'omo peccatore 235

che deia farte per lo so peccato?

Recolta i c'entro e so' pagatore

de tutto quello a che t'[ne]obligato;

adiutare lo voglio per amore

e de satisfare so' apparecchiato. 240

Meser, se nne vo place de pagare

lo dveto per l'omo c' contratto,

vui lo potete, se vo place, fare,

c site Deo e omo per om fatto;

encomenzato avete a satisfare, 245

volunter ce facc'eo con teco patto,

c tu solo s mme pi placare

e s con teco faccio lo contratto.

O Misericordia, que n'ademanne

per l'omo per cui ' stata avvocata?. 250

Meser, che l'omo sia tratto de banne,

ch' esbannito for de sua contrata;

tribulata so' stata i mult 'agne,

da po' che cadde non fui consulata;

tutta la corte se mo ci aramanne, 255

consolarai me 'n lui compassionata.

Ch la sua enfermetat ' tanta

ch'en nulla guisa se porria guarire,

se onne so defetto non t'amanta

de quel' che fro e so' e so' a venire. 260

Potere, senno e la voglia santa

d' trasformarte 'n onne so devere;

consolare pi me misera afranta,

che tant 'ho planto con amar' suspire!.

Suttile mente i ademannato, 265

ci che tu pete eo s te voglio fare;

de l'Amore s so' ennibrato

che stolto me faraio reputare,

a comparar cus vile mercato,

a cus granne prezzo voler dare; 270

che l'om conosca quanto l'aio amato

morir ne voglio per lo so peccare.

Mesere, ecco ch' l'omo s sozzato

(e de s vilissima sozzura),

se ello, emprima, non fusse lavato, 275

non se p sufferir la sua fetura.

Se non se tarde ad esser medecato!

Se tu no 'l fai, non chi n'aia cura.

Da tutta gente stat ' desfidato:

se nn ' vivo, star 'n grann 'afrantura. 280

Uno bagno multo prezoso

aio ordenato, a lo meo parere,

che non sia l'omo tanto salavoso

che plu che neve no 'l faccia parere:

lo battesemo santo gloroso, 285

che d'onne male fa l'omo guarire.

Chi se nne lava, sirne avetoso,

se non recade per lo so fallire.

Iustizia, odenno questo fatto:

Meser, eo s me deio satisfare, 290

l'om s far con meco lo contratto,

ch servo s se deia confessare;

penssse essere Deo, rompenno 'l patto;

voglio che se deia umilare,

che fede m'e[m]prometta e sia ben atto 295

ad omnia ch'e' i vorraio comandare.

Respundi, omo, e di' ci che te pare,

se vli fare la promissone.

Meser, et eo 'l prometto d'oservare,

renunzo a lo demono e a sua masone 300

e fede t'e[m]prometto confessare

ad onne gente e ad onne stasone;

credo per fede ne porrim salvare

e senza fede aver nui dannazione.

Mesere, ecco ch' l'omo batizzato, 305

neli oporto forza con mastria,

che contra lo 'nnemico sia armato,

che pzza stare en tua cavallaria;

c lo 'nnemico tanto essercetato,

vencerallo per forza o per falsa; 310

se da tene non fusse confirmato,

'n estante s pigliara mala via.

Mesere, quando l'om fece fallanza,

s me firo multo dura mente;

e stulta mente puse sua speranza 315

ch'e' non 'n faria vendetta, al so parvente;

voglio ched el conosca la falsanza

e unqua mai non li sca de la mente;

signo ne port 'en fronte en revembranza

quanto 'l peccato s m' desplacente. 320

Mesere, volunter ne porto signo,

ch eo so reformato a tua figura;

vedennome signato, lo Maligno

non me aponter con sua fortura

Et eo ne la tua fronte crocesigno 325

de crismate, salute a tua valura;

confrtat 'e combatte, ch'eo d regno

ad quilli ch'en mea schera ben adura.

La Misericordia parlante:

Mesere, l'omo tantao deiunato 330

che, se de cibo non fusse sumante,

la debelezza l' i consumato.

Et eo li do lo meo corpo avenante

e 'l sangue che 'scito del meo lato,

pane e vino, en sacramento stante, 335

che da lo preite sir consecrato.

Iustizia ce pete la sua parte:

'nante che l'omo se deia cibare,

de caritate me far le carte

ch'isso Deo sopre omnia deia amare 340

e, 'l prossimo con Deo abraccante,

sempre onne so ben desiderare.

Meser, et eo prometto de ci farte,

c eo ne so' tenuto e degol fare.

La Misericordia non fina 345

ademannare la necessitate:

Meser, se l'omo cadesse en ruina,

como faria de quella infirmitate?.

Ordenata li ho la medecina:

La Penetenza, ch' de tua amistate; 350

se mai lo repigliasse la malina,

recurra a lei e aver sanetate.

Iustizia ce pete la sua sorte:

Meser, eo deio stare a cquesta cura,

l'om me sostener fine a la morte 355

a pater pena e onne ria esciagura.

Meser, et eo prometto de star forte

ad onne pena, non sia tanto dura.

S 'eo obedesco, me oprerai le porte

de celo, 'l qual perd' per mea fallura. 360

Mesere, l'om vistito de carne,

ennela carne pate grann 'arsura;

se lla concupiscenzia l'afragne,

dli remedio 'nnela sua afrantura.

Mogl 'e marito, ensemora compagne, 365

ensemor usaranno, per pagura

che lla concupiscenzia non cagne

lo entelletto de la mente pura.

Meser, s'el matremonio s s'usa

con la temperanzia che vertute, 370

la sua alma non sir confusa,

camparla de molte ree cadute.

Mesere, la mea carn ' vizosa,

esforzarnla en tutte mee valute,

c la sua amistate m' dannosa 375

e molte gente so' per lei perdute.

La Misericordia i non posa

la necessetate ademannare:

Mesere, ordenate questa cosa

per chine s se deia despensare. 380

Autoritate s d coposa

al preite, ch lo deia amministrare:

de benedicer e consecrar l'osa

e de poter asciogliere e ligare.

Iustizia, odenno questa storia, 385

allegace che nulla cosa vale,

se la Prudenza, ch' de vert flria,

non n' vestuto l'om sacerdotale

(e d'essa sia vestuta la memoria):

Omo ch' preite salga sette scale 390

e sia spogliato d'onne mala scoria,

c'a terra non deduca le sue ale.

La Misericordia vedenno

la battaglia dura del finire,

li tre ennemici ensemor convenenno, 395

ciascheuno se assetta da ferire:

Meser, dnne to adiuto a ddefendenno,

ch l'omo se nne pzza ben scrimire!.

Oleo santo ne lo stremo ognenno,

lo so ennemico no 'l porr tenere. 400

Iustizia ci apresenta una vertute,

che abesogna molto a questo fatto:

la Fortetuden, con' a ree ferute

s se cce spezza e dice al ioco: Matto! .

Le Sacramenta, ensemor convenute, 405

con le Vertute nno fatto patto

de star ensemor e non sian devedute,

e la Iustizia s ne fa 'l contratto.

Iustizia si addemanna l'atto

de le vertute en tutto so placere: 410

e la Misericordia tal fatto

per nulla guisa li pte adimplire;

ma s'ella co li Doni p far patto,

deliverato de essercire;

ensemor ademanna questo tratto 415

a Christo, che ce deia sovvenire.

Ad essercetar la Caritate

lo Don de Sapenzia c' dato;

en la Speranza, ch' d'alta amistate,

lo Don de lo 'ntelletto c' donato. 420

'n la Fede, che li celi trapassati,

lo Don de lo Consiglio c' albergato.

Li Doni e le Vertute congregate

ensemor nno fatto parentato.

A la Iustizia bene essercetare 425

Dono de Fortezza sse li dona;

la Prudenzia bella ce non pare,

s 'el Don de la Scenzia ce non sona;

la Temperanzia non ce p ben stare,

s 'el Don de Petate non li prona; 430

la Fortetuden non ci bono affare,

s 'el Don de lo Temore no la zona.

De la Fede e de lo Consiglio

lo Povero de spirito n' nato;

Fortezza e Temore fatt ' figlio, 435

beato Mito en tutto desprezzato;

Iustizia e Fortezza a lor simiglio

beato Lutto ci nno generato;

Prudenzia e Senno nno fatto piglio,

Fame de Iustizia n' apportato. 440

De la Temperanza e Petate

la Misericordia ne nata;

d'Entelletto e Spene e alt 'Amistate

Mundizia de cor generata;

de la Sapienzia e Caritate 445

la Pace en core si tranquillata.

Pregimo la beata Ternetate

che ne perduni le nostre peccata.

 

 

4

 

Or chi averia cordoglio vorriane alcun trovare,

ch li voria mustrare dolore esmesurato.

Vorria trovare alcuno c'avesse pigitanza

de lo meo core affritto pleno de tribulanza;

o Deo de diritanza, como m'i endurato? 5

Veio che iusta mente ime de te punito;

mustrato m'i el defetto per ch'i da me fugito;

iustizia m' ferito et me de te privato!

Non trovo pigetanza che m'armenava a ccorte;

quale lo 'nserrime che m' cluse le porte? 10

La 'ngratetudene forte temme l'uscio enserrato.

Veio che non me iova plagnere n suspire

n legere n orare, ch'eo te pzza invenire;

la lengua no 'l sa dire quant ' el meo cor penato!

La lengua no 'l sa dire, c 'l core no 'l p pensare;

ben va fin al dolore, ma non ce pte entrare,

ch' maiur ca lo mare lo dolor c'ho albergato.

Signor, non n'i cordoglio, ch'el meo mal vidi e senti?

Vorriame metter cordoglio all 'altra bona iente;

lo dire non negente, ch 'l parlar m' mozzato. 20

Vorria trovare alcuno che llo s'endivinasse;

non se 'n porria soffrire che non se nne plorasse!

O Deo, et o' me lasse, enfra inimici, esciarmato?

Giraio como Ura, 'sciarmato a la bataglia;

sacio ch'eo ce moro en questa dura semblaglia; 25

n l' chi li nn 'encaglia moro detoperato.

E que s' fatta l'arme, con que me defendia

e tutti miei inimici con ess 'esconfegia?

Pres 'ho la mala via como Sanson legato.

Signore, eo vo cercanno la tua nativitate 30

e mettom 'a vedere le to penalitate;

non ci ho suavetate, ch ll'amor erfredato.

Be, veio beneficia, per ch'eo te deio amare

e vlle recercanno per poter 'artrovare;

non me iova el cercare, perch 'l m'i eisigliato. 35

Vedenno 'l meo cordoglio, s me sse move planto,

ma un planto esciucco, che ven de core affranto;

et ov ' dolzore santo, che me ss ' s incarato?

 

 

5

 

Vorria trovar chi ama,

multi trovo ch'esciama.

creda[n ']essere amato,

retrovome engannato,

dividenno lo stato 5

per che l'omo s n'ama.

L'omo non ama mene,

ama que de me ne;

per, vedenno bene,

veio che falso m'ama. 10

S 'e' so' ricco, potente,

amato da la gente;

retornanno a n[e]iente

onn'omi s me desama.

Ergo l'avere amato, 15

cd eo so' ennodato;

per 'n foll 'estato

chi en tal pensier s'ennama.

Veio la gentelezza,

che no n'aia ricchezza, 20

retornare a vilezza;

onn'om l'apella brama.

L'omo ch' enserviziato

da molta gente amato;

vedutolo enfermato, 25

onn'omo s ll'alama.

L'omo c' sanetate

trova granne amistate;

se i vn la tempestate,

rmpeseli la trama. 30

L'omo te vle amare,

mentre ne p lograre;

se no i pi satisfare,

tllete la tua fama.

Fugio lo falso amore, 35

ch no me prenda el core;

retornome al Signore,

ch'esso lo vero ama.

 

 

6

 

Or se parer chi aver fidanza?

La tribulanza, ch' profetizzato,

da onne lato veiola tonare.

La luna scura e 'l sole ottenebrato,

le stelle de lo cel veio cadere; 5

l'antiquo serpente pare scapolato,

tutto lo mondo veio lui sequire.

L'acque s' bevute d'onne lato,

fiume Iordan se spera d'engluttire

e 'l populo de Cristo devorare. 10

Lo sole Cristo, che non fa mo segna,

per fortificar li soi servente;

miracul' non vedim, che dia sostegna

a la fidelitat 'ennela gente.

Questone ne fa gente malegna, 15

opprobrio ne dico mala mente;

rendenno lo' rason, no i 'l potem trare.

La luna 'n Cristo l'ecclesia scurata,

la qual la notte al mondo reluca.

Papa e cardenal ', con' l' guidata, 20

la luce ne tornata en tenebra;

la universitate clericata

l'[]encursata e pres ' mala via.

O scire Deo, e chi porr scampare?

Le stelle che de celo so' cadute, 25

la universitate relosa;

multi de la via se so' partute

et entrati per la via spinosa.

L'acque de lo deluvio so' salute,

copert ' munti, somers 'onne cosa. 30

Adiuta Deo, adiut 'a lo notare!

Tutto lo mondo veio conquassato

e precipitanno va en ruina;

como l'omo ch' 'nfrenetecato,

a lo qual no p om dar medecina, 35

li medeci s l'nno desfidato,

ch non ce iova incanto n dottrina;

vedemolo enn estremo laborare.

Tutta la gente veio ch' signata

de caratti de l'antiquo serpente; 40

et en tre parte 'n ce l' divisata:

chi d'una campa, l'altra el fa dolente.

L'Avarizia ne lo campo 'ntrata,

fatt ' sconfitta e morta molta gente;

e pochi so' che voglia contrastare. 45

Se alcuno ne campa d'esta enfronta,

metteli lo dado del sapere;

nflalo la scienzia e 'n alto 'l monta

'n vilepennere l'altri en so tenere;

a l'altra gente le peccata conta, 50

le so porta dereto a non vedere;

voglione dicer multo e niente fare.

Quelli pochi che ne so' campati

de questi dui legami dolorusi,

enn altro sottil laccio li ligate; 55

['n]signi de santit so' desusi,

far miraculi, rendar sanetate;

dicer ratt 'e profezie so' gulusi;

se alcun ne campa, ben p Deo laudare!

rmate, omo, ch sse passa l'ora, 60

che tu pzze campar de questa morte;

c nulla ne fo ancora cus dura,

n altra ne sir i mai s forte.

Li santi n'ber multo gran pagura

de venire a prendere queste scorte; 65

ad esserne scecur' stolto me pare!

 

 

7

 

Audite una 'ntenzone, ch' 'nfra l'anema e 'l corpo;

bataglia dura troppo fine a lo consumare!

L'anema dice al corpo: Facciamo penetenza,

ch pozzamo fugire quella grave sentenza

e guadagnim la gloria, ch' de tanta placenza; 5

portimo onne gravenza con delettoso amare.

Lo corpo dice: Trbone d'esto che t'odo dire;

nutrito so' en delicii, non lo porria patere;

lo celebr 'aio debele, porria tosto 'mpazzire;

fugi cotal penser, mai non me ne parlare. 10

Sozzo, malvascio corpo, lussuroso e 'ngordo,

ad onne mea salute sempre te trovo sordo;

sostene lo fragello d'esto nodoso cordo,

emprend 'esto descordo, c 'n t' ci po a danzare!.

Succurrite, vicine, c ll'anema m' morto; 15

allis 'e 'nsanguenato, disciplinato a torto!

O impia crudele, et a que me i redutto?

Star sempr 'en corrotto, non me porr alegrare.

Questa morte s breve non me sira 'n talento;

smme deliverata de farte far spermento: 20

de cinqui sensi tollote onne delettamento

e nullo placemento te aio voglia de dare.

Se da li sensi tollime li mei delettaminti,

staraio enflato e tristo, pleno d'encresciminti;

torrte la letizia ne li toi pensaminti; 25

megl' che mo te pente che de far lo provare.

La camiscia espgliate e veste esto celizzo

(la penetenza vtate, che non agi delizzo),

per guigliardone donote questo nobel pannizzo,

c de coio scorfizo te pensa' amantare. 30

De l'onferno aricastela esta vesta penosa,

tessola lo diavolo de pili de spinosa;

onne pelo me mrceca como vespa ardigliosa,

nulla ce trovo posa, tanto dura me pare.

Ecco lo letto, psate, iac'enn esto graticcio; 35

lo capezzale, aguardace, ch' un poco de pagliccio;

lo mantellino cprite, adusate co 'l miccio!

Questo te sia deliccio a quel che te vi' fare.

Guardate a lletto morvedo d'esta penna splumato!

Petre rotunde veioce, che venner de fossato; 40

da quale parte volvome, rompomece el costato,

tutto so' conquassato, on ce pzzo pusare.

Corpo, surge lvate, c sona a matutino;

leva su[ne], scionncchiate! Enn officio divino!

Lege nove emponote perfine a lo maitino; 45

emprend 'esto camino, ch sempre 'l t' po a usare.

E como surgo, lvome, che non aio dormito?

Degestone guastase, non aio ancor paidito;

escursa m' la regoma pro fredo ch'e' ho sintito;

'l tempo non n' fugito, pse recoverare. 50

Et o' staste a 'mprendare tu questa medecina?

Per la tua negligenzia dtte una disciplina;

se plu favelle, tollote a pranzo la cocina;

a curar tua malina quest ' lo medecare.

Or ecco pranzo ornato de delettoso pane! 55

Nero, duro, zzemo, che no 'l rsera 'l cane.

Non lo pzzo engluttire, s rio sapor me sane;

altro cibo me dne, se mme vl' sostentare.

Per lo parlar c'i fatto tu lassarai lo vino,

et a prandio n a ccena non magnarai cocino; 60

se plu favelle, aspttate un grave desciplino;

questo prometto almeno: no 'n te porr' mucciare.

Recordo d'una femena ch'era bianca e vermiglia,

vestita ornata morveda ch'era una maraviglia!

Le so belle fattezze lo pensier m'assuttiglia; 65

multo te me simiglia de poterli parlare!.

Or attende a lo premio de questo ch'i pensato:

lo mantello aritllote per tutto esto overnato,

le calciamenta lssale per lo folle cuitato,

et un desciplinato fine a lo scortecare. 70

L'acqua ch'eo beio nceme, caio 'n etropesia;

lo vino, prego, rnnilme per la tua cortesia!

Se tu sano conserveme, gir ritto per via;

se caio 'n enfermaria po te m' [a]guardare.

Da poi che l'acqua ncete a la tua enfermetate 75

e a mme lo vino nceme a la mea castitate,

lassam lo vino e l'acqua per nostra sanetate,

patiam necessetate per nostra vita servare.

Prego che no m'occidi, nulla cos'ademanno;

en verit promettote de non gir mormoranno; 80

lo entenzare veiome che me retorn 'a danno;

che non caia nel banno vogliomene guardare.

Se te vorrai guardare da onne offendemento,

sirte tratta a dare lo to sostentamento

e vorrme guardare da lo to 'ncrescemento; 85

sir delettamento nostra vita salvare.

Or vedete el prelio, c' onn 'omo nel suo stato;

tante so' l'altre prelia, nulla cosa ho toccato;

ch non faccia fastidio, iol abrivato.

Finesco esto trattato en questo loco lassare. 90

 

 

8

 

La Veretate plange, ch' morta la Bontate,

e mustr 'a le contrate l 've vulnerata.

La Veretat 'envita tutte le creature,

ch vengano al corrotto, ch' de tanto dolore.

Celo terra mare, aier foco calore, 5

fanno granne remore d'esta cosa 'scuntrata.

Plange la Innocenzia: En Adam fui firita,

'n Cristo resuscitata; or so' morta e perita.

Vendeca nostra eniuria, Magestat 'enfinita,

ch veia om la fallita per la pena portata. 10

La Lege naturale s fa gran lamentanza

e fa uno tal corrotto, ch' de granne pietanza:

O Bont nobelissima, chi ne far vegnanza

de tanta iniquitanza, che de te demustrata?.

La Lege mysaica con le dece Precepta 15

fanno granne romore de la Bont deietta:

O Bont nobelissima, co' te vedemo afflitta!

Chi ne far vendetta, ch'e' tanto desprezzata?.

La Lege de la Grazia co lo so parentato

fanno clamor enn alto, sopr'el cel n' passato: 20

O Patre onipotente, pari adormentato

d'esto danno scuntrato, che onne cosa guastata.

L'alta Vita de Cristo co la Encarnazone

fanno clamor s alto sopr'onne clamasone;

clama la sua Dottrina, clama la Passone: 25

Signor, fanne rasone, ch'e' sia ben vendecata.

La Divina Scriptura co la Filosofia

fanno corrotto granne con granne dolenta:

O Bont nobelissima, nostro tesauro e via,

granne fo villania averte s prostrata. 30

L'Articul' de la Fede so' ensemor congregati:

O lasci a nui dolenti, co' simo desolati!

Nostra fatica e frutto smone derobati,

la vita en tal' peccati non sia plu comportata.

Le Vertute s plango de uno amaro planto: 35

O Bont nobelissima, nostro tesauro e canto,

non trovamo remedio de lo dannaio tanto;

lo nostro dolor quanto nulla mente stimata.

Plango le Sacramenta: Nui volemo morire

da poi che la Bontate vedemo s perire; 40

non ne iova el vedere e no sapem do' gire!

Vendeca, iusto Scire, che l' s mal trattata.

Li Doni de lo Spirito clamano 'n alta voce:

Vendeca nostra eniuria, alta, divina luce!

aguard 'a lo naufragio che patem 'n esta foce; 45

se ttu non ne si duce, perim 'n esta contrata.

Fanno granne corrotto l'alte Beatetute:

Aguardace, Signore, co' sim morte e abattute;

oi lasci a nui dolente, a que sim devenute!

Peio simo tenute ca vizia reprobata. 50

Plango le Relone e fanno gran lamento:

Aguardace, Signore, a lo nostro tormento.

Poi la Bontat ' morta, simo en destrugemento;

como la polve al vento nostra vita tornata!.

Li Frutti de lo Spirito s fanno gran remore: 55

Vendeca nostra eniuria, alto, iusto Signore!

La Curia romana, c' fatto esto fallore,

curriamoce a furore, tutta sia dissipata.

Fase clamare Ecclesia le membra de Anticristo;

agurdace, Signore, no 'l comportar plu quisso! 60

Prgala questa Ecclesia; e quel che c' mal visso

sia en tal loco misso che purge so peccata!.

 

 

9

 

O iubelo de core,

che fai cantar d'amore!

Quanno iubel se scalda,

s fa l'omo cantare;

e la lengua barbaglia, 5

non sa che se parlare;

drento no 'l p celare

(tant ' granne! )el dolzore.

Quanno iubel c' aceso,

s fa l'omo clamare; 10

lo cor d'amore apreso,

che no 'l p comportare;

stridenno el fa gridare

e non virgogna allore.

Quanno iubelo preso 15

lo core ennamorato,

la gente l' 'n deriso,

pensanno el so parlato.

parlanno esmesurato

de que sente calore. 20

O iubel, dolce gaudio,

ched entri ne la mente!

Lo cor deventa savio,

celar so convenente;

non p esser soffrente 25

che non faccia clamore.

Chi non custumanza

te reputa empazzito,

vedenno esvalanza

com 'om ch' desvanito. 30

Drent ' lo cor ferito,

non se sente de fore.

 

 

10

 

Alte quatro vertute so' cardenal' vocate,

o' nostra umanetate perfice lo so stato.

Como l'uscio posase ne lo so cardinile,

cus la vita umana 'n esto quatrato stile.

Anema c'amntase questo nobel mantile 5

pse clamar gintile, d 'onne ioi adornato.

La prima la Prudenzia, lume dello 'ntelletto;

la secunda Iustizia, che essercita l'Affetto;

la terza Fortetudene contra l'averso aspetto;

la quarta Temperanza contra van delettato. 10

Altessima Prudenzia, baila de la Rasone,

demstra[n ']'l bene e 'l meglio, lo sommo en la stasone;

demstra[n ']'l male e 'l peio, 'l pessimo e la casone,

en la dannazone, che 'n l'omo dannato.

Altissima Prudenzia, col mercatar suttile 15

de trare cose utile (non sia cosa s vile),

beato quel coraio che ten ritto tuo stile!

Pse clamar gintile, degno de grann 'estato.

Non par che la Prudenzia pzza bono operare

senza l'altre vertute, che la deio adiutare; 20

envita la Iustizia che n' ce deia albergare,

ch deia essercetare ci che ella pensato.

'n estante la Iustizia ['m]posta lege al core,

che sopre onne cosa sia amato Deo Signore

con tutte le potenzie e con onne fervore,

ch li ss 'aff l'onore d'essere cus amato.

Iustizia conestregneme 'n lo prossimo adamare,

c, se verace amore, loco se vl mustrare;

como l'auro a lo foco lo fa paragonare;

cus se vl provare l'amor c'aio albergato. 30

La Fortetudene loco a tal pugna portare,

adamar e[n]lo prossimo che te fa enurare;

tolle fura engnnate e statte a menaciare;

poterlo sempre amare parme amor aprobato;

ch 'nn amare lo prossimo grann 'esvalanza, 35

ch 'l trove desformato, pleno de niquitanza;

poter amar so essere, orrir la mala usanza

ne essaminanza de l'amor aprobato.

Aio lo corpo endomito con pessimo appitito;

la Temperanza enfrenalo, ch de mal nutrito; 40

ad onne ben recalcitra, como fusse ensanito;

a gran briga varito, de tal guisa amalato.

Lo viso se fa povero de forme e de culuri,

l'audito sprezza snora, che so' plen' de vanure

lo gusto en poche cibora contemne li sapuri 45

desprezzase li odori co onne vestire ornato.

Da poi ch' el corpo prdese de for la delettanza,

l'anema conestregnese trovare altra amistanza;

la fede mustra e 'nsgnate l 'v ' la ver 'amanza,

mnate la Speranza l 'v ' l'Amor beato. 50

 

 

11

 

O alta penetenza, pena enn amor tenuta!

Grann ' la tua valuta, per te cel n' donato.

Se lla pena tneme e 'n m' desplacemento,

lo desplacere arecame la pena en gran tormento;

ma s'e' aio la pena redutta 'n meo talento, 5

mme delettamento l'amoroso penato.

Sola la colpa 'n odio a l'anema ordenata,

e la pena l' gaudio, 'n vertut 'essercetata;

lo contrario sntese l'anema ch' dannata,

la pena ennodata, la colpa en delettato. 10

O amirabile odio, d 'onne pena signore!

Nulla recepi eniuria, non n'i perdonatore;

nullo inimico trvete, onnichivel 'n amore;

tu solo ' 'l malfattore, degno del tuo odiato.

O falso amor propio, c'i tutto lo contraro! 15

Multa recepi eniuria, de perdonanza avaro;

mult 'inimici trvite, null 'om te trovi caro;

Io to vivere amaro l'onferno 'ncomenzato.

O alta Penetenza en meo odio funnata,

atto de la grazia, che me fo gratis data 20

fuga l'amore propio con tutta sua mainata,

c ll'anem ' sozzata 'n bruttura de peccato.

En tre modi pareme devisa penetenza:

contrizone 'mprima ch' empetra la 'ndulgenza;

l'altr ' confessone, che l'anem 'aragenza; 25

l'altr ' satisfacenza de dveto pagato.

Tre modi fa a l'anema peccato percussure,

c emprima offend '[a]Deo, ched su' creatore;

la simiglianza tolleli c'ava de lo Signore

e dse en posessore del demone dannato. 30

Contrizone adornase de tre medecaminti:

contra l'offesa i Deo dli dulur' pognente,

contra la desformanza un vergognar cocente

et un temor fervente, ch' el demone fugato.

Per lo temor escacciase quella malvascia schera, 35

la simiglianza rnneise per la vergogna vera,

per lo dolor perdnaise l'offesa de Deo fera;

e ss 'n questa mainera curre questo mercato.

Confessone preme atto de veretate,

occultata malizia redutta a claritate; 40

per la bocc'areiettase tutta la 'nfermetate,

reman l'omo 'n santate de vizio purgato.

Lo satisfare pareme iustizia en en so atto;

fruttificata morte fece l'arbor desfatto,

fruttificata grazia s fa l'arbor refatto; 45

ciascheun senso fa patto de viver regulato.

L'audito entra en scola a 'mprendere sapienza,

lo viso ietta lacreme per la gravosa offensa,

lo gusto entra en regula de ordenata astinenza,

l'odor fa penetenza ('n enfermaria s' dato). 50

E lo tatto ponescese de soi delettaminti,

li panni moll 'espogliase, veste panni pognente,

de castetate adornase, vardata 'n argumente,

en far de s presente a Deo ch' multo 'n grato.

 

 

12

 

Signor, dme la morte

'nante ch'e' plu t'afenda

e lo cor me sse fenda

ch' en mal perseveranno.

Signor, non t' iovato 5

mustrannome cortesia,

tanto so' stato engrato

pleno de vellania.

Pun fine a la vita mia,

che gita t' contrastanno. 10

Megl ' che tu m'occide

che tu, Signor, si' offeso;

ch'e' non me amendo, i 'l vide,

nanti a ffar male so' acceso;

condanna orama' quest 'appeso, 15

ch so' caduto nel banno.

Comenza far lo iudicio,

tollarme la santate;

al corpo tolli l'officio,

che no n'aia plu libertate, 20

perch 'n prosperetate

gita l' male usanno.

E tolli a la gente l'affetto,

non n'aia de me pietanza,

perch'eo non so' stato deritto 25

avere a l'infirmi amistanza;

e tollime la baldanza,

ch'e' non ne vaga cantanno.

Adunense le creature

a far de me la vendetta, 30

ch mal l'ho usate a tuttore

contra la lege deritta;

ciascheuna la pena 'n me metta

per te, Signor, vindecanno.

Non per tempo el corrotto, 35

ch'eo per te, Signor, deio fare,

plangenno continovo 'l btto,

devennome de te privare.

O cor, e co' 'l pi pensare

che 'n te non vai consumanno? 40

O cor, e co' 'l pi pensare

de lassar turbato l'Amore,

faccennol de te privare,

o' pato tanto labore?

Or pensa lo so desonore 45

e de te non gire curanno.

 

 

13

 

O Regina cortese, eo so' a vvui venuto,

c'al meo core feruto deiate medecare!

Eo so' a vvui venuto com 'omo desperato;

perduto onn 'altro adiuto, lo vostro m' lassato;

s 'e' nne fusse privato, farme consumare. 5

Lo meo cor feruto, Madonna, no 'l so dire;

et a tal venuto che comenza putire;

non deiate suffrire de volerm 'adiutare.

Donna, la sufferenza s mm ' pericolosa,

lo mal pres ' potenza, la natura dogliosa; 10

siatene cordogliosa de volerme sanare!

Non aio pagamento, tanto so' annichilato;

fatt ' de me stromento, servo recomparato.

donna, 'l prezzo c' dato, Quel c'avisti a lattare.

Donna, per quello amore che mm ' 'vuto 'l to figlio, 15

devri aver en core de darme 'l to consiglio.

Succurri, aulente giglio, veni e non tardare!.

Figlio, poi ch'' venuto, multo s mm ' 'n placere;

ademannime adiuto, dllote volunteri;

s t'opport ' a suffrire con' per arte vi' fare. 20

Medecar per arte; emprima fa' la dieta;

guard 'a sensi de parte, ch nno dian plu firita,

la natura perita che sse pzz 'agravare.

E 'n piglia l'ossemello, lo temor del morire;

(ancora si' fancello, cetto ce d' venire)); 25

vanet larga gire, non p teco regnare.

E ['n]piglia decuzione, lo temor de l'onferno;

pensa 'n quella presone (non n'esco 'n sempiterno! );

la plaga gir rompenno, farllate arvontare.

Denante al preite mio questo venen arvonta; 30

ch l'officio sio, Deo lo peccato esconta;

c, s'el Nimico ci aponta, no n'aia que mustrare.

 

 

14

 

O amore muto,

che non voli parlare, ch non si' conosciuto!

O amor che tte celi per onne stasone,

c'omo de for non senta la tua affezone;

che no la senta 'l latrone, 5

ch quel t'i guadagnato, ch non te sia raputo!

Quanto plu om te cela tanto plu ['n]foco abunne!

Omo tne occultanno, sempre al foco ci aiugne;

et omo c' l' empugne

de volerte parlare, spesse volt ' feruto. 10

Om che da s s'estenne de dir so entennemento

(avvenga che sia puro 'l primo encominciamento),

vnce de for lo vento

e vail espalano quel c'ava receputo.

Omo che alcun lume en candelo apicciato, 15

se vl che arda en pace, mettelo a lo celato

et onne uscio 'nserrato,

che no ce i venga 'l vento, ch' el lume no i sia

estenguto.

Tale amore n 'e[m]posto silenzio a li suspire

e ss ' parato a l'uscio, no ne li larga 'scire; 20

drento i fa parturire,

che no se spanna la mente de quello ci sentuto.

Se se nn 'esc'el suspiro, scesen po' llui la mente;

va po' llui vananno, larga quel c' 'n presente;

po' che se nne resente,

non pte retornar quello che ava entenduto.

Tale amore [e]sbannita da s la ipocresia,

ch'sca de so contato, trovata ce non sia.

De gloria falsa e ria

se nn ' fatta la caccia, de le' e de so trebuto. 30

 

 

15

 

Ensegnateme Ies Cristo, ch eo lo voglio trovare,

ch eo l'aio udito contare ch'ell ' de me 'nnamorato.

Pregove che m'ensegnite la mea ennamoranza;

faccio gran villania de far plu demoranza,

fatta ne lamentanza de tanto che me aspettato. 5

Se Ies Cristo amoroso tu lo vollese trovare,

per la valle de vilanza che t'[ne]opporto [a]d entrare;

nui lo potemo narrare, c multi lo ci ne abbergato.

Pregove che consiglite lo core me' tanto affritto

e la via me ensegnite, ch' 'l pzza tener lo deritto; 10

da poi c'ad andare me metto, ch'eo non pzza essere errato.

La via per entrar en villanza multo stretto a l'antrata,

ma po' che drento sirai, lebbe te 'n fi' la iornata;

sirine assai consolata, se c'entrarai 'n quello stato.

Oprtemenne la porta, ch'eo voglio entrar en viltate; 15

c, se Ies Cristo se trova en quelle vili contrate,

decetelo en veretate, c multi lo ci ne trovato.

Non te ce lassamo entrare (iurato l'avem de presente),

ch nullo ce pte transire, che aia vestire esplacente;

e ttu i vesta fetente, l'odore ne conturbato. 20

Qual el vestire ch'e' aio, el qual me fa putugliosa?

Ch eo lo voglio iettare, per essere a Deo grazosa;

e 'n como devente formosa lo core ne ho enanemato.

Ora t'espoglia del mondo e d'onne fatto mundano,

ch tu n'i multo 'ncarcata e 'l core non porte sano; 25

pare che l'agi s vano del mondo o' n'i conversato.

Del mondo c'aio 'l vestire, vegente vui, me nn 'espoglio;

e nullo encarco mundano portare meco non voglio;

et onn 'encreato ne tollo, ch'eo 'n core n'avesse adunato.

E non n'i[t]e, par[c]e, spogliata come so converria,

del mondo no n'i desperata, spene ci i falsa e ria; 30

spgliaten e ittala via, ch'l cor non te sia reprobato.

Et eo me 'n voglio spogliare d'onne speranza ci avesse

e vogliomene fugire da onn 'om che me sovenesse;

megl ' s'eo en fame moresse ca 'l mondo me tenga legato. 35

Non n'i[te], parce, spogliata che llo ne sia 'n placemento;

la spirital amistanza granne ne i vestemento;

usato che ietta gran vento e multi se ci tralipato.

Multo m' duro esto vero, lassare loro amistanza,

ma veio che loro usamento m'areca ad alcuna onoranza; 40

per aquistar la vilanza siraio da loro occultato.

Non ne t' oporto a fugire loro usamento a stasone,

ma tte oporto a cavere de no ne oprir tua stazzone;

per l'uscio entra 'l latron e portane 'l to guadagnato.

Oprtemenne la porta, prgovenne 'n cortesia! 45

Ch 'eo pzza trovar Ies Cristo, en cui aio la spene mia.

Respundime, Amor, vita mia, non m'essere ormai 'stranato!.

Anema, poi ch'' venuta, respondote volunteri;

la croce, loco meo letto, l 've te poi meco unire;

sacci, se cce vol' salire, averime po' a beverato. 50

Cristo amoroso, et eo voglio en croce nudato salire

e voglioce abraccato, Signore, con teco morire;

gaudio sirme a patere morire con teco abracciato.

 

 

16

 

L'Amor 'n lo Cor se vl rennare,

Descrezon vl contrastare.

L'Amore presa la fortezza,

la Volunt de granne altezza.

Saietta l Cor lancia i dolcezza; 5

dasc' 'l firto, 'l fa empazzare.

Descrezon de granne altura

d'onguento presa l'armadura

en en Rason (l 'v 'ella mora)

con ella se vl defensare. 10

L'Amore non ce vl Rasone,

'nanti saietta suo lancione,

per ch' el Cor vl per presone

e 'l corpo mettar en penare.

Descrezone al Cor s'acosta 15

e fali cordogliosa posta.

La Carne 'l sente, s s' mosta

a darli tutto lo suo affare.

L'Amor non cessa, 'nanti manna

de granne ardor la sua vivanna. 20

Lo cor mannuca e pur encana

et i s forte tal magnare.

Descrezon s parla al Core:

Se tu non n'i me per signore,

veiote ch' en lo tuo ardore 25

non porrai perseverare.

L'Amore, odennol, s saietta

de gran secreto so lancetta;

la Carne 'l sente, stace afflitta,

ch l'mpeto non p portare. 30

Descrezon parla secreta,

al Cor se mustra so moneta:

Or piglia plan la to salita,

che tu non ne pzzi enfermare.

L'Amore spera 'n so fortezza, 35

cotal parlar li par mattezza;

del gran Signor piglia largezza,

ch isso s' ll' da mal guardare.

Descrezon dice: Si' saio,

c multa gente vidut 'aio 40

sequitanno lor disiaio

n dicer pzzo poi: 'Non fare! '.

L'Amor s l'ode e non lo 'ntenne,

de gran fervor su' arco tenne,

saietta l cor, tutto l'acnne 45

del gran Signor che non n' pare.

La Carne dice a la Rasone:

Eo me t'arenno per presone,

adiutame ch'e' n'i' casone,

ch l'Amor me vl consumare; 50

ch i non fara sufficienza

milli corpi en sua ademplenza;

e con Deo sempre s'entenza,

c 'l se crede manecare.

Abraccia Deo e vllo tenere 55

e quel che vle no 'l sa dire;

sputar no 'larga n ranscire,

che non se i pzza travagliare!

Endel celo piglia parte,

poi con meco s commatte; 60

enganname co la sua arte

s me fa dolce predecare;

ch parla s dolce mente

che me suttr de tutta gente;

poi se piglia s la mente 65

che no la larga suspirare.

Pregovo che me n'adiutite,

che un poco lo 'nfrinite,

c soi pensier' me so' firite,

che tutta me fo concussare.

Pigliar ce voglio pensamento

a no ademplire so talento;

e de star sola no li assento,

che eo no i pzza contrastare.

del mondo so' acompagnata, 75

de lui giraio enfacennata;

ch'eo non sia s allapedata,

embrigarlli el medetare.

La Rason dice: Non te iova!

L'Amor venciar vi la prova; 80

s 'ello l di[ne]non te trova,

la notte tu no i p' mucciare.

 

 

17

 

Solo a Deo ne pzza placere,

non me ne curo

ci che l'umana natura me vl dire.

Se san Ioanne Battista arevenisse

a repigliar el torto, 5

ancora mo sira chi l'occidesse;

c lo mondo 'n tal porto

ca lli farisei so' arevenute,

che pro vertute Cristo fr morire.

Li farisei erano relusi 10

ch'erano en quell 'ore;

ne lo lor cor erano envidusi,

pleni de rancore;

mustravanse che non volano onore,

ma lo lor core era en quel disire. 15

O falso reloso or me respundi:

c 'n lo core i enflato,

l'omele per superbia confundi

(et ' 'l quasi affollato)

e crucifige Deo ne l'alma sia, 20

con diciria lo fai quasi perire.

Lvite enn alto e fime gran sermone

ch'e' ho l'occhio turbato;

ten 'me a schergne, ch non vide el travone,

che i nel tuo ficcato. 25

Emprima s procura tua firita,

ch'ell ' s aprita, non se p coprire.

Po' c' apparat 'assai de la Scriptura,

s' me vl' predecare;

e mustreme che la mea vita oscura, 30

la tua non vl' cercare;

e mustreme de for tutto 'l megliore;

non t' 'n amore chi dentro vl sapere.

La relone s tte d una ensegna

co' se fa l balo; 35

ma quello dal so officio s'enfegna,

la corte el voca rio

et una gran catena i mett 'en canna,

c'onn 'omo banna venganlo a vedere.

C 'aio pate s iusto e beato, 40

smene ensuperbito;

ma quanto de so via so' delongato

al mondo so' escuprito.

Cului che ne la neve fa sozzura,

la sua fattura se vorr bannire. 45

L'omo che [ne]ceco del peccato

et gente a guidare,

spesse fiate li guida en lo fossato

e fali tralipare;

e s ll'omo che vle predecare 50

lo so parlare emprima d' ademplire.

Lo falso Inimico s' engegnato

a ttoller povertate;

el sddeto s lega col prelato

ne la sua voluntate. 55

Colui che tolta t' la povertate,

la castetate te far perdire.

Li nostri guidatur' de la bataglia

s' sso' en trademento;

e li confaluner' de la semblaglia 60

s sso' en cademento.

O scire Deo, adiuta a la sconfitta!

La gente afflitta et o' porr fugire?

rance fortezze esmesurate

e poste en granne altura; 65

ma ll'acque del deluio l' passate

de sopre le loro mura;

et nne tolto el vigor de lo notare,

lo santo orare che ne pota guarire.

 

 

18

 

Amor, diletto Amore, perch m'i lassato, Amore?

Amor, di' la casone de lo to partemento,

ch m'i lassata afflitta en gran dubetamento;

se da schifezza i vnto, vogliolten' satisfare;

s 'e' me 'n voglio tornare, non te ne torne, Amore? 5

Amor, perch me dste nel cor tanta dolcezza,

da po' che l'i privato de tanta alegrezza?

Non clamo gentelezza om che d et artolle;

s 'eo ne parlo co' folle, eo me nn 'ho anvito, Amore.

Amor, tua compagnia tosto s' m' falluta, 10

non saccio do' me sia, faccenno tu partuta;

la mente mea esmarruta va chidenno 'l dolzore,

ch li furato ad ore e non se nn ' adato, Amore.

Amore, omo che fura ad altri gran tesoro,

la corte, poi lo piglia, fali far lo restoro; 15

'nanti a to corte ploro che me faccia rasone

de te, granne furone, che m'i sottratto amore.

[La carta de la presaglia mo me ne fa el cortese

ch'eo te pzza pigliare en qual te trovo paiese;

no n'aio da far le spese, morraio ne la strata, 20

che tal ricchezza i furata ch'e' me nne mogo, Amore.]

Amore, lo mercatante, ched multo apreiato,

e 'n ascus 'i fa 'l sottratto a chi i ss ' tutto dato,

da poi ch' spalato, perde la nomenanza

e onn 'om n' dubitanza de crederseli, Amore.

Amor, li mercatanti c' fatta compagnia

e l'un fa li sottratti, non li sse par che sia;

tutta moneta ria lassa 'n lo so taschetto,

la bona tutta scelto; s ne rapisce, Amore.

[Amor, lo meo coraio tu s' ll'i derobato, 30

nulla cosa de bene en me tu ci ' lassato;

el meo danno ho pensato, ch'e' no 'l pzzo estimare,

diomene archiamare a la tua corte, Amore.]

Amor, om c' mercato e vendel volunteri,

vedennol quel che l' brama, dne da lu' fugire? 35

Non lo deveria dire: 'Eo vi' vender mercato '?

Et en cor ten celato che no i vl dare, Amore.

Amor lo to mercato m'era tanto placente,

no 'l m'avissi mustrato, non ne sira dolente;

lassastim' en la mente la loro revembranza, 40

facistilo a sutiglianza per farme morire, Amore.

Amor, omo ch' ricco et moglie ennarrata,

tornali a granne onore, s'ella va mennicata?

Rechez '' esmesurata e non sai quella te 'n fare

e poimen' satisfare e non par che 'l facci, Amore. 45

Amor tu i meo sposo, ime per moglie presa;

trnate a granne onore vetata m' la spesa?

Smmete en mano mesa et ime en le to mane;

la gente sprezzata m'ne, s so' denigrata, Amore.

Amore, om che mustrasse lo pane a l'afamato 50

e no ne i vlse dare, or non sira blasmato?

Da po' che 'l m'' mustrato e vidimen' morire,

pmene suvvenire, e non par che 'l facci, Amore.

[Amor, s'eo ne trovasse ad alcun che n'avesse,

te ['n]porri' escusare ch'eo non te ne chidesse 55

s 'e' per le case gesse ad altri ademannare,

farme a te tornare, ch tu me 'n desse, Amore.]

Amor, lo meo coraio s l'i stretto legato,

vlilo far perire, che li i 'l cibo celato?

Forsa ch'en tal estato mo mme ne vi po' dare 60

ch'eo no 'l porr pigliare; per 'l te 'n recordo, Amore.

Amor, om c' abbergato et 'l tolto a pesone,

se 'l larga 'nant 'el tempo, que no vl la rasone

c'arturne a la masone e pagi tutta la sorte?

I non vl cose trte; a l[e]i me nn 'archiamo, Amore. 65

Omo che te laminti, breve mente responno;

tollenno lo to abbergo, crsice far soiorno;

abbergastic'el mondo e me 'n caciasti via;

donqua fai villania, se tu murmuri de Amore.

Tu sai, mentr 'e' ce stetti, quigne spese ce fice; 70

non 'n te pi lamentare, s te ne satisfice;

c ad nettarlo me misi, ch'era pleno de loto;

e ficel tutto devoto per avetarce Amore.

Quanno eo me nne partci Amor me 'n portai 'l mio;

como lo pi tu dire ch'eo me 'n portasse el tio? 75

Tu sai ch'ell ' s rio c'a me non 'n placere;

ergo co' 'l pi tu dire ch'e' te 'l tollesse Amore?

Quanno neiuna cosa ad alcuno sprezzata

e no i la renn 'entrasatto, no d' essar blasmata,

s ' l'artolle a la fiata, snno colui villano, 80

che non sente de mano de que li prestato Amore.

Tu sai molte fate s ce so' abbergato

e sai co' a gran vergogna s me nn 'i for cacciato;

forsa che t' ad grato ch'eo cce deia avetare,

faccenno detoperare s nobelissimo Amore?. 85

Amor, ditt 'i tal scusa ch'ella se p bastare

a lo mormoramento c'aio voluto fare;

voglio 'l capo enclinare che nne facci vendetta,

e non me 'n tener plu afflitta de celarmette, Amore.

Rennendoten' pentuta, s cce voglio artornare, 90

ancor me fusse fatto villano allecerare;

non voi' che mai to pare facesse lamentanza

ch'eo facesse fallanza de lo legale amore.

 

 

19

 

Cinqui sensi mess ' 'l pegno

ciascheun d'essar el plu breve;

la loro delettanza leve

ciascheun brig 'abrivare.

Emprima s parla l'Audito: 5

Eo ho 'l pegno aguadagnato;

lo sonar che aio odito

de meo organo fugato;

enn un ponto fo 'l toccato

e nulla cosa n' 'n tenere; 10

per vo deveria placere

la sentenzia a me dare.

Lo Viso dice: Non currate,

ch'eo ho vnta la sentenza;

le forme e li culur' ch'e' viddi, 15

clusi l'occhi e fui 'n perdenza;

or vedite l'armagnenza

co' fo breve abrevata!

La sentenza ad me data,

non me par de dubitare. 20

Lo Gusto tr for so libello,

demustranno sua rasone:

La me' abrevata passa,

questo non n' questone,

all 'entrar de la masone 25

dui deta fo lo passaio;

e, 'n lo delettar, que n'aio?

Ch pass co' ssunnare.

L'Odorato s demustra

lo breve delettamento: 30

De oltra mar vnnir le cose,

per avern 'e' placemento;

spese grame con tormento

ce vedete che fr fatte;

qual ne m' remasa parte 35

vui el potete iudicare.

Lo Tatto lussuroso

ce vergogna d'aparire;

lo deletto putoglioso

l' ['n]vergogna a proferire. 40

Or vidit 'el vil placere

quigno prezzo ci lassato;

un fetor esstermenato,

che vergogna a menzonare.

Non fia breve lo penare 45

c' en s breve delettanza;

longo fra a proferire

lo penar 'n esmesuranza;

omo, vide questa usanza

ch' uno ioco en guarmenella; 50

posta ci ' l'anema bella

per un tratto che vl' fare.

Anema mea, tu si eterna,

eterno vl' delettamento;

li sensi la lor delettanza 55

vidi senza duramento;

a dDeo fa' tu' salemento,

Isso sol te p n'emplire.

Loco el ben non sa finire,

c ne eterno en delettare. 60

 

 

20

 

Guarda che non cagi, amico,

guarda!

Or te guarda dal Nimico,

che te mustra essere amico;

non li credare a l'inico, 5

guarda!

Guarda el viso dal viduto,

c 'l coraio n' feruto,

c'a gran briga n' guaruto,

guarda! 10

Non odir le vanetate,

che te trag' a su' amistate;

plu ca bresc'apicciarate,

guarda!

Puni a lo tuo gusto un freno, 15

c 'l superchio li veneno,

a lussuria sintino,

guarda!

Gurdate da l'odorato,

lo qual ne esciordenato, 20

c 'l Siognor lo tt' vetato,

guarda!

Gurdate dal toccamento,

lo qual a dDeo 'n splacemento,

e al tuo corpo strugemento, 25

guarda!

Gurdate da li parente

che non te piglino la mente,

c te far star dolente,

guarda! 30

Gurdate da multi amice,

che frequentan co' formice

e 'n Deo te seccan la radice,

guarda!

Gurdate da li mal' pensieri, 35

che la mente fo firire,

la tua alma emmalsanire,

guarda!

 

 

21

 

La Bontat 'enfinita vl enfinito amore,

mente, senno e core, lo tempo e l'esser dato.

Amor longo, fidele, en eterno durante,

alto en esperanza, sopre celi passante,

amplo en caritate, onne cosa abracciante, 5

enn un profundo stante de core umilato!

La Volont creata 'n enfinetat ' unita,

menata, per la grazia, 'n s alta salita;

en quel cel d'egnoranzia tr a gaudosa vita

(co' ferro a calamita))nel non-Viduto amato. 10

Lo 'Ntelletto egnorante va 'ntorno per sentire,

nel cel calignoso non se 'l larga transire,

ch fra grann 'eniuria la smesuranza scire

(sira maiur sapere ca llo saper ch' stato).

Lo 'Ntelletto egnorante iura fidelitate, 15

sotto l'onipotenzia tener credulitate,

de mai rason non petere alla difficultate,

vive[r]'n umilitate, 'n tal profundo anegato.

O savia egnoranzia, 'nn alto loco menata,

miraculosa mente s ' 'n tanto levata, 20

n lengua n vocabulo entend' en la contrata;

stai como dementata 'n tanto loco ammirato.

O alma nobelissima, dinne que cose vide.

Veio un tal non-veio, c'onne cosa me ride

(la lengua m' mozzata e lo pensier m'abscide), 25

miraculosa sde, veio, enel suo adornato.

Or que frutti redcene d'esta tua visone?.

Vita ordenata n'io[me]enn onne nazone;

lo cor ch'era immundissimo, onferno enferone,

de Ternet masone, letto santificato. 30

Cor meo, ite vennuto ad alto Emperadore;

nulla cosa creata m'archeia ormai d'amore,

ch 'n onne creatura, posta en tanto onore,

nme gran desonore, se 'n me' cor fusse entrato.

Se creatura pteme per lo me' amore avere, 35

vadane a la Bontate, che ll' a ddestribuire;

ch'eo non ci aio que fare, ella l' a possedere;

p 'l far lo so placere, ch llo ss ' comparato!

Lo tempo me demustra ch'a De' ho corrotta lege,

quanno l'aio occupato en non-servir de Rege. 40

O tempo, tempo, tempo, en quanto mal sumerge

a chi non te correge, passanno te ozato!

 

 

22

 

En sette modi, co' a me pare,

destent ' orazone;

como Cristo la ensegnne,

en paternostro sta notata.

La prima orazone, 5

che a dDeo l'omo dega fare,

che lo nome suo ch' santo

en nui deia santificare;

cristiani ne fa 'nvocare

(en Cristo simo batizzati), 10

che siamo purificati

co la vita emmaculata.

La seconda orazone,

unde de' essar pregato,

ch'isso venga avetare 15

lo cor nostro consecrato;

e servelse poi s mundato

ch'isso ce pzza rennare;

sira laido allecerare,

po' ch' fatta la 'nvetata. 20

La terza orazone

ch'el Signor ne vlse dire,

como l' obedito en celo

se deia en terra obedire,

'nantiposto el so volere 25

ad onne cosa che sia,

l'alma e 'l corpo en sua baila,

so' la lege sua servata.

La quarta, che pete el pane,

tre pan' trovo ademannate: 30

el primo devozone,

l'alme en De' refocillate;

l'altro pane 'l sacramento,

ne l'altare consecrate;

l'altro pan ciascheun magnate, 35

onn'esta vita sustentata.

El primo pan ne ten con Deo

abracciat 'en delettanza;

l'altro al prossemo n' legati

en la fedele congreganza; 40

l'altro s ne d sustanza

ne la vita che menamo,

ch'ell ' refezione aiamo

enn onne cosa ch' ordenata.

La quinta che pete a dDeo 45

perdonanza del peccato;

mala fronte i porta enante

chi col frate sta turbato;

De' 'n so figlio el s' adottato

e tu porte sotta el coltello? 50

Oderai lo mal appello,

se i va 'nant 'est 'ambasciata!

Bona fronte i porta enante

chi al prossemo enn amore;

se li pete perdonanza 55

che sia stato peccatore,

fila plena lo Signore

e la grazia sua li dona;

questa perdonanza bona

co la sua s' accompagnata. 60

La sesta, che non ne largi

enducere en tentazione;

c, se isso n'abandona,

sirem menati en presone;

carne mundo lo demone, 65

ciascheuna fa so legatura,

en quanta ne menan bruttura

lo meo cor no l' stimata.

S 'el Signor con nui demora,

plovan nenguan le bataglie; 70

ciascheuna ne d guadagna

de vettoria en travaglie;

fa fugar quelle semblaglie

de que' tre fort 'inimici

e fane deventar filice 75

la sua bona acompagnata.

La settema orazone,

che ne campi de li mali,

de le colpe e de peccati,

che ne fo red' enfernali, 80

e de mali estermenali,

che sto i 'n quella fornace;

onne cosa che desplace

loco s sta acumulata.

 

 

23

 

En cinque modi apareme lo Signor 'nn esta vita;

altissima salita, chine a lo quinto entrato!

Lo primo modo clmolo estato temoroso,

lo secondo parenne amor medecaroso,

lo terzo modo pareme vivateco amoroso, 5

lo quarto patern 'oso, lo quinto desponsato.

Nel primo modo apareme ne l'alma Deo Signore,

da morte suscitandola per lo suo gran valore;

fganse le demonia, che me tenan 'n errore;

[en]contrizion de core, l'Amor ci visitato. 10

Poi vene como medeco ne l'alma suscitata,

confortala et adiutala, ch sta s vulnerata;

le sacramenta ponece, che la m' resanata,

ch me l' s curata lo medeco ammirato!

Como compagno nobele lo meo Amore apparuto, 15

de trarme de miseria, donarme lo so adiuto;

per le vertute mename en celestial saluto;

non dego star co' muto, tanto bene occultato.

'N lo quarto modo apareme come benegno pate,

cibannome de dnora de la so largitate; 20

da poi che ll'alma gusta[la]la su' amorositate,

sente la redetate de lo suo paternato.

'N lo quinto, Amore mename ad esser desponsata,

al suo Figliol dulcissimo essere copulata.

Regina s' de l'agneli, per grazia menata, 25

en Cristo trasformata 'n mirabele unitato.

 

 

24

 

O frate, brig 'a De' tornare

'nanti ch'en morte si' pigliato!

'Nanti che venga la morte,

s briga de fare lo patto;

c 'l tuo ioco 'n quella sorte,

che sta' apresso de odir 'Matto! '; 5

'nanti che sia el ioco fatto,

briga lassarlo entaulato.

Frate, ci che tu me dice,

te nne voglio amor portare, 10

ch fai co' fo li boni amici,

ch de l'amico vl' pensare;

ma e' ho famigli' a governare,

ch'e' nne so' multo 'mbrigato.

Se tu redi la famiglia, 15

no la redar dell 'altrui;

l poder tuo t'arsumiglia,

quigne spese far ne pi.

Non morir pro figliol' tui,

c poco n'ei regraziato!. 20

Frate, se ll'altrui ne arendo,

gir mei figliol mennecati;

no 'l pzzo far (tutto m'acendo)

de lassarli desolati;

da vicin' siran clamati: 25

' lli figliol' de quel sprezzato '.

Frate, or pensa la sconfitta,

che no n'aspetta el pat' el figlio,

'[n]anti piglia la via ritta,

de mucciar de quello empiglio; 30

e [a]quel c'aspetta, en quello piglio,

el figlio e 'l pat ' po' legato.

Frate, avuto aio enn osanza

ben vistire e ben calzare;

non porria soffrir vilanza 35

e 'n questa guisa desprezzare;

farme a deto demustrare;

'Ecco l'om mal aguidato '.

Tsto all 'amo s'arsemiglia,

che de fore lo dolzore, 40

e llo pesce, poi che 'l piglia,

sentene poco sapore;

drento trova un amarore,

che li multo entossecato.

Non porria deiun sofrire 45

per la mea debeletate;

mnaneme a lo morire

le cocine mal frumiate;

e s per mea necessetate

voglio ci che so' usato. 50

Frate, or pensa la presone

(rigi e conti ce so' stati)),

e donzelli plu che tune

en tal fame so' trovati

che calzar' s' manecati, 55

con quel el loto ci trescato!

Non porra veiar la notte,

a stare en p en orazione;

parme una cosa s forte

de mettarme a derenzione; 60

c, s'e' veio per stasone,

tutto 'l d ne vo agirlato.

Or pensa li 'ncastellati

co' so' ententi a lo veiare,

che de fore so' asidiati 65

da color che i vl pigliare;

tutta notte sto a gridare

ch' el castel non sia arrobato.

Frate, s m'' esbagutito

co lo tuo bon parlamento 70

che nel cor s so' firito

d'un divino accendemento;

pigliar voglio pensamento

ch'eo non sia ad po engannato.

Gir ne voglio a l'apatrino 75

acusarne mea mattezza;

meglio m' esser pelegrino

che d'aver questa ricchezza,

qual me mena a la durezza

de quel foco accalurato. 80

 

 

25

 

Sapete vui novelle de l'Amore,

che m' rapito et absurbito el core

e temme empresonato en suo dolzore

e famme morir enn amor penato?

De l'amore che nui i ademannato, 5

multi amur' nui trovamo enn esto stato;

se tu non ne declari del tuo amato,

responder nui non te cce saperimo.

L'Amor che e' ademanno s 'l primo,

unico, eterno, sta multo sullimo; 10

non par che 'l conoscate, como estimo,

da ch'en plulari avete la 'ntennanza.

Questo responner i non n' fallenza,

de lo tuo amor non n'avem conoscenza;

se no 'n t'encresce a ddiren' sua valenza, 15

delttane l'audito de ascoltare.

L'Amor ch'e' ademanno 'n singulare

e celo e terra aremple col so amare;

en cosa brutta non po' demorare

tanto purissimo. 20

L'Amor ch'e' ademanno umilissimo,

l core, o' se reposa, fa 'l dettissimo;

umilia l'affetto soperbissimo

per so bontate.

Enfundeme nel cor fidelitate, 25

famen' guardar de le cose vetate;

le cose concedute et ordenate

fleme usar con granne temperanza.

Devide de la terra mea speranza,

conducelamm' en cel la vecinanza 30

e fame cittadin per longa usanza

de la gran cittade.

Loco sse so' le cose ordenate,

la scola se cce ten de caritate;

tutte le gente de quelle contrate, 35

ciascheuna en amor conventato.

Destnguese l'Amore en terzo stato:

bono, meglio, summo sullimato;

lo summo ben se vle essere amato

senza compagnia. 40

Parlar de tale Amor fccio follia,

dota me cognosco en teologia;

l'Amor me conestregne en so pazzia

e fame bannire.

Prorompe l'abundanza en voler dire, 45

modo non ce li trovo a pprofirire;

la Veret m'empone lo tacere,

ch'e' no 'l so fare.

L'abundanza non se p occultare,

loco se cce forma el iubilare, 50

prorompe en canto che sibilare,

che vidde Elya.

Partmone ormai de questa via

a le dui destenzion che so' emprima

e loco s figam la diciria 55

che sse convene.

Sempre lo meglio sta sopre lo bene;

se tu amerai lo prossimo co' tene

e te no n'ame como se convene,

tu cech'' e 'l ceco mini a 'ntralipare. 60

Emprima t'p ' te con Deo ordenare

e da lui prender regula d'amare;

amore saio forte enn adurare

e mai no esmaglia.

Fame n sete e morte no 'l travaglia 65

e sempre el trove forte a la bataglia.

a pater pena et onne ria travaglia

en star queto.

Lo corpo s' redutto a suo servito,

li sensi regulati ad obidito, 70

l'eccessi sottoposti so' al ponito

et a rasone.

Tutta sta queta la masone

(l 'offizia destente per rasone);

se nulla ce nascesse quistone, 75

stonne al iudicio.

Lo iudece che sede al maleficio,

ser Conscio c' vocato per officio

e non perdona mai per pregaricio

n per temore. 80

I non perdon 'al granne n al menore,

nulla cosa occultata li sta en core;

tutta la corte vive con tremore

ad obidenza.

Poi che l'anema vive a conscenza, 85

con' [[d], amar lo prossimo en placenza;

amor verace par, senza fallenza,

de caritate.

Trasfrmate ll'amore, en veretate,

ne le persone che so' tributate; 90

en compatenno maiur pena pate

ca lo penato.

Quel per alcuno tempo repusato,

lo compatente ce sta crucato;

nott 'e iorno con lui 'n tormentato 95

e ma' non posa.

Non pte l'om sapere questa cosa

(se non la Caritate ch'i l' 'nfusa),

como entro 'n l'om penato sta retrusa

a pparturire. 100

Partmone ormai dal nostro dire

et artornimo ad Cristo, dolce scire,

che ne perduni lo nostro fallire

e dane pace.

Lo vostro detto, frate, s nne place, 105

per che vostro dicere verace;

de sequir nui tal via multo n'aiace,

che nne salvimo.

 

 

26

 

S como la morte face a lo corpo umanato,

multo peio s fa a l'anema la gran morte del peccato.

Emprima la morte al corpo s li fa mortal firita,

che da onne membro i tolle, escarporescene la vita.

Le membra perdo so uso, poi che la vita finita; 5

l'anema poi s' partita, torna poi 'l corpo anichillato.

Lo peccato plu ca morte s fa sua firita dura,

che a l'alma tolle Deo e corrumpei so natura;

lo ben non p operare, ma li mali en gran plenura;

cadere en tanta afrantura per cus vil delettato! 10

Questa morte tolle al corpo la bellezza e lo colore,

et la forma s desfatta, la veduta d un orrore;

non se trova s securo che no i n'e[n]gneri pavore

de vedere quel terrore de l'aspetto desformato.

Lo peccato s fa a l'anema s terrebele firita 15

che li tolle la bellezza (c da De' [[n ']era ensignita)

chi vedere la potesse s li tolleria la vita:

la faccia terrebelita, crudel morte 'n suo sguardato.

Questa morte s fa el corpo putredissimo fetente;

la puzza estermenata, che conturba tutta gente; 20

non se trova n vicino, n amico, n parente,

che voglia essar sofferente de averlo un iorno a llato.

Tutta puzza ch' nel mondo fuss 'ensemor adunata

(solfanial de corpi morti e onne puzza de privata),

s sira moscato et ambra po' 'l fetor de la 25

peccata, quella puzza estermenata, che l'onferno 'imputedato.

Questa morte naturale a lo corpo par che da

tal firita che li tolle onne bona compagnia;

d'esto mondo l' privato, ch iettato for ne sia,

co' se fa a la malsana che da sani separato. 30

Lo peccato s fa l'anema la firita ch' s forte

che li tolle Deo e santi e l'gneli con lor consorte;

de l'eclesia esbannita (e[n]serrate i so' le porte))

e li beni li so' estorte, che nnulla parte ne i sia dato.

Questa morte naturale al corpo d percussione, 35

che la sua carne sia data a li vermi en commestione;

e li vermi congregati d'esto corpo fo stazzone,

enfra lor non n' questione ch'ello non sia devorato.

Lo peccato s fa a l'anema la terrebel sua usanza,

che data a le demonia, che stia en loro congreganza; 40

no ll pzzo consumare, fli mala vecinanza,

darli pen 'enn abundanza co' convene al loro stato.

L'ultema che fa la morte, che d el corpo a ssepultura;

n palazzo i d n corte, ma mess 'a destrettura;

la longezza e la latezza multo li sse d a mmesura, 45

scarsa mente en la statura so' la terra 'ntumulato.

Lo peccato mena l'anema al sepolcro de l'onferno

e loco s ['n]tumulata, che non n'esce en sempiterno;

frate, lassa lo peccato che te cce mena traenno:

po' ch'i scripto nel quaterno, averai cotal

pagato! 50

 

 

27

 

O Cristo onipotente, dove site envato?

Perch pelegrinato vo site messo a andare?

Multo me maraviglio de questa vostra andata,

persona tanto altessima mettarse a ddesperata!

Non ne si stata usata de volerne apenare. 5

Lo devino consiglio s diliverato

ch'e' ne venga nel mondo a l'om ch' desformato

e facciace parentato, con' l'ho priso ad amare.

Que n' opporto tal omo, per cu' va' afatiganno?

Se nn ' da te fugito, a te non torna 'n danno; 10

a pagare gran banno, no lo p satisfare!.

Tutto 'l dveto c'ne eo s lo pagaraio

et enfra Deo e l'omo pace ce mettaraio

e s la 'n ce fermaraio, non se deia guastare.

Como porrai far pace enfra Deo e l'om mundano, 15

c l'om vlse essar Deo e Deo vl l'om sottano?

E questo tale trano, null 'om 'l se p placare.

S, co' me faccio omo, omo so entennemento;

et, en quanto omo, a Deo far suiacemento;

farcce iognemento; ciascheun suo consolare. 20

Ecco che ven' nel mondo; como vorrai venire?

Bon che ll'omo el saccia, facciateli bannire,

che sse pzza sentire como l'om vl' sanare.

Eo l' fatto bannire c'onn 'om veng 'a la scola,

la divina scienzia d'ensegnar c'ho 'n gran gola; 25

e questa cason sola, che l'om vogli' amastrare.

Emprima de la scola, se vo place, decite:

o' vegner la gente ad abbergo c'avite?

Bon che lo i narrite, che lo pzzan trovare.

El nome del me' abbergo di' ch' umeletate; 30

om che ce vl venire, trovame en veretate;

e le spese dicate che tutte le vi' fare.

Ancora me dicate qual legiarite arte;

manna per tutto 'l mondo che se leggan to carte,

che vengan po' d'onne parte a la scol 'a appararare. 35

Eo ensegno ad amare, e questa l'arte mia;

et omo che lla emprende con Deo fa compagnia;

se no 'l perde a ffollia, con lu' sta a delettare.

Et om che non n' libro, como porr emprndare?

Ancora non l'audo c'omo el trovasse a vendare; 40

rason porram ostendare per nostra scusa mustrare.

Ego sum libro de vita, segnato de .vij. signi;

po' che 'e' siraio operto, trovar' .v. migni

(so' de sangue vermigli)), o' porr studare.

Forsa quella scriptura s forte costrutto 45

che non la porria 'ntennere chi non ne fuss 'estrutto;

staran' tutto derutto, a nno potenno pro' fare.

Nant 'ne la scriptura che onne studante

s cce p bene legiare e proficere ennante.

Ntace l'alinfante e ll'ino ce p pedovare. 50

 

 

28

 

Coll 'occhi c'aio nel capo, la luce del d medante,

a me representa denante cosa corporeata.

Coll 'occhi c'aio nel capo veio 'l divin sacramento;

lo preite 'l me nustra a l'altare, pane s en suo vedemento;

la luce ch' de la fede altro me fa mustramento 5

a l'occhi mei c'aio drento, en mente razonata.

Li quatro sensi s dicono: Questo s vero pane!.

(Solo l'audito rsistelo, ciascheun de lor for remane).

So' queste vesebele forme Cristo ocultato ce stane;

cus a l'alme se dne, en questa mesterata. 10

'Como pora esser questo? Vorrmlo veder per rasone '.

L'alta potenzia devina summettarite a rasone?

Piaqueli celo creare e nulla ne fo questione;

vui que farite entenzone enn esta so breve operata?

A lo 'nvesebel ' ceco, venim cun baston de credenza; 15

a lo devin sacramento vnce con ferma fidenza;

Cristo, ch' loco ocultato, dte la sua benvoglienza;

e qui s se fa parentezza de la sua grazia data.

La corte o' se fo queste nozze s questa eclesia santa;

tu veni a llei obedente et ella de fede t'amanta; 20

po' t'apresent 'al Signore, isso per sponsa te planta;

loco se fa nova canta, ch l'alma per fede sponsata.

E qui s se forma un amore de lo envesebele Dio;

l'alma no 'l vede, ma sente che li desplace onne rio;

miracol se vede enfenito, l'onferno se fa celesto; 25

prorump 'enn amor fernoso, plagnenno la vita passata.

O vita mea emmaledetta mundana lussurosa,

vita de scrofa fetente, sogliata en merda lutosa,

sprezzanno la vita celesta de l'odorifera rosa!

Non passar questa cosa ch'ella non sia corrottata. 30

O vita mea emmaledetta villana engrata soperba!

Sprezzanno la vita celesta a dDeo stata so' sempre acerba,

rompenno leg 'e statute, le so santisseme verba;

et isso de me fatt ' serba, ch non m'a a l'onferno dannata.

Anema mea, que farai de lo tuo tempo passato? 35

Non n' dannaio de ioco, ch'ello non sia corrottato!

Plant 'e sospire e duluri siraione sempre cibato,

pensanno lo meo gran peccato, c'a dDeo sempre so' stata engrata.

Signor, non te veio, ma veio che m'i enn alto mutato;

amore de terra m'i tolto, en celo s 'l m'i collocato! 40

Te daietore non veio, ma veio e tocco el tuo dato,

ch m'ai lo corpo enfrenato, ch'en tante bruttur' n' sozzata.

O castetate, que questo che t'aio mo 'n tanta placenza?

Et unde spereia esta luce, che data m' tal conoscenza?

Ven de lo Patre de lume, che spera la sua benvoglienza; 45

e questo non n' fallenza, la grazia sua ch' spirata.

O povertate, que questo che t'aio mo en tanto placere,

c'a tutto lo tempo passato orrebel me fusti ad odire?

Plu m'afriga che la freve, quanno vina, 'l to pensieri;

e or t'aio en tanto disire che tutta de te so ' ennamata. 50

Venite a veder maraviglia ch'e' pzzo mo el prossimo amare

e nulla me d mo gravenza poterlo en meo danno portare;

e de la iniuria m' fatta lebbe s m' el perdonare;

e questo nno m' 'n bastare, s'e' non so' en suo amore affocata.

Venite a veder maraviglia ch'e' pzzo portar le vergogne, 55

c'a tutto lo tempo passato sempre da me fr de lugne;

or me d un 'alegrezza, quando vergogna me iogne,

per che con Deo me coniogne ennela sua dolce abracciata.

O fede lucente preclara, per te so' vinuto a 'sti frutti!

Benedetta sia l'ora e la dia, ch'eo s credetti a tui mutti; 60

parme che questa sia l'arra de 'n trarme a cel per condutti;

l'affetti mei su m'i redutti, ch'e' ame la to redetata.

 

 

29

 

Ies Cristo se lamenta de la Eclesia romana,

che l' engrata e villana de l'amor che li portato.

Da po' ch'eo prisi carne de la umana natura,

sustenni passone con una morte dura;

desponsai la Eclesia fidelissima e pura, 5

pusi en lei mea cura d'uno amore apicciato.

Li me' pover' discipuli er lo mondo mannai,

de lo Spirito santo lor coraio enflammai,

la fede mea santissima per lor s semenai,

multi signi mustrai per l'oniverso stato. 10

Vedenno el mondo ceco tanti signi mustrare,

a omini ydoti tanto saper parlare,

fr prisi ad amiranza, creder e batizzare,

issi quel' signi fare, dne sir ammirato.

Levse l'Ydolatria co 'l so pessemo errore, 15

pusese enn arte maica li signi del Signore,

encec li populi, rigi e emperaduri

(occisero a ddoluri onne messo mannato).

Tant 'era lo fervore de la primera fede,

occidendone uno, milli lassava rede; 20

stancavan li carnifice de farne tanta cede;

martirizzata fede vicque per adurato.

Levse la Resa e fece gran semblaglia,

cuntra la Veretate fece granne bataglia;

suffisticato Vero suo semen zezzaglia, 25

non fo senza travaglia tale ponto passato.

Mannai li mei dutturi co la me' Sapenza;

desputaro e lo vero mustrail' senza fallenza;

sconfigenno e cacianno onne falsa credenza,

demustrar mea prudenza de vivere ordenato. 30

Vedete el meo cordoglio, a cque me redutto!

Lo falso clericato, che m' morto e destrutto!

D 'onne meo lavoreccio me fo perdir lo frutto.

maiur dolor che morto da loro aio portato.

 

 

30

 

La Superbia de altura

fatte tante figliole,

tutto 'l mondo se nne dole

de lo mal che nn ' scuntrato!

La Superbia apetesce 6

onne cosa aver subietta;

sopre par' no vl neiuno

e li oval' no li deletta;

li menur' mette a la stretta,

che no i p om far tant 'onore 10

quanto li apetesce el core

de voler essciordenato.

Raguardanno a so maiuri,

una Envidia c' nata;

no la pte iettar fore, 15

teme d'esser conculcata;

l'odio s l' emprenata,

enside va preparanno,

per farnel' cader en banno,

che de lor sia menovato. 20

Per poter segnorare,

se fa iure ennela terra;

e lle parte ce fa fare,

unde nascen' multa guerra;

lo suo cor multo s'aferra 25

(co' sse pensa no 'l p avere);

l'Ira s lo fa ensanire

come cane arrabato.

Po' che ll'Ira 'n su montata

ad aver la signoria, 30

Crudeltat ' apparechiata

de stare en sua compagnia;

de far granne ocidaria

no li pare sufficienza,

tant ' la malavoglienza 35

che en so core semenato.

Po' che ll'Ira non p fare

tutto quant ' ['n]suo volere,

una Accidia n' nata,

entra 'l core a ppossedere; 40

onne ben li fa splacere,

posta 'n estremo temore;

le merolla i secca en core

de tristore ch' abergato.

L'Accidia multo pensosa 45

va pensanno onne viaio:

'Se ll'aver ce fusse enn alto,

emplerse el tuo coraio! '.

L'Avarizia ch' al passaio,

entra a ppossedere la corte; 50

destregnenza se fa forte

ad onne uscio far serrato.

sospetta la famiglia,

che no i vaia el suo furanno;

moglie figli nore servi, 55

tutti li va tribulanno.

Or vidischi male ottanno

che fa tutta la famiglia!

Ciascheun morte la asimiglia

d'esto dmone encarnato! 60

Rape fura enganna esforza

(non c'esguard 'a mal parere! ),

cun guai l'omo, ch' 'mpotente,

che li aiace el suo podere!

Ch i menaccia del firire, 65

s 'el poder suo no li dona.

Dentorno no li arman persona,

che da lui non sia apredato.

Or vidisci terre, vgne,

orta, silve per lenare, 70

auro, argento, ioie e gemme

per le scrignia far serrare;

e molina a macenare,

bestie grosse e menute,

case far fare enfenute, 75

per servar suo guadagnato.

El blado serva en anno en anno

(c'aspetta la carista! );

po' che guasto el se mannuca,

en casa mette dolenta. 80

Or vidisci blasfema

che la sua famiglia face!

Esbannita n' la pace

de tutto el suo comitato.

Se la sua famiglia engrassa, 85

lli en grann 'esplacemento;

el pane e 'l vino che i va 'n casa

mette en so reputamento.

Or vidisci enuiamento:

'O famiglia sprecatrice! '90

Da Deo s la maledice,

ch suo ben s' manecato.

O avare, fatt 'i onferno,

mentre la tua vita dura,

e de l'altr '' presa l'arra: 95

aspetta la pagatura!

O Soperbia de altura,

vidi ove si redutta!

L'onoranza tua destrutta

e 'n onne gente si avilato. 100

Cinqui vizia ne l'anema

(che de sopre aio contate).

Lo soperbo, envidoso

et iroso, accidate,

l'avarizia, toccate. 105

Dui ne rennan lla carne,

che tutto esto monno spanne:

gola e lussurato.

L'avarizia n' adunato

e la gola 'l se devora; 110

en taverne fa mercato,

pro un becchieri una vultura;

or vidiss 'esprecatura

che se fa de la guadagna!

La lussuria compagna, 115

che sia vaccio consumato.

Tutta spreca una cuntrata

per avere una polzella!

Or vediti esta brigata,

ad que adutta esta novella! 120

Anema mea taupinella,

gurdate da tali osteri;

lo celo te fo perdire

e l'onferno ' 'n redetato.

 

 

31

 

O corpo enfracedato,

eo so' l'alma dolente;

lvati emmantenente,

c si meco dannato.

L'gnelo sta a trombare 5

(voce de gran pagura! ),

po nn ' a ppresentare

senza nulla demora.

Stvime a ppredecare,

ch'e' no n' avissi pagura; 10

male te crisi allora,

quando fic'el peccato.

Or i tu, l'alma mia

cortese e conoscente?

Po' che 'n t'andasti via 15

retornai a neiente.

Famme tal compagnia

ch'eo non sia s dolente!

Veio terrebel gente

cun volto esvalato. 20

Queste so' le demonia,

cun chi t'p ' [a]avetare;

non te p' far istoria

que t'opor a portare;

non me 'n trovo en memoria 25

de poterlo ennarrare;

se ententa fuss 'el mare,

i non 'n sira pontato!.

Non ce p' mo venire,

ch so' en tanta afrantura 30

ch'eo sto su nel morire,

sento(ce)la morte dura.

S facisti al partire,

rumpisti onne iontura;

recata i tal fortura 35

c'onn 'osso m'' spezzato.

Como da tne a mmene

fse apicciato amore,

simo reiunti en pene

con eternal sciamore; 40

l'ossa contra le vene,

nerba contra ionture,

'scioredenat 'onne umore

de lo primero stato.

Unquanque Galeno, 45

Avicenna, Ypocrate

non spper lo conveno

de me' infirmitate;

tutte ensemor [. . -eno]

e ssmese adirate, 50

sento tal tempestate

ch'e' non vorria esser nato.

Lvat 'emmaledetto,

c non pi plu morare;

ne la fronte n' scripto 55

tutto nostro peccare;

quel che, 'n ascus' l letto,

volavamo operare,

oporsse mustrare,

vigente onn 'om ch' nato. 60

Chi questo gran scire,

rege de grann 'altura?

So' tterra vorra gire,

tal me mette paiura.

Ove porra fugire 65

da la sua faccia dura?

Terra, fa copretura,

ch'e' no 'l veia adirato.

Questo Ies Cristo;

lo Figliolo de Dio. 70

Vedenno el volto tristo,

'splaceli el fatto mio.

Potemmo fare aquisto

d'aver lo renno sio!

Malvascio corpo e rio, 75

or que avem guadagnato!.

 

 

32

 

O Vergen plu ca femena,

santa Maria beata!

Plu ca femena, dico;

onn'om nasce inimico

(per la Scriptura espleco), 5

nant '' santa ca nata.

Estanno en ventr 'enclusa,

po' l'alma ce fo enfusa,

potenzia virtuosa

s tt' santificata. 10

La divina onzone

s te santificne,

d'onne cuntagone

remasesti ellibata.

L'original peccato, 15

c'Adam sementato,

onn'om con quel nato,

tu n'i da cquel mundata.

Nul peccato mortale

en to voler non sale 20

et dall 'ovenale

tu sola ' emmaculata.

Secondo questa rima,

tu si la Vergen prima;

sopre ll'altre sollima, 25

tu ll'i emprima votata

la to vergenetate,

sopr'onne umanetate,

ch'en tanta puretate

mai ffse conservata. 30

L'omilt profunda,

ch'ennel tuo cor abunda,

lo cel se nne sperfonna

d'esserne salutata.

Vergineo proposito 35

en sacramento abscondito,

marito pigl 'encognito,

che non fusci enfamata.

L'alto messo onorato

da cel te fo mandato; 40

lo cor fo ['m]paventato

de la su 'annunzata:

'Conciperai tu figlio,

sir senza simiglio,

se tu assenti al consiglio 45

de questa me' ambasciata '.

O Vergen, non tardare

al suo ditto assentare!

La gente sta a cclamare

che per te sia adiutata. 50

'Adiutane, Madonna,

c 'l mondo se sperfonna,

se tarde la responna,

che non sia aginata '.

Da po' che consentisti, 55

lo figliol concepisti,

Cristo amoroso dsti

a la gente dannata.

Lo mondo n' stopito,

conceper per audito, 60

lo corpo star polito

ad non esser toccata!

Sopr'onne uso e rasone

aver concezone,

senza corruzone 65

femena 'ngravedata!

Sopre rasone et arte

senza soment '' latte!

Tu sola n'' le carte

esserne fecundata. 70

O prena senza semina,

non fo mai fatto en femena;

tu sola sine crimina

null 'altra n' trovata.

Lo Vero creans omnia 75

vestito 'n te, Virginea;

non lassanno suo slia,

devinit 'ncarnata!

Maria porta Deo et omo,

ciascheun serva 'l suo como; 80

portanno s gran somo

e non n'essar gravata!

O parto ennaudito!

lo Figliol parturito

d'entro lo ventr ' oscito 85

de mate segellata.

A non rompar segello

nat ' lo Figliol bello,

lassanno el so castello

co la porta enserrata! 90

(Non sira convenenza

la divina potenza

faccesce volenza

en sua casa albergata).

O Maria, co' facivi, 95

quanno tune 'l vidivi?

Or co' non te morivi

de l'amor affocata?

Co' non te consumavi,

quanno tu li sguardavi, 100

che Deo ce contemplavi

en quella carne velata?

Quann 'isso te soga,

l'amor con' te faca,

la smesuranza sia 105

essar da te lattata?

Quand'isso te clamava

e 'mate' te vocava,

co' nno te consumava,

mate de Deo vocata? 110

O Madonna, quelli atti,

avivi en quelli fatti,

quelli 'nfocati tratti

la lengua m' mozzata.

Quanno ('l pensier me struge), 115

co' fa', quanno te suge?

Lo lacremar non fuge

d'amor che tt' legata.

O cor salamandrato

de viver s enfocato, 120

co' non t' consumato

la piena ennamorata?

Lo don de la fortezza

t' data estabelezza

portar tanta dolcezza 125

en l'anema enfocata.

L'umilitate sua

embastardio la tua,

c'onn 'altra me par frua,

snno lla sua esvardata. 130

C tu salisti 'n gloria,

isso esces 'en miseria;

or quigna convenria

enseme esta vergata?

La sua umilitate 135

prender umanetate,

pare superbiitate

onn'altra ch' pensata.

Accurrite, accurrite,

gente, co' non venete? 140

Vita eternal vedite

co la fascia legata.

Venetal a ppigliare,

co' non ne po' mucciare

che dega arcomparare 145

la gente desperata.

 

 

33

 

Amor diletto, Cristo beato,

de me desolato agi piatanza!

Agi piatanza de me peccatore,

che so' stato enn errore longo tempo passato;

a gran deritto me 'n vo a l'ardore, 5

c te, Signore, aio abandonato

pro 'l mondo taupino, lo qual me ven meno

e dta m' 'n pleno de pen' abundanza!

Abundame dentro la granne pena,

la quale me mena l'amor del peccato; 10

l'alma dolente a peccare s'enclina,

d' esser serena, or volto scurato;

perch 'n le' non luce la clara luce,

la qual aduce la tua diritanza.

Ma s'e' me voglio a Te dirizzare 15

e non peccare, credo per certo

ca de Te, Luce, verr spereiare,

c'alluminare far lo meo petto;

ma so' acecato enn un fondo scurato,

nel qual m' menato la mea cattivanza. 20

La me' cattivanza l'alma menata

l 'v ' predata da tre inimici;

e lo plu forte la tene abracciata,

encatenata e mustranse amici!

Dme ferite 'n ascus 'e coprite, 25

le qual' vui vedite che me metto 'n erranza.

Crudele mente m'nno firita

et eschirnita battuta e spogliata;

la mea potenza veio perita,

perch' 'nfracita la plaga endurata; 30

or briga tagliare e poi medecare;

porraio sperare che so' en liberanza.

Ora m'adiuta ad me liberare,

ch'eo pzza campare del falso Nimico;

fise da longa a balestrare 35

et assegnare al cor ch' podico;

la man che me fre non pzzo vedere;

tal' cose a patere me dne gravanza.

Gravame forte lo balistreri,

lo qual vl firire ll 'alma polita; 40

fatt ' balestro del mondo averseri,

lo qual en bellire me mustra sua vita;

per l'occhi me mette al cor le saiette,

l'oreche so' aperte a 'ricarme turbanza.

Turbame el naso, che vl odorato, 45

la vocca, asaiato, per dar conforto

en lo peiore ch'en me sia stato,

lo qual m' aguidato ad uno mal porto;

se i d ben magnare, me sta a 'ncalciare;

de l'amensurare s fa lamentanza! 50

Lamentase el tatto e dice: 'Eo so uso

d'aver reposo en me' delettare;

or lo m'i tolto, sir rampognoso

e corroccioso en mea vivitate '.

Se alento lo freno al corpo taupino, 55

so' preso a l'oncino de la tristanza.

 

 

34

 

O frate, guarda 'l Viso, se vi ben reguarire,

c mortal' ferite a l'anema spesse fiate fa venire.

Del diavolo a l'anema lo Viso roffano

e, ['n]quanto p, se studia de mettarlil' en mano;

se ode fatto vano, reportalo a la corte; 5

la Carne sta a le porte, per le novelle odire.

Odita la novella, la Carne fa semblaglia,

e[n]cuntra la Rasone s d granne bataglia;

e[n]suo voler no esmaglia co la voglia emportuna;

se trova l'alma sciona, flase consentire. 10

Coscienzia resiste, demustrar lo peccato:

Deo ne sira offeso e tu for' dannato.

Lo Corpo mal vezzato responne como uso:

Deo che pi[g]itoso lo me porr parcire.

La Veret responnne: Tu alligi falsa mente, 15

c Deo mai non perdona, se non n'' penetente;

penter sofficente non l'i 'n to redetate,

partirte da peccate cun verace pentere.

La Carne dice: Eo ardo, no lo pzzo portare;

satisfan 'me esta volta, ch'e' me pzza pusare! 20

Vgliolte poi iurare de starte poi soietta,

sir s casta e netta che te sir en placere.

Responnne la Rasone: Sira detoperata

e [ttune]da onne gente sir' poi adetata:

'Ecco la mal guidata, vergogna de parente, 25

che fa tutta so gente con gran vergogna gire! '.

Lo diavolo ce parla, ensegna: Questa posta

tu la p' fare occulto d'onne gent 'en nascosta;

passare questa iosta nullo pensar facciamo!

Se plu lo 'nduzamo, tosto porr' empascire. 30

Tanti so' li tomulti e l'mpiti carnali

che la Rason taupina s'enclina a quisti mali;

deventan bestiale e perde onne rasone;

tanta confusione, non se porria scoprire.

Da po' che ss ' caduta, Coscienzia mordace 35

(l 'acqua, lo vento posa)de stimolar non tace.

Lo cor perde la pace e perde l'alegrezza

e venli tal trestezza, non se p areverire.

Suspcase la miseria che 'l saccia onnechivelli;

se vede gent 'ensemora, pensa de lei pispigli. 40

Se li vl' dar consigli, non par che cci ian loco;

perdut ' riso e ioco e onne alegrezza avire.

Borbtanse le cose, le gente a ppispigliare.

Li parenti sntolo, comnzate a llagnare;

lo cor vorria crepare (tante abergate doglie! ), 45

tentato de re' voglie de volerse perire.

Lo diavol ci areca mala tentazone:

Que fai, detoperata d'onne tua nazone?

Questa confusone non n' da comportare!.

(Multi fa desperare e 'n mala morte fenire). 50

Guarda, no li crdare, c'aiogne al mal el peio,

c'a questa to caduta se p avere remeio;

cuntra de te fa asseio de volerte guardare,

con planto confessare; s porrai reguarire.

Vedite li periculi, c' breve 'ncomenzate, 55

che 'n nasco l'omecidia, guastanse le casate!

Guardatevo a l'entrate, che non intr 'esto foco;

se se cci anida loco, no 'l ne pi scarporire.

Or vidite lo frutto de mal delettamento,

l'anema e 'l corpo posto en cotanto tormento. 60

Sate recordamento, frate, la guarda fare;

se vl' l'alma salvare, non ce stare a ddormire.

 

 

35

 

Plange la Eclesia plange e dolora,

sente fortuna de pessemo stato.

O nobelissima mamma, que plagni?

Mustri che senti dolur' molto magni;

ennarran' el modo perch tanto lagni, 5

che s duro planto fai esmesurato.

Figlio, eo s plango, ch'e' me n'aio anvito,

veiome morto, pat 'e marito;

figli, fratelli, neputi ho esmarrito,

onne meo amico preso e legato. 10

So' circundata de figli bastardi,

en onne mea pugna se mustra codardi.

Li miei ligitimi, espade n dardi,

lo lor coraio non n'era mutato.

Li miei ligitimi era 'n concorda, 15

veio bastardi plin' de descorda;

la gente enfedele me clama la lorda

per lo rio essemplo che semenato.

Veio esbannita la povertate;

null ' che cure se no 'n degnetate, 20

Li miei ligitimi enn asperetate,

tutto lo monno lo' fo conculcato.

Auro et argento s' rebannito,

fatt ' inimici con lor gran convito;

onne bon uso da loro fugito, 25

dnne el meo planto cun granne eiulato.

O' so' li patri plini de fede?

Null ' che cure morir om me vede.

La Tepedezza m' preso et occide

e 'l meo dolore non n' corrottato. 30

O' so' li profeti plin' de speranza?

Null ' che cure en mea vedovanza.

Presonzone pres ' baldanza,

tutto lo mondo po' llei s' rizzato.

O' so' l'appostoli plin' de fervore? 35

Null ' che cure en meo dolore;

oscito m' 'scuntra o Propio Amore

e i non veio che i sia contrastato.

O' so' li martori plin' de fortezza?

Non chi cure en mea vedovezza. 40

Oscita m' 'scuntra l'Ascevelezza

e 'l meo fervore s annichilato.

O' so' li prelati usti e fervente,

che la loro vita sanava la gente?

Oscit ' la Pompa, grossura potente, 45

e s nobel ordene m' maculato.

O' so' li dotturi plin' de prudenza?

Multi ne veio saliti en escienza,

ma la lor vita non m' a convegnenza,

dato m' calcia ch' el cor m' acorato. 50

O relusi en temperamento,

granne de vui av' placemento!

Or vo cercanno onne convento,

pochi ne trovo en cui sia consolato.

O pace amara, co' m'i s afflitta? 55

Mentr 'e' fui en pugna, s stetti deritta.

Or lo reposo m' morta e sconfitta,

el blando dracone s m' envenenato.

Null ' che venga al meo corrotto,

en ciascheun stato s m' Cristo morto. 60

O vita mea, speranza e deporto,

en onne coraio te veio affocato!.

 

 

36

 

O amor de povertate,

renno de tranquillitate!

Povertat ' via secura,

non n' lite n rancura,

de latrun' non n' pagura 5

n de nulla tempestate.

Povertate more en pace,

nullo testamento face;

larga el monno como iace

e la gente concordate. 10

Non n' iudece n notaro,

a ccorte non porta salaro,

rdesse de l'omo avaro,

che sta 'n tanta ansetate.

Povertate, alto sapere, 15

a nnulla cosa suiacere

e 'n desprezzo possedere

tutte le cose create.

Chi desprezza, s possede;

possedenno, non se lede; 20

nulla cosa i piglia el pede

che non faccia so iornate.

Chi descidra posseduto,

a cquel c'ama s' venduto;

se ll'om pensa que n' auto, 25

nne aute rei derrate.

Troppo so' de vil coraio

ad entrar en vassallaio,

simiglianza de Deo c'aio

detorpirla en vanetate! 30

Deo no n'aberga 'n core stretto;

tant ' granne, quant 'i affetto.

Povertate s gran petto

che cci aberga Detate.

Povertat ' cel celato 35

a chi 'n terra ottenebrato.

Chi nel terzo cel su entrato

ode arcana profunditate.

El primo cel fermamento,

d'onne onor espogliamento; 40

granne presta empedemento

a envinir securitate.

A ffar l'onore en te morire,

le recchezze fa esbannire,

la scienzia tacere 45

e ffuir fama de santetate.

Le recchezze el tempo tolle,

la scienzia en vento estolle,

la fama aberga et arcoglie

l'epocresia d'onne contrate. 50

Pareme celo stellato

chi de queste tre espogliato.

cce un altro cel velato,

acque clare sollidate.

Quatro vnti movo el mare, 55

che la mente fo turbare;

lo temere e lo sperare,

el dolere e 'l gaudate.

Queste quatro espogliature

plu ca le prime tre so' dure; 60

s 'e' llo dico pare errore

a chi non n' capacitate.

De l'onferno non temere

nd en cel spen non n'avere

e de nullo ben gaudire 65

e non doler d'aversitate.

La vert non n' 'mproquene

c 'l proquene for de tne;

sempre encognito te tene,

ad curar tua infirmitate. 70

Se so' nude le vertute

e lle vizia non vestute,

mortale sento ferute,

caio en terra vulnerate.

Po' le vizia so' morte, 75

le vertute so' resorte,

confortate de la corte

d'onne empassibilitate.

Lo terzo celo de plu altura,

non n' termente nn mesura, 80

for de la 'magenatura

'n fantas' morteficate.

Da onne ben s tt' spogliato

et de vertut 'espropiato;

tesaurzzat' el so mercato 85

en propia tua vilitate.

Questo celo fabrecato,

enn un nichil fundato,

o' l'amor purificato

viv' ennela Veretate. 90

Ci che tte para non ne,

tanto 'n alto quel ched ne;

la Superbia en celo s'ne

e dnnase l'Umilitate.

Enfra la vertut 'e l'atto 95

multi ci odo l ioco: 'Matto! ';

tal sse pensa aver bon patto

che sta 'n terr 'alenate.

Questo celo nome None

(mozz 'a lengua entenzone), 100

l ve l'Amore sta en presone

en quelle luce ottenebrate.

Onne luc' 'n tenebria

e ['n]onne tenebre c' dia;

la nova filosafia 105

l'utre vecchi descipate.

L 'v ' Cristo ensetato,

tutto 'l vecchio nne mozzato,

l'uno en l'altro trasformato

en mirabele unitate. 110

Vive amore senz 'affetto

et saper senza entelletto;

lo voler de De' l eletto

a ffar la sua voluntate.

Vivar eo e[n]non eo 115

e l'esser meo e[n]non esser meo!

Questo 'n un tal travieo

che non ne so difinitate.

Povertat ' null 'avere

e nulla cosa poi volere 120

e onne cosa possedere

en spirito de libertate.

 

 

37

 

Que fai, anema predata?

Faccio mal, c so dannata.

Aio male che enfenito,

onne bon s m' fugito;

lo celo s m' esbannito 5

e l'onferno m' albergata.

Dime desperazone

de la me' condizone,

pensanno la perfezione

de la vita tua che stata. 10

Eo fui donna relosa,

settant 'anni fui reclusa.

Iurai a Cristo esser esposa,

or so' al diavol maritata.

Qual stata la casone 15

de la tua dannazone?

Ch speravan le persone

che fusci canonizzata.

Non vedno el magagnato,

che enel cor era ocultato; 20

Deo, a cui non fo celato,

descoperta la falsata.

Vergene me conservai,

el meo corpo macerai,

ad om mai non aguardai 25

ch'e' non ne fusse po' tentata.

Non parlai plu de trent 'agne

(como el so le me' compagne));

penetenze fici magne

plu ch'e' non ne fu' notata. 30

Diiunar meo non n'esclude

pane et aqua ed erbe crude;

cinquant 'anni entegri e plune

'n diiunar non fui alentata.

Cia de scrofe toserate, 35

fune de pel 'atortichiate,

circhi e veste desperate,

cinquant 'anni crucata.

Sostenute povertate,

frid' e cald' e nudetate. 40

Non ce abi omeletate;

per da Deo fui reprobata.

Non abi devozone

n mentale orazione;

tutta la me' entenzone 45

fo ad essere laudata.

Quanno oda clamar 'la santa ',

lo cor meo soperbia ennalta.

Or so' menata a la malta

co la gente desperata. 50

S 'e' vergogna avesse auta,

non sira cus peruta;

la vergogna avera apruta

la mea mente magagnata.

Forsa me sira corressa, 55

ch'e' non fra a cquesta oppressa;

l'onoranza me tenne essa

ch'eo non fusse medecata.

Oim, onor co' mal te vide,

c tuo ioco me fo occide. 60

Bello i me costa el tuo ride,

de tal prezo m'i pagata.

Se vedisce mea fegura,

morir' de la pagura;

non pora la tua natura 65

sostenir la mea esguardata.

L'anema ch' vizosa

orrebel sopre onne cosa,

tal d puzza estermenosa,

en onne canto macellata. 70

O penar, non sai fenire,

n a ffin i mai venire;

s persevr' en to firire

commo fuss 'encomenzata.

Non fatiga el feredore 75

e 'l ferito non ne more;

or te pensa el bell 'amore

che sta en questa vecinata!

La pena consumativa,

l'anema morta sempre viva 80

e la pena non deriva

de star sempr 'en me adizata.

Penso ch'eo sir dannato;

nullo bene aio operato

e molto male ho acumulato 85

ennela mea vita passata.

Frate, non te desperare,

ch 'l paradiso pi lucrare,

se tte guardi de furare

l'onor suo, c t' vetata. 90

Tim' e serve e non falsare

e commatti enn adurare;

sed i en bon perseverare

provarai l'umilata.

 

 

38

 

O anema fedele, che tte vli salvare,

gurdate da li lupi, che vo per morcecare.

O anema fedele, che vli salvazione,

gurdate da lo lupo, che ven como latrone,

mustrnnotesse amico se 'n venne a tua masone, 5

facenno so sermone, ch tte cred 'engannare.

Lo Signor lo tte merite, che me di tal consiglio,

parme che me di' aiuto, de trarme d'esto empiglio;

tanto m' assidata che m' messo enn essiglio

(quanno me nne asimiglio, non saccio o' me campare). 10

Lo Signor te n'ammastra ce te digi cavere

dal lupo che de fora co' pico vl venire;

venenno a tua masone, non se lassa vedere,

poi briga de mordire e la grege dissipare.

S 'e' ce vollesse dire quel ch'e' aio sentito, 15

fara maravegliare cului che non l' audito:

tal vene como medeco che sia bene assennito;

da po' che t'' scoprito, briga d'atossecare.

Non n'avere temenza de dir tuo entennemento,

ch'e' 'n se[n]na mo tte dico quel che nel cor e' sento: 20

da poi ch'el lopo apccia[t]e, s d mal mordemento!

Poi che nn 'i sentemento, briga de te guardare.

Co' 'n me pzzo guardare, tanto m' assidata

quilli da cui eo deio essare predecata?

Mustrnnomesse ainelli fin che m' securata, 25

da lor so' morcecata, non so 'n cui me fidare.

Se non te vl fidare, s fai gran sapenza,

c chi la serpe morceca la lucerta 'n temenza!

La pico agi en dubeto, che non n'i conoscenza,

perch tua coscenza non pzza travagliare. 30

 

 

39

 

O Amor, devino Amore,

Amor, che non i amato!

Amor, la tua amicizia

plena de letizia;

non cade mai en trestizia 5

lo cor che tt' assaiato.

O Amor amativo,

Amor consumativo,

Amor conservativo

del cor che tt' abergato! 10

O ferita ioiosa,

ferita delettosa,

ferita gaudosa,

chi de te vulnerato!

Amor, et und 'entrasti, 15

che ss occulto passasti?

Nullo signo mustrasti

dnne tu fuss 'entrato.

O Amore amabele,

Amore delettabele, 20

Amore encogetabele

sopr'onne cogitato!

Amor, devino foco,

Amor de riso e ioco,

Amor, non di a ppoco, 25

c ' ricco esmesurato.

Amor, con cui te puni?

Con deiette persone;

e largi gran barune,

ch non ch[]i lor mercato. 30

Tal om non par che vaglia,

en vista, una medaglia,

che quasi como paglia

te di en so trattato.

Chi te crede tenere 35

per so scienzia avere,

nel cor no 'l p sentire

que sia lo tuo gustato.

Scienzia aquisita

mortal s d firita, 40

s 'ella non n' vistita

de core umilato.

Amor, tuo maiesterio

enforma el disiderio,

ensegna lo vagnelio 45

con breve tuo ensignato.

Amor, chi sempre arde

e to coragi ennardi,

fa' le lor lengue dardi,

che pass 'onne corato. 50

Amor, la tua largezza,

Amor, la gentelezza,

Amor, la tua recchezza

sopr'onn 'emagenato.

Amore grazoso, 55

Amore delettoso,

Amore suavetoso,

ch'el core i sazato!

Amor ch'ensigne l'arte,

che guadagnn la parte; 60

de cel ne fai le carte,

en pegno te nn 'i dato.

Amor, fedel compagno,

Amor, che mal n'' a ccagno,

de planto me fai bagno, 65

che purga 'l me' peccato.

Amor dolce e suave,

de celo, Amor, ' clave;

a pporto mini nave

e campa 'l tempestato. 70

Amore, che di luce

ad omnia c' luce,

la luce non n' luce,

lum ' 'ncorporeato.

Luce lumenativa, 75

luce demustrativa,

non vene all 'amativa

chi no n' en te lumenato.

Amor, lo tuo effetto

d lune a lo 'ntelletto; 80

demustrili l'obietto

de l'amativo amato.

Amor, lo tuo ardore

ad inflammar lo core,

uniscel per amore 85

en l'obietto encarnato.

Amor, vita scecura,

ricchezza senza cura,

plu ca 'n eterno dura

ll 'ultra esmesurato. 90

Amore, che di forma

ad omnia c' forma,

la forma tua reforma

l'omo ch' desformato.

Amore puro e mundo, 95

Amor saio e iocundo,

Amor alto e profundo

al cor che tte ss ' dato.

Amor largo e cortese,

Amor, con large spese, 100

Amor, con mense stese

fai star lo tuo affidato.

Lussuria fetente

fugata de la mente,

de castet lucente 105

Mundizia l' adornato.

Amor, tu i quell 'ama,

dnne lo core t'ama;

scitito con gran fama

lo tuo ennamorato. 110

'Namoranza divina,

a li mal' medecina!

Tu sani onne malina,

non tanto agravato.

'O lengua scottante, 115

como si stata usante

de farte tanto ennante,

parlar de tal estato?

Or pensa que n'i detto

de l'Amor benedetto; 120

onne lengua 'n defetto,

che de lui parlato.

S ' lengua angeloro,

che sta en quel gran coro,

parlanno de tal sciro, 125

parlara escialenguato.

Ergo co' non vergogni

nel tuo laudar lo 'mpogni?

Nel suo laudar non iogni,

'nanti l'i blastimato '. 130

Non te 'n pzzo obedire

c'Amor deia tacere;

l'Amor voglio bannire

fin che mo ['n]m 'esce el fiato.

Non n' condicone 135

che vada per rasone,

che passi la stasone

c'amor non sia clamato.

Clama lengua e core:

Amore, Amore, Amore! 140

Chi tace el to dolzore

lo cor li sia crepato.

E credo che crepasse

lo cor che te assaiasse;

s 'Amore non clamasse, 145

creprase affocato.

 

 

40

 

O Francesco povero,

patrarca novello,

porti novo vessillo

de la croce signato.

De croce trovn septe 5

figure demustrate;

como trovamo scripte,

per ordene, contate.

('iole abrevate,

per poterle contare; 10

encresce l'ascoltare

de lo longo trattato! ).

La prima, nel principio

de la tua conversone,

palacio enn arteficio 15

vidisti en vesone;

plen 'era la masone

de scuta crucate:

l'arme te so' mustrate

del popul che t' dato. 20

Stanno enn orazone,

de Cristo medetanno,

tale enfocazone

te fo enfusa entanno;

sempre poi lacremanno, 25

quanno te revembrava,

Cristo te recordava,

ne la croce levato.

Cristo te disse allora:

Se vl' po' mme venire, 30

la croce alta decora

prindi cun gran disire

e te anichillire,

se vl' me sequetare;

te medesmo odiare, 35

l prossemo adamato.

Terza fata, stanno

a sguardare lla croce,

Cristo te disse entanno

cun gran sno de voce 40

(per nome clam el duce,

Francesco, tre fata):

La Eclesia desviata,

repara a lo suo stato.

Poi, la quarta fata, 45

ce vidde fra' Salvestro

una croc'ennaurata

(fulgent 'era 'l to ditto).

El draco emmaladetto,

c'Asisi circundava, 50

la tua voce 'l fugava

de tutto lo ducato.

Vidde frate Pacefico

la croce de dui spade

en te, Francesco angeleco, 55

degno de granne laude;

le spade s'encuntrne,

l'una da capo a ppede,

l'altra, en croce, ce i vede

per le braccia splecato. 60

Vddete stare enn are

beato fra' Munaldo,

'o stav 'a ppredecare

santo Antonio entanno;

en croce te mustranno, 65

frate benedicivi;

poi s lo' [[t]e sparivi,

como trovam contato.

La septima, a la Verna;

stanno enn orazone 70

sopre quella gran penna

con granne devozione

(mirabele visione! )

serafino apparuto,

crucifisso veduto, 75

con sie' ale mustrato.

Encorporte stigmate

l lato, pede e mano.

Duro fra a ccredare

l'o[m], se 'l contam de plano 80

staiendo vivo e sano,

multi s ll' amirate;

en morte declarate,

da multi fo palpato.

'Nfra l'altre Santa Clara 85

se cci apicci co dente,

de tal tesauro avara,

essa co la so gente;

ma no i valse ne[i]ente,

c chiov 'eran de carne! 90

S como ferro stanne

durat 'e[n]ennervato.

La sua carne bianchissema

co' carne perile,

ennant 'era brunissima 95

per li fridur' nivile;

L'Amor la fa gentile

che par glorificata;

d'onne gent ' ammirata

de mirabele ornato. 100

La plaga laterale,

como rosa vermiglia;

lo planto c'era tale

a cquella maraviglia,

vederlo en la simiglia 105

de Cristo crucifisso;

lo cor n'era enn abisso

veder tale specchiato!

O planto gaudoso

e pleno de amiranza, 110

o planto delettoso,

pleno de consolanza!

Lacreme d'amoranza

ce fr tante iettate,

veder la novitate, 115

Cristo novo plagato.

I de le calcagna

all 'occhi tr l'umure

questa veduta magna

d'esto enfocato ardore; 120

en santi stett 'en core,

'n Francesco forte 'scito

lo balsemo polito

ch'el corpo penetrato.

Quella altissima palma, 125

o' salisti, Francesco,

lo frutto pigli ll 'alma

de Cristo crucifisso;

fusto en Lui s afisso,

mai non te nne amutasti; 130

con' te ce trasformasti

nel corpo n' miniato.

L'Amor 'n quest 'offizio,

unir dui 'nn una forma:

Francesco nel sopplizio 135

de Cristo lo trasforma.

Empresa quella norma

de Cristo c'ava en core,

la mustra fe' de fore

vestuto d'overgato. 140

L'Amor devino altissimo

con Cristo l'abracciao,

l'affetto suo ardentissimo

s llo c'encorporao,

lo cor li stemperao 145

como cera ad segello;

empremttece Quello

ov 'era trasformato.

Parlar de tal figura

co la mea lengua taccio; 150

misteria s oscura

d'entendarle suiaccio;

confesso che no 'l saccio

splicar tanta abundanza,

la smesurata amanza 155

de lo cor enfocato.

Quanto fusse quel foco

no lo potem sapere;

lo corpo suo tal ioco

no 'l ptte contenere; 160

en en cinqui parte aprire

lo fece la fortura,

per far demostratura

que 'n lui era albergato.

Nullo tovemo santo 165

che tal' segna portasse;

misterial[e]s alto,

se De' no 'l revellasse!

Bono che l'om lo passe

de qua non sa parlare; 170

quillo l' bon trattare

che ll'avar gustato.

O stigmate amirate,

fabrecate devine,

gran cosa demustrate 175

c'a tal' signi convene:

saparsse a la fine,

quanno sir la iostra,

ch sse far la mustra

del populo cruciato! 180

O anema mea secca,

che non pi lacremare,

crrice a bevar l'sca,

d'esta fonte potare;

loco t'ennebrare 185

e non te nne partire;

largatece morire

['n]la font 'ennamorato!

 

 

41

 

O Amor, devino Amore, perch m'i assidiato?

Pare da me empazzato, non pi de me posare.

De cinqui parte veio che tu m'i assidiato:

audito, viso, gusto, tatto et odorato.

S 'e' esco so' pigliato, non me tte p' occultare. 5

S 'e' esco per lo viso, ci ch'e' veio 'n amore;

'n onne forma ' adepento et en onne colore;

representime allore ch'eo ce deia albergare.

S 'e' esco per la porta per posarm 'enn audire,

lo sno e que significa? Representa te, Scire. 10

Per essa non po' 'scire, ci ch'e' odo 'n amare.

S 'e' esco per lo gusto, onne sapor te clama:

'Amor, devino Amore, Amor pleno de brama,

Amor priso m'i all 'ama per voler en me rennare '.

S 'e' esco per la porta che sse clama odorato, 15

en onne creatura ce te trovo formato;

retorno volnerato, prndim 'll 'odorare.

S 'e' esco per la porta che sse clama lo tatto,

en onne creatura ce te trovo detratto;

Amor, e cco' eo so' matto de voler te mucciare? 20

Amore, eo vo fugenno de non darte el meo core,

veio ch'en me trasforme e fime essare Amore,

s ch'eo non so' allore e non me p' artrovare.

S 'eo veio ad omo male o defetto o tentato,

trasformem 'entro en lui e fice el me' cor penato. 25

Amor esmesurato, e cui i priso ad amare?

Prindim 'e[n]Cristo morto, trme de mare ad lito;

loco me fai penare, vedenno el cor firito;

e perch l'i soffrito? Per volerme sanare.

 

 

42

 

Figli, neputi, frate, rennete

lo maltolletto, lo qual vo lassai.

Vui 'l prometteste a l'apatrino

de rennarlo tutto e non vinir meno!

Ancor non ne dste per l'alma un ferlino 5

de tanta moneta quant 'eo guadagnai.

Se 'l te promettemmo, no 'l te sapivi?

Ben eri saio che lo te credivi!

Se tu nel tuo fatto non te providivi,

attnnite a nnui ch 'l farim crai. 10

Eo vo lassai lo molto lavore,

pochi presente da voi n'abi ancore!

Quanno ce penso n'ho gran desonore,

ch m' abandonato color ch'e' plu amai.

Se tu n'amasti, devive vedere 15

a quigno porto devive vinire;

de quel c'acquistasti vollemol gaudire

e non n' veruno che cur 'en to guai.

Eo vo lassai la botte col vino,

lassa' vo li panni de lana e de lino, 20

posto m'avete nel canto mancino,

de tanta guadagna quant 'eo congregai.

Se tu congregasti tanta guadagna,

de darte covelle a nnui non n'encaglia;

giten' pace, se pate travaglia, 25

faccisti tal' fatti, captivo ne vai.

Eo ammesurai a ssostenere

la terra, la vigna, per far lo podere:

or non potete ne[i]ente volere

darme una fetta de quel c'acquistai?. 30

Se tu fusti crudo ad essere tenace,

darte chevelle a nnui non ne place;

stanne scecuro e fanne carace

che de to pene non ne curam mai.

Eo v 'arlevai con molto sodore 35

e mo me decete tal desonore?

Penso che e vui verrite a quell 'ore

che provarite que so' le me' plage.

 

 

43

 

O mezzo virtoso, retenut 'a bataglia,

non n' senza travaglia per lo mezzo passare!

L'amore che me 'n costregne d'amar le cose amante

e nell 'amore ll'odio de le cose blasmante!

Amare et onodiare enn un coraio stante, 5

sce bataglie tante, non lo porr' estremare.

L'amor quello ched ama disidera d'avere,

lo 'mpedemento nscece, li gran desplacere;

placere e desplacere enn un cor convegnire,

la lengua no 'l sa dire quant ' pena a portare. 10

La speranza enflammame d'aver salvazone,

'n estante n' desperanza de mea condizone;

sperare e desperare stare enn una masone

tant ' contenzone, non lo porria narrare.

Igneme un 'audacia de sprezzar pena e morte; 15

'n estant ' lo temore, vede cadute forte;

escecurt e temore demorar 'nn una corte,

quanto ci capavolte chi lo porria estimare?

So' [[a]preso d'iracundia, vedenno 'l meo defetto,

la pace mustra e 'nsegname ch'e' so' de mal enfetto; 20

pacificato e iroso contra lo meo respetto,

gran cosa de star ritto, a nulla parte plecare.

Lo delettare abracciame, gustanno el disiato,

o' lo tristore abatteme, sottratto m' 'l prestato;

tristare e delettare 'n e o d e m comitato, 25

lo cor passonato en tal pugna avetare.

Sed eo mustro a lo prossimo la mea condezone,

scandalezolo e turbolo de mala oppenione;

s 'e' i vo coperto, vnnoime e turbo mea masone;

questa vessazone no la pzzo mucciare. 30

Desplacem 'ennel prossimo se viv 'esciordenato,

e placeme el so essere bono da Deo creato;

de star de lui ennoxio grann ' filosofato,

lo cor vulnerato 'n passionato adamare.

L'odio meo legame a ddeverme ponire, 35

descrezione contrastali ch'e' no 'n deia perire;

de farme bene ennodio, or chi l'odo mai dire?

Altro lo patere che l'odirlo parlare.

Lo diiunare placeme e ffar granne astinenza,

per macerar meo aseno, che non me da encrescenza; 40

e d'esser forte arplaceme, ad portar la gravenza,

che sta la penetenza nel so perseverare.

Lo desprezzare placeme e de gir mal vestito,

la fama 'nsurg 'e encalciame, de vanit firito;

da quale parte vlvome parm 'essarn 'atuto; 45

adiuta, Deo enfenito, e chi porr escampare?

Lo contemplare vetame ch'e' non sia occupato,

lo tempo, a non prdirlo, fame enfacennato;

or vedete lo prelio c' l'omo nel so stato!

A chi non l' provato non lo p emagenare. 50

Placeme lo selenzio, bilo de la quite,

lo ben de Deo arlgame e tolleme el silete

demoro enfra dui prelia, non ce saccio scrimite,

a non sentir firite alta cosa me pare!

La piet de lo prossimo vl cose a suvvinire, 55

l'amor de povertate li ordo ad odire;

l'estremetate veiole vizose a tenere,

per lo mezzo transire non n' don da iullare.

L'offensa de Deo legame ad amar la vendetta,

la piet de lo prossimo la perdunanza afftta; 60

demoro enfra le forfece, ciascun coltel m'afftta,

abrevio mea ditta, en questo loco finare.

 

 

44

 

O anema mia, creata gintile,

non te far vile enclinar tuo coraio,

c 'n granne bernaio posto tuo stato!

Sed om poveritto ioietta te dona,

la mente sta prona a ddarli 'l tuo core; 5

con gran desio de lui se rasona,

con vile zona te lega d'amore!

E gran signore da te pelegrino,

fatt ' camino per te multo amaro.

O core avaro, starai plu endurato? 10

S 'el re de Francia avesse figliola

et ella sola en sua redetate,

gira adornata de blanca stola

(sua fama vola en onne contrate);

s 'ella en viltate entendesse e 'n malsano 15

e dsseise en mano a ss possedere,

que porria om dire de questo trattato?

Plu vile cosa quello c'i fatto,

dart 'entrasciatto al mondo fallente;

lo corpo per servo te fo dato en atto, 20

' 'l te fatto matto per te dolente.

Signor nigliiente fa servo rennare

e 'n s dominare en ria signoria;

i presa via c'a questo t'' entrato!

Lo tuo contato en quinto partito: 25

veder, gusto, audito, odorato e tatto;

al corpo non basta (ched to vistito)

lo mondo ademplito tutto adaffatto.

Ponam questo atto, veder bella cosa;

l'odir no n' posa nell 'occhio pasciuto; 30

'n quarto frauduto qual vo te sia dato.

El mondo non basta a l'occhio a vedere,

che pzza ademplire la sua esmesuranza;

se milli ne i mustri, far 'lo enfamire,

tant ' lo setire de so disianza. 35

Lor delettanza sottratta en tormento,

reman lo talento fraudato en tutto;

placer reca lutto al cor desensato!

El mondo non basta a li toi vasalli,

parme che falli de darli el tuo core. 40

Per satisfare a li toi castalli,

morire en travaglie a granne dolore!

Retornat 'al core de que viverai!

Tre renni c'i, per tuo defetto,

mogo 'n neietto, lor cibo ocultato. 45

Tu i creata en s granne altezza,

en gran gentelezza tua natura;

se vide e pense la tua bellezza,

starai en fortezza servannote pura;

c creatura nulla creata, 50

che sia addornata d'aver lo tuo amore;

solo al Signore s'aff el parentato.

Sed a lo specchio te vli vedere,

porrai sentire la tua dilicanza;

en te porti forma de Deo gran scire, 55

ben pi gaudire c'i tal simiglianza.

O esmesuranza en breve redutta,

cel, terra tutta veder 'nn un vasello!

O vaso bello, co' male i trattato!

Tu non i vita en cose create, 60

enn alte contrate t' opo allitare!

Salire a dDeo, chi redetate,

ch'e[n]tua povertate p satisfare!

Or non tardare la via tua ll 'amore;

se i di 'l to core, dtesse en patto, 65

el suo entrasatto 'n to redetato.

O Amore caro, che tutto te di

et omnia trai en to possidere!

Grann ' l'onore che a Deo fai,

quanno en lui stai en to gentelire; 70

ch porria om dire: 'Deo no 'mpazzao,

se comparao cotale derrata,

ch' s esmesurata en so dominato '.

 

 

45

 

O femene, guardate a le mortal' ferute!

Ne le vostre vedute el basalisco mustrate.

El basalisco serpente occide om col vedere

(lo viso envenenato s fa el corpo perire),

peio lo vostro aspetto fa l'aneme perdire 5

a Cristo, dolce scire, che caro l' comparate.

Lo basalisco asconnese, non se va demustranno,

non vedenno icese, non [ne]fa ad altrui danno;

peio ca 'l basalisco col vostro deportanno,

l'aneme volneranno co le fals 'esguardate. 10

Co' non pensate, femene, col vostro portamento

quante aneme a esto seculo mannate a perdemento?

Solo col disiderio, senz 'altro toccamento

(pur che li i en talento)l 'aneme macellate.

Non vo pensate, femene, co' gran preda tollite, 15

a Cristo, dolce Amore, mortal' dite firite?

Serve de lo davolo sollecete i servite,

co le vostre scrimite mult 'aneme i mannate.

Dice che accncete, ch place al to signore,

ma lo pensier engnnate, ch i non l'i enn amore; 20

se alcuno stolto agurdate, sospizione ne en core

che contra lo so onore facci male trattate.

Lagna poi e frete, tnete en gilosia,

vl sapere le locora e quign 'i compagnia;

porrte poi l'ensidie, s tt' suspetta e ria; 25

non iova diciria che facci en to escusate.

Or vide que fai, femena, co' tte sai contrafare,

la persona tua picciola co' la sai demustrare;

li suvarati mttite, c'una gegante pare,

poi co lo stracinare copre le suvarate. 30

Se femena paleda secundo sua natura,

arrosciase la misera non so con que tentura;

se bruna, emblancase con far sua lavatura;

mustranno sua pentura, mult 'aneme dannate.

Mustar la misera c'aia gran trecce avolte, 35

la sua testa adornnnonse co' fossen trecce accolte?

Oi tomento fracedo oi so' pizzole molte.

Cus le gente stolte enganna con lor fraudate.

Per temporale avneise che l'om la veia esciolta,

vide que fa la demona co la sua capavolta: 40

le trecce altrui compnesse, non so con que girvolta;

farttece un 'accolta, che pago en capo nate.

Que far la misera pro aver polito volto?

Porrsece lo scorteco, ch'el coi' vecchio n' tolto;

armette lo coi' morvedo, parr titula molto. 45

S enganna l'omo stolto con lor falsificate.

Da poi che a la femena li la figlia nata,

co' la natura formala, pare una strucata;

tanto lo naso tirali, stregnenno a la fiata,

che ll' s reparata che pzza far brigate. 50

So' molte che pro omene non fo nullo aconciato,

delettanse enfra l'altre aver grann 'aparato.

E non te pense, misera, che per van delettato

lo cor s' volnerato de multe enfermetate?

Non n'i potenza, femena, de poter prelare? 55

Ci che non pi con mano la lengua lo ssa fare;

non i lengua a ccentura de saperle iettare

parol' d'adolorare che passan le corate!

Non iacer a dormire quella che i ferita;

tal te dar percossa che non ne sirai leta; 60

d'alcun te dar enfamia, che ne sirai schernita

e menarai poi vita con molte tempestate.

Sospicar maritota che non si' de lui prena,

tal li verr trestizia che i secar onne vena;

accogliartte en cammora, che no 'l senta vicina 65

quale ce 'n trarai mena de morte angustate!

 

 

46

 

Amore contraffatto, spogliato de vertute,

non p far le salute l 'v ' lo vero amare.

Amor se fa lascivo senza la temperanza,

nave senza nocclero rompe en tempestanza,

cavallo senza freno curr 'en pricipitanza; 5

s fa la falsa amanza senza vertute, annare.

Amor che non forte, mortale enfermetate;

l'averset l'occide, peio en prosperitate

(l 'ipocrete mustranze, che fr per le contrate,

mustravan santetate de canti e de saltare! ). 10

Amor che non n' iusto, da Deo reprobato;

parlanno va d'amore che sia de grann 'estato;

la lengua posta en celo, lo cor aterranato;

vilissimo mercato prtai chi 'l vl mustrare.

Amor che non n' saio, de prudenza vestito, 15

non p veder l'eccessi, per ch' ensanito;

rompe lege e statuti, onne ordenato rito

(dice ch' salito a nulla lege servare).

O amor enfedele, errato de la via,

non repute peccato nulla cosa che sia, 20

va' sementando erruri de pessima risa,

tal falsa compagnia onn 'om deia mucciare.

Amor senza speranza non vene a veretate,

non p veder la luce chi fuge claretate;

como p amar lo celo chi 'n terr ' so amistate? 25

Non dica en libertate om senza lege stare!

O caritate, ' vita, c'onne altro amor morto!

Non vai rompenno lege, 'nanti l'osserv 'en tutto;

e l 've non n' lege, a llege el fai redutto;

non p gustar tuo frutto chi fugg 'el tuo guidare. 30

Onne atto s liceto, ma non a onnechivelle;

a preit ' 'l sacrificio, a mogli 'e marito, figli;

a potestate, occidere, a iudece, consigli,

a li notar ', libelli, a medeci, el curare.

Non n' ad onne omo liceto d'occidar el latrone; 35

la potestate l'officio dannarlo per rasone;

a l'occhio non n' congruo de far degestone

n al naso parlasone n a l'orecchie annare.

Chi vive senza lege, senza lege peresce;

currenno va a l'onferno chi tale via sequesce; 40

loco s lli sse acumula onne cosa ch'encresce;

chi ensemora fallesce, ensemor a penare.

 

 

47

 

Povertat 'ennamorata,

grann ' la tua signoria!

Mea Francia et Inghilterra,

enfra mare aio gran terra

(nulla sse me move guerra, 5

s lla tengo en me' baillia)).

Mea la terra de Sassogna,

mea la terra de Vascogna,

mea la terra de Borgogna

con tutta la Normannia. 10

Meo 'l renno Teotonicoro,

meo lo renno Boemioro,

Ybernia e Dazoro

Scozia e Fressonia

Mea la terra de Toscana, 15

mea la valle spoletana,

mea la marca anconitana

con tutta la Sclavonia.

Mea la terra ciciliana,

Calavria e Puglia plana, 20

Campagna e terra romana

con tutto el pian de Lombardia.

Mea Sardigna e 'l renno i Cipri,

Corsica e quel de Criti;

de ll de mar gent 'enfinite, 25

ch'e' non so l 've se stia.

Medi, Persi et Elamiti,

Iaccomini e Nastoriti,

Iurgani et Etiopiti,

India e Barbaria. 30

Le terre ho date a lavoranno,

a li vassalli a ccoltivanno;

li frutt 'arendo enn anno enn anno

tant ' la me' cortesia.

Terra, erbe con lor coluri; 35

arbori, frutti con sapuri,

bestie m' en serveturi,

tutti en mea bevolcaria.

Acque, fiumi, lachi e mare,

pesciatelli en lor notare, 40

aere, venti, ocel' volare,

tutti me fo giollaria.

Luna e sole, celo e stelle

'nfra me' tesaur' non so' chevelle;

de sopre celi se sto quelli 45

che tengo la mea melodia.

Po' che Deo lo meo velle,

possessor d'onnechevelle,

le me' ale tante penne

de terra en celo non m' via. 50

Poi 'l meo volere a Deo dato,

possessor eo d'onn 'estato;

en loro amor eo trasformato,

ennamorata cortesia.

 

 

48

 

O derrata, esguard 'al prezzo,

se tte vl' ennebrare;

c lo prezzo 'nnebrato

per lo tuo ennamorare.

Lo tuo prezzo ennebrato 5

de celo 'n terra desceso!

Plu ca stolto reputato,

lo rege de paradiso

ad que comparar s' miso,

en s gran prezzo voler dare? 10

Aguardate a esto mercato,

che Deo pate ci envistito;

angeli, troni, principato

ostupesco dell 'audito;

lo verbo de Deo enfinito 15

darse a morte per me trare!

Ostupesce celo e terra,

mare et onne creatura:

per fornir con meco guerra,

Deo presa mea natura; 20

la superbia mea d'altura

se vergogna d'abassare!

O ennebrezza d'amore,

como volisti venire?

Per salvar me peccatore, 25

s tt'' messo a lo morire!

Non saccio altro ca ensanire,

poi 'l m'i voluto ensegnare.

Po' che llo saper de Deo

empazzato de l'amore, 30

que farai, oi saper meo?

Non vol' gir po' tuo Signore?

Non pi aver maiur onore

ca en sua pazzia conventare.

O celesto paradiso, 35

encoronato stai de spina;

ensanguenato pisto alliso,

per dartem 'en medecina;

grav ' stata mea malina,

tanto costa a mmedecare! 40

Nullo membro ce par bello

star so' lo capo spinato,

che 'n non senta del fragello

de lo capo tormentato;

veio el meo Scire empiccato 45

et eo voler consolare!

Oi Signor meo, tu stai nudo

et eo abundo del vistire;

non par bello, a cquesto ludo,

eo satollo e tu enfamire; 50

tu vergogna soffirire

et eo onore aspettare!

Signor povero e mennico,

per me multo afatigato;

et eo, peccatore inico, 55

ricco, grasso, arepusato;

non par bello esto vergato,

eo en reposo e tu en penare.

O Signor meo senza terra,

casalino, massaria, 60

lo pensier multo m'aferra

ch'e' sso' errato de to via;

granne faccio villania

a non voler te secutare.

Or arnunza, anema mia, 65

ad onne consolazione;

lo penar te en gaudio sia,

vergogna et onne affrizione;

e questa sia la tua stazzone,

de morire en tormentare. 70

O gran prezzo senza lengua,

viso, audito e non n' core!

Esmesuranza en te regna,

o' ' 'negato onne valore.

Lo 'Ntelletto sta de fore 75

o' l'amore sta a pasquare.

Poi che lo 'Ntelletto preso

de la grann 'esmesuranza,

l'Amor ce vola a destiso,

va montanno en disianza; 80

abraccianno l'Abundanza,

l'Amiranza el fa pigliare.

L'Amiranza i mette el freno

a l'Amor empetoso;

en reverenza fase meno, 85

non prosummar d'andar suso;

lo voler de Deo li 'nfuso

ch'el suo voler fa annichilare.

Poi che l'omo annichilato,

nascei l'occhio da vedere; 90

questo prezzo esmesurato

poi lo comenza sentire,

nulla lengua no 'l sa dire

quel che sente en quello stare.

 

 

49

 

O peccator, chi te ffidato,

che de me no n'i temenza?

Non cosidere, peccatore,

ch'eo te pzzo anabissare?

Et i fatto tal fallore 5

ch'eo s ll'ho cason de fare;

ho te 'l voluto comportare,

perch tornasse a penetenza.

O dulcissimo Signore,

pregote che si' paziente! 10

Lo Nimico engannatore

m ' sottratto mala mente;

retornato so' a neiente

per la gran mea 'niquitanza.

Testo l'anvito ch'eo n'aio, 15

che pro 'l Nimico m'i lassato

et i creso en to coraio

a cci che t' consigliato;

e 'l meo consiglio i desprezzato

per la tua granne aroganza. 20

Lo consiglio me fo dato

ch'eo devesse el mondo usare:

'Da po' che sirai envecchiato,

tu te 'n porrai confessare;

assai tempo porrai dare 25

al Signor per perdonanza '.

Test 'era pales 'enganno,

che tte mittivi ad osolare;

ch non n'i termene d'un anno

n d'un 'ora pi sperare; 30

se tu 'n te cridivi envecchiare,

fallace era tua speranza.

La speranza ch'eo [n ']ava

de tuo granne perdonare

a ppeccar me conduca 35

e ffacalme adoperare,

'n esperanza de tornare

a la fin con gran fidanza.

La speranza del perdono

s data a cchi la vle 40

et eo a quella persona 'l dono,

ch'en lo so peccato dole,

no a cului che peccar sle

a spen ch'e' non faccia vegnanza.

Po' 'l peccato ava commesso, 45

s 'e' dica de confessare,

e llo Nimico dica en esso:

'Tu 'l no poterai mai fare;

co' porrai pena portare

de cus granne offensanza? '. 50

La pena, che ho portata,

'n esto mondo, pro peccato,

lebbe cosa reputata,

a ppensar de quello stato,

nel qual l'omo n' dannato 55

per la sua gran niquitanza.

Col sozzo laido peccato

me tena col vergognare,

e dicame: 'Enn esso stato

tu no 'l porrai confessare; 60

co' porr' a preite spalare

cus granne abomenanza? '.

Meglio t' d'aver vergogna

denante del preite meo

ca d'averla po' cun doglia 65

al iudicar che faraio eo;

ch'e' mustraraio el fatto teo

en cus granne adunanza.

Et eo me rnno pentuto

de la me' offensone, 70

ch'e' non so' stato aveduto

de la mea salvazone;

pregote, Deo, meo patrone,

che da me agi ptanza!.

Poi che a me tu tt'' rennuto, 75

s tte voglio recepire;

e questo patto sia statuto,

che non deia plu fallire;

ch'eo non lo porria sufferire

cus grande esconoscianza. 80

 

 

50

 

O Cristo onipotente,

dove site envato?

Perch povera mente

gite peligrinato?.

Una sposa pigliai, 5

che dato li ho el meo core;

de ioie l'adornai,

per avermene onore;

lassme a ddesonore,

fame gir en penato. 10

Eo s [ne]l 'adornai

de ioie e d'onoranza,

mea forma l'assignai

e[n]la me' simiglianza;

me fatta fallanza, 15

vnne peligrinato.

Eo li donai memoria

ne lo meo placemento;

de la celestial gloria

dli lo entennemento 20

e voluntate en centro

nel core li ho emminiato.

Po' li donai la fede,

che adimple entellegenza,

a mmemoria li dde 25

la verac'esperanza

e, ['n]caritate, amanza

l volere ordenato.

A cci che lo essercizio

avesse complemento, 30

lo corpo per servizio

dli e per ornamento;

e fo bello stromento,

no l'avess 'escordato.

A cci ched ella avesse 35

en que s'essercetare,

tutte le creature

per lei vlse creare;

dnne me dev' amare

me guerra amenato. 40

A cci ch'ella sapesse

como se essercire,

de le quatro vertute

s la vlse vestire;

per lo so gran fallire 45

cun tutte adulterato.

Signor, se la trovamo

e vle retornare,

vli che li dicamo

che li vl' perdonare, 50

che lla pozzam retrare

de so pessemo estato?.

Dicete a la mea sposa

che deia revenire;

tal morte dolorosa 55

non me faccia patere;

per lei voglio morire,

s nne so' ennamorato.

Con granne placemento

fccioli perdonanza, 60

rndoli l'ornamento,

donoli me' amistanza;

e tutta sua fallanza

s 'n me sir scordato.

O alma peccatrice, 65

sposa de gran marito,

co' iace en esta fce

lo tuo volto polito?

Como i da lui fugito,

tant 'amore t' portato?. 70

Pensanno nel suo amore,

s so' mort 'e confusa!

Pusem 'en granne onore,

or en cque so' retrusa!

O morte dolorosa, 75

como m'ai circundato!.

O peccatrice engrata,

retorna al tuo Signore!

Non esser desperata,

c per te mor d'amore; 80

pensa enel suo dolore,

con' l'i d'amor plagato.

Eo li aio tanto offeso,

forsa non m'arvorria!

Aiol' morto e conquiso, 85

trist 'a la vita mia!

Non saccio o' eo me sia,

s m' d'amor legato.

Non n'aver dubitanza

de la recezone; 90

fare plu demoranza

non n'i nulla casone;

clame tua entenzone

con planto amaricato.

O Cristo pi[g]itoso, 95

ove te trovo, Amore?

Non m'essar plu 'n ascuso,

c mogo a gran dolore.

Chi vide el meo Signore,

narril' chi l' trovato. 100

O alma, nui 'l trovammo

su ne la croce appeso;

morto lo ce lassammo,

tutto battut 'e alliso;

per te a morir s' miso, 105

caro t' comparato!.

Et eo commenzo el corrotto

de uno acuto dolore:

Amor, chi mme t' morto?

i morto per meo amore. 110

O ennibrato ardore,

o' n'i Cristo empiccato?.

 

 

51

 

O vita de Ies Cristo, specchio de veretate!

O mea deformetate en quella luce vedere!

Parame esser chevelle, chevelle me tina,

l'oppinione c'ava facam 'esser iocondo;

guardanno en quello specchio la luce che n'osca, 5

mustr la vita mia che iaca nel profondo;

vnneme planto abundo, vedenno esmesuranza,

quant 'era la distanza 'nfra l'essere e 'l vedere.

Guardanno en quello specchio, vddece la me' essenza;

era, senza fallenza, plena de fedetate; 10

vddece la mea fede, era una diffidenza;

speranza, presumenza plena de vanetate;

vidde mea caritate, amor contaminato;

poi c'a llum ' specchiato, tutto me fe' sturdire!

Guardanno en quello specchio, iustizia mea ci apare 15

en uno deguastare de vertut 'en bontate.

L'onor de Deo furato, lo ennocente dannare,

lo malfattor salvare e darli libertate.

O falsa niquitate, amar me malfattore

e de sottrar l'amore a cquel ch'eo dibi avere! 20

Guardanno en quello specchio, vidde la mea prudenza;

era una ensepienza d'anemalio bruto;

la lege del Signore non abi en reverenza,

puse la mea entennenza al mondo c'ho veduto;

or a cque so' venuto? Omo razonale, 25

de farme bestale (e peio ne p om dire! ).

Guardanno en quello specchio, vidde mea temperanza;

era una lascivanza sfrenata senza freno;

li moti de la mente non ressi en modernanza,

lo cor prese baldanza voler le cose en pleno ; 30

copersese un mantino, falsa discrezone,

summersa la rasone, a cchi fo dato a servire.