Chiaro Davanzati

 

Rime - Canzoni e Sonetti

 

 

Edizione di riferimento: Chiaro Davanzati: Rime, a cura di Aldo Menichetti, Commissione per i testi di lingua, Bologna 1965

 

 


TENZONE CON FRATE UBERTINO

<I a-II>

 

I

(V CXIX)

 

FRATE UBERTINO

 

In gran parole la proferta fama

e in voce comun senno laudato,

se séguita l'afetto, è gran virtute;

sennò, l'om disavanza ed infama

lo laudamento a paragon provato:                                                                  5

(.....) onore e le grazze ha perdute.

Vile metallo talfiada è dorato

e prende alto colore,

e poco ha di valore;

la canna prende altezza di bel vana,                                                             10

laidi fa fiori, e nullo frutto grana.

 

Aprite gli oc<c>hi a no avere sdignanza,

fatevi avanti e non serate porte,

vostro savere aprite a chi lui chere;

di che vedete prendete intendanza,

non divinate altro sen<n>o che aporte,                                                        15

non trasformate le chiarite spere.

A invisibil' cose deste figura,

lo non-sostanzïato

faceste corporato.

Caldo senza fredor non posso usare:                                                           20

proveder si convene al consigliare.

 

La planeta mag<g>ior di gran potenza,

che in terra segnoreg<g>ia tut<t>a gente,

genera e cresce assai diverse cose;

in molte corpora sta sua valenza                                                                  25

e 'n tut<t>e apare assa' isplend<ï>ente,

flori creante con gran spine e rose;

e a tut<t>e dà splend<ï>ente luce

con diversi splendori

insieme operatori;                                                                                       30

in molte guise varia, chi li guarda.

e molte volte d'abagliar non tarda.

 

Dolce ha veleno ed amaro mèle,

trestizïa con gaudio insieme ad ora,

languir con gioia, solazzo e lamento;                                                            35

e talor ha pïetanza crudele,

e in u<n> stato ferma non dimora;

dole e dà pianto con alegramento.

Come le piace ti muta colore,

<e> tìrati e alenta,                                                                                       40

e svolge e atalenta;

e ancor più, che dilett'ha' in pene,

e vai atorno e tieneti in catene.

 

< . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -eso                                                        45

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ere

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ato

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -eso

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ere

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ato                                                          50

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ondo

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ero

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ero

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ate

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ate

 

 

I

(V CC)

 

2

 

Se l'alta disclezion di voi mi chiama

(per altrui voce, non per mio aprovato)

loda, s'è per sag<g>iar, nonn-ha salute:

ma, qual ch'io sia, lo mio cor si richiama,

per vostro onor seguire e fare a grato,                                                           5

di quanto più avesse in me vertute.

E son certo che siete colorato

d'ambra e di moscato; lo sapore

è d'ogn'altro megliore:

onde s'alegra mia mente e sta sana                                                              10

quando v'adirizzate a mia quintana.

 

Chi vuole di valor sag<g>io l'usanza

le vie di verità ha tut<t>e acorte:

per altrui fallo sua grazza non père;

e quei conversa ben, chi ha lenza,                                                                15

e 'l confessar ragion no˙lli par forte

ma diletta, chi usa tal mestere.

Dunqua, s'ag<g>io planete a grande altura

e ciascun'ha lo suo corpo formato,

celestïal nomato                                                                                          20

fu per celestïal tereno usare:

per ciaschedun si salva meo parlare.

 

Non de' l'om molto dir là ov'è la scienza,

ché breve detto di molti è 'ntendente,

ché lunghe aringherie odo noiose:                                                                25

sapore vene d'amara semenza,

caldo fredur'ha temperatamente,

chi 'l mezzo segue ha gioi' più saporose.

Però chi per planeta si conduce

prenda qual<unqu>e più li dà calori:                                                            30

mag<g>ior è <'n> sol valori;

chi de lo sol veracemente imbarda

in genera<r> calor bo˙no si tarda.

 

Di grazza tempro, io non m'apello fiele,

né di sapienza non mi gitto fora,                                                                   35

né di ciò degno sia d'aver convento;

ma 'nver' di voi in croce ag<g>io le vele;

se fe' figura in terra dimora,

seguite qual più scaldavi talento.

Supercelestïal Dio e Segnore                                                                       40

in Suo corpo acontenta

chi·lLui crede; non penta;

dunque tre son li regni ov'E' sostene,

<in> corpo e sustanza, amore e bene.

 

Assai vi narro, se m'avete inteso                                                                  45

onde lo confessar vi de' piacere

che senza intesa no è bon giudicato:

avegna ch'io perdon' vostro ripreso,

e sol di benenanza l'ho tenere,

perché simil costume veg<g>io usato.                                                          50

Onde pensate al primo e al secondo,

e poi, dopo 'l pensiero

non siate menzoniero:

usate propiamente veritate,

se fin pregio volete di bontate.                                                                     55

 

 

(V CXCVIII)

 

FRATE UBERTINO

 

Puro senno e leanza,

alto savere e plena veritate,

ove dimora e grana cupïosa,

non dotto in mia fallanza.

No riprension, ma <'n> buona fé sacc<i>ate                                                 5

inver' voi dissi lauda grazïosa.

Ag<g>io colori umani

e saver d'om mortale,

ma, quanto il mio cor vale

o conosce, in dritta lëaltate                                                                          10

vogl'io usare a tut<t>o mio podere.

 

Del mio poco valore

in poca caonoscenza i' ho usanza,

ma per la tòrta via a taston vado;

ma per zo ch'è onore                                                                                  15

usar ragione sanza alcuna eranza,

quel che saccio né altro non m'è a grado.

Bona grazza non falla

per fallo d'altra gente,

ma afina valente:                                                                                         20

io so ben trare sanza vostro segno,

e non m'adritto a <la> vostra quintana.

 

Me una cosa sola

costringe e sforza e dà caldo e fredore,

e scalda e fred<d>a vertute e talento,                                                          25

e grande porta scola,

e segnoreg<g>ia onne teren segnore,

ed a cui piace dà gioia e tormento:

quel che di sovra al cielo

co l 'oc<c>hio cordïale                                                                               30

lo <...> celestïale

<.....................> possa vedere:

non mischiam que<llo> co le cose umane.

 

Un segnore tereno

comune in ogni regno ha segnoria;                                                               35

lui ubidisco e servo a mia possanza

e sua fé porto in seno;

nullo sopra segnore credo sia

che 'nver' di lui non ag<g>ia <'n sé> mancanza.

Esto teren segnore                                                                                      40

dimoranza averàe

e perpetuo staràe

<in>fin che fiaro le cose terene

e che sarà <lo> novis<s>imo die.

 

Giudicar non si puote                                                                                  45

senz'a<ver> proveduta canoscenza,

ne senza intesa aperta proferere;

de le chiosate note

manifesta si puote avere intenza:

chi nonn-intenda detto de' tacere.                                                                50

Perfetto insegnamento

non s'ha senza dottore

né senza core, amore:

giudice senza leg<g>e sempreterna

falla for<i> misura in sua <s>entenza.                                                          55

 

 

II

(V CCI)

 

Novo savere e novo intendimento,

novel dimando e nova risponsione,

a nuovo fatto, nuovo consigliato:

vertù non par per poco mostramento?

poco dimostro da grande intenzione                                                              5

folle fa sag<g>io, pregio <fa> blasmato?

D'agua ven foco e foco se ne spegne;

tai cose son laudat'e non son degne,

ché 'l poco foco gran sel<v>a divora:

chi troppo parla, credo, invan lavora.                                                          10

 

Lingua ch'è di parlar molto imbiadata

perde semenza e genera malizza;

sovente grana loglio in sua ricolta:

chi non vuol pregio non ha nominata,

ed omo largo non ama avarizza;                                                                  15

l'onesto schifa lo pecar talvolta:

per me lo dico e per voi veramente

ch'avem gra·libro fatto di neiente,

la via de' folli sempre seguitando

salvata rima e sentenze fallando.                                                                  20

 

Per due ragion' le cose intendo care:

perché son rade over per lor vertute;

ma d'este due la lor via non tenete,

ma lo contrado, per certo mi pare:

a far mesione honde scole tenute,                                                                25

poi tra le lode es<s>er voi non volete.

D'avril de l'òra s'ha gran<de> diletto;

poi ven lo mag<g>io: cala 'l suo afetto

e perde per la troppa soverchianza,

perché di le' è troppa <l'>abondanza.                                                          30

 

Poi non v'intendo e voi non m'intendete,

così conven si falli l'argomento

da l'una parte per l'altra ac<c>ertire;

io vi dimostro ciò che mi cherete:

or mio è 'l fallo o vostr'è il fallimento?                                                          35

Così non so qual s'ag<g>ia lo gradire.

Vostro segnore assai ave in balia;

chi sua vertute fug<g>e fa follia:

prim'o secondo, fermo in trinitate,

giusta tien parte in pura deïtate.                                                                   40

 

 

III

(V CCII)

 

Assai m'era posato

di non voler cantare,

credendo ricelare

la benenanza e l'amoroso stato,

per nonn-adimostrare                                                                                    5

là ove son tut<t>o dato,

non mi fosse furato

d'alcun malvagio per lo mio parlare.

Or m'ha sì preso amore,

che mi fa risvegliare                                                                                     10

lo dolze <ri>membrare

ch'aio de lo sapore:

farò canzon di fina rimmembranza,

poi ch'io son tut<t>o ne la sua posanza.

 

Amor m'ave in podere,                                                                               15

distretto in sua balia

a la sua segnoria:

più ch'altra m'è 'n piacere.

Forse <per>ch'io n'avia

<cotanto> in mio podere,                                                                            20

non credea pare avere

né che d'amor più sia.

Ma poi, perseverando,

m'ha˙ffatto conoscente

ch'io lo credea neiente                                                                                 25

apo ch'io trovo amando;

lo primo e 'l mezzo fue neiente a dire

apo la fine, tant'è lo gradire.

 

Amor, sed io valesse

quanto valer voria                                                                                       30

o tut<t>a fosse mia

la terra, quanta se ne posedesse,

neiente mi paria,

s'i' da˙llui no l'avesse

o per lui la tenesse,                                                                                     35

tanto mi par gioiosa gentilia.

Ch'al primo quando amai

di folle amor mi prese;

or son d'amor cortese

più ch'io non coninzai,                                                                                 40

ed amo la mia donna in veritate

al mondo sag<g>ia e ferma in dietate.

 

Quat<t>ro son l'aulimenta

ch'ogni animal mantene

ed in vita li tene,                                                                                          45

onde ciascun per sé vi s'acontenta:

la talpa in terra ha bene,

àleche in agua abenta,

calameon di venta,

la salamandra in foco si mantene.                                                                 50

Ed io sono animale,

di ciò vita non prendo,

ma pur d'amor servendo

cresce mio bene e sale:

ch'amore e la mia donna e 'l core mio                                                          55

sono una cosa e hanno uno disio

 

Mia canzon d'ubidenza

e di gran gechimento,

va' là ov'è il piacimento:

pregio ed aunore tutto vi s'agenza,                                                               60

ed ivi è 'l compimento

di tutta la valenza

senza nesuna intenza;

là ov'è mia donna fa' dimoramento:

dille che mi perdoni                                                                                     65

s'aggio fallato in dire,

ch'io non posso covrire

ch'io di lei no ragioni:

ch'amore ed essa m'ha˙ffatto credente

che più gioia che i˙llor non sia neiente                                                          70

 

 

IV

(V CCIII)

 

Donna, ciascun fa canto

di gioia per amore:

mostrano ben che 'l core

trovi merzede alquanto;

ma io nonn-ho valore,                                                                                   5

ca di sospiri e pianto

sovente mi ramanto,

veg<g>endo ch'a voi piace il meo dolore.

Ma non cangio labore,

ché m'è rimaso di voi lo guardare;                                                               10

so che noia vi pare,

ma già furare

da me l'amare

non potete, ch'io non sia servidore.

 

S'io servo e voi dispiace,                                                                             15

veg<g>io ben ch'è follia,

ma d'amare è la via

omo di sua ofesa render pace;

e tut<t>o ciò disia

lo mio cor, s'a voi piace,                                                                             20

e com'oro in fornace

ci afina tutavia.

Se voi par villania

da me voi ricepere

lo parlare e 'l vedere,                                                                                  25

guardate a lo savere,

come valere

po<tesse> donna sanza cortesia.

 

Cortesia è sofrire

doglia per istagione:                                                                                    30

tut<t>o ciò vuol ragione,

ch'apresso oltra<ggio> nasce l<o> disire;

s'io misi mia intenzione

in voi per me' gradire,

veg<g>io che v'è languire,                                                                           35

partir non pos' la mia openïone.

Ma questa è la cagione

ca tut<t>o ciò ch'io dico m'<è> arivato

in bono usato:

che chi è amato                                                                                           40

sì è blasmato,

se non ama, <ed> in fallo si ripone.

 

Ponesi in fallimento

donna senza pietate;

non s'aven protestate                                                                                  45

là ov'è argogliamento;

la vostra richitate

venne in dibassamento,

se per un'ira cento

ver' me, bella, mostrate.                                                                              50

La claritate

de la vostra bellezza

a me dava chiarezza

che la greve ferezza

serà dolcezza,                                                                                             55

s'io tegno l'umiltate.

 

L'umiltate mi guida

a una dolze speranza,

ché 'l chieder pïetanza

nesun amante isfida.                                                                                    60

Visto l'ho per usanza

che lo leon per grida

cresce in vita e rafida

li figli suoi di pic<c>iola possanza:

così i˙lleanza                                                                                               65

poreste voi di me, bene allegrando:

s'io per usando

merzé chiamando,

uno vostro comando

mi doneria possanza.                                                                                                  70

 

 

V

(V CCIV)

 

La mia vita, poi <ch'è> sanza conforto,

forzatamente ho misa in disperanza,

perché pietanza – non mi val cherere;

tant'è lo gran martiro ched io porto

ch'ogn'altra cosa tegno in obrïanza,                                                                5

ed in crudel pesanza

radoppio meo podere,

pensando ch'io fui ric<c>o oltre misura

e portai gioia com'altro amadore,

poi partio con dolore                                                                                  10

e l'alegranza mi torna in rancura;

di voi, gentil mia donna, fui gaudente

e presi frutto in vostra degnitate:

ed or v'è niquitate

senza ofension di farmene perdente.                                                            15

 

Perdente, già per mia comessïone

non fui di voi; néd esser non poria

che tutavïa – di quant'io valesse,

non sia di voi, a farvi subezione,

disiderando sovente la dia                                                                           20

ch'a vostra segnoria

lo me' servir piacesse.

Com'io solëa, lasso doloroso,

prendere parte de l<o> vostro regno,

più ch'io non era degno!                                                                              25

S'io vi capesse ancor, saria gioioso.

Perciò mag<g>ior dolor deg<g>io portare,

perder la cosa ch'ag<g>io posseduta,

che s'io˙n l'avesse avuta:

seria danno, ma no sì da blasmare.                                                              30

 

S'io blasmo avesse già per mio follore,

non mi doria di ciò che m'incontrasse,

e s'io merzé chiamasse,

perder ne dovria prova;

poi ch'io non sia maleal servidore,                                                               35

non seria fallo s'io pietà trovasse

e a me s'aumilïasse

il vostro core ed a merzé si muova,

se˙lla manera e l'uso ritenete

dello leone quand'è più adirato,                                                                   40

che torna umilïato

a chi merzé li chiere, voi il savete.

E io non fino voi merzé cherendo,

e poria sucitar d'un'acoglienza

di voi meco 'n piagenza,                                                                              45

poi fineria lo mio dolor servendo.

 

Servendo fineria già la mia doglia

e lo penare mi saria alegranza,

sed io saver certanza

potesse de l'ofesa,                                                                                      50

la qual non feci, e non saria mia voglia:

ma piace tanto a vostra gentilanza

di me dare agrestanza,

ch'io sto contento, no ne fo difesa;

e˙ll'uso del segugio vo' seguire:                                                                    55

quando il segnor lo batte più cocente,

se 'l chiama, di presente

e' torna, e mette in gioia lo languire;

se tal manera a me tener non vale,

convene a me stesso es<s>ere nemico:                                                        60

poi non truovo omo amico,

de le mie man' sarònne micidiale.

 

Ahïmè lasso, che dirà la gente,

se la vostra bellezza è dispietata?

Serà per me blasmata,                                                                                65

abiendo pregio, di crudalitate.

Dipo la morte, l'arma mia dolente

di ciò si crederà esser dannata:

perciò sia acomandata

a voi, ch'avete in ciò la libertate:                                                                  70

ch'i' odo dir ch'al pulican divene

che sucita li suo figli di morte,

e certo no gli è forte,

ma fug<g>e il suo dolore e 'n gioia rivene:

così poreste surgere e amendare                                                                 75

la morte e 'l fallo, e sariavi leg<g>ero,

se per lo mio preghero

doveste solo un'ora aumilïare.

 

 

VI

(V CCV)

 

Lungiamente portai

mia ferita in celato

e fui temente di dir mia doglienza;

tut<t>o in me 'maginai

vostro prencipio stato,                                                                                  5

credendo in voi campar per ubidenza:

ché la valenza – di voi, donna altera,

fueme pantera – e presemi d'amore

come d'aulore

<che> d'essa <ven> si prende ogn'altra fera:                                               10

così di voi mi presi inamorando;

mercé chiamando, – istato son cherente,

se fosse a voi piacente,

di dare ancor ciò che dimostro in cera.

 

Acciò ch'io più celare                                                                                  15

non posso il mio tormento,

gentil donna, lo dicer mi convene:

tanto mi sforza amare,

ch'io nonn-ho sentimento:

conosco ciò ch'i' ho che da voi vene;                                                           20

e gioia e pene – e quant'ho di possanza

mi veste amanza – più ch'io non so dire.

Del mio ag<g>echire

convene ormai a voi aver pietanza,

ché 'l mio penare a blasmo non tornasse:                                                     25

s'eo più v'adimandasse,

dotto non si paresse ciò ch'io porto:

però voria far porto

del mio lontano ateso in benenanza.

 

Quando penso ed isguardo                                                                         30

la vostra gran bieltate,

in ciascun membro sento li sospiri,

cotanto n'ho riguardo

de lo tardar che fate

non perdan ciò, ond'atendon disiri.                                                              35

Oh i dolzi smiri – e la gaia fazzone!

Del parpaglione – aver mi par natura,

che si mette a l'arsura

per lo chiaror del foco a la stagione:

così m'aven, di voi, bella, veg<g>endo,                                                       40

che mi moro temendo,

cherendo a voi merzede,

ed ancora con fede

che mi doniate, s'ag<g>io in voi ragione.

 

Per lungo atendimento                                                                                 45

ogne frutto pervene

veracemente a sua stagione e loco;

al mio coninzamento

simile non avene,

ché, com' più tardo, più dimoro in foco.                                                       50

Se nonn-ha loco – in voi merzé cherere,

non pò parere – in me vita gioiosa,

ma com' fa l'antalosa

conven ch'io facc<i>a a giusto mio podere,

ch'a l'albero là dove più costuma                                                                 55

sì si consuma – per lo suo diletto:

ed io simile aspetto:

se non mi date, non posso valere.

 

Poi che per me non vaglio,

se da voi non proseg<g>io,                                                                         60

dunque, s'io prendo, vostr'è la fatura:

piacc<i>avi il mio travaglio,

ché, quant'io più vi veg<g>io,

sento lo core in più cocente arsura:

ed ho paura, – se non provedete,                                                                65

però che voi <'l> volete,

poi ched i' voi non ag<g>io,

esendo in vostro omag<g>io;

ed io mi moro e pietà non avete.

Ben fora ormai stagion, tant'ho soferto                                                         70

di voi amar coverto,

d'avere alcuna gioia

anzi cad io mi moia:

poria campar, se voi mi socorete.

 

 

VII

(V CCVI)

 

Or vo' cantar, e poi cantar mi tene

ch'è 'l merito d'amor con benenanza,

in allegranza – affanno m'è tornato:

mille mercé a l'amoroso bene

che dispietò ver' me con orgoglianza,                                                             5

poi d'umilianza – m'ha rico<r> donato.

A tal m'ha dato – che mi fa parere

gioia la pena e l<o> tormento gioco,

ag<g>end'io parte e loco

nel suo nobil savere;                                                                                    10

ch'io già per me contare io no 'l savria

la sua bieltade quant'è poderosa,

che l'aira tenebrosa,

s'apare, fa parer di notte dia.

 

Dunqua, s'io canto, ben ag<g>io ragione:                                                    15

membrando a la sua gaia portatura

ogne rancura – aver deg<>io 'n obrio;

si˙llargamente me ha fatto mesione,

che 'n un voler congiunt'ha sua natura

meco, si ch'io paura                                                                                    20

non ho di perder mai lo suo disio.

Ma tegno in fio

<da lei> la propietà della mia vita,

perch'io con gioia la presi non forzando,

ma, pur merzé chiamando,                                                                          25

degnò di darmi gioiosa compita:

ond'io son ric<c>o da˙llei, conoscendo

che 'l suo valore avanti m'ha corètto

de lo dispetto

dov'era, <pur> pensando, ritemendo.                                                          30

 

Io portai mia feruta lungiamente

celata, ch'io non volli adimostrare

per non gravar – la sua ferma conscienza:

fe' com'omo salvag<g>io veramente:

quand'ha rio tempo, forza lo cantare                                                            35

co lo sperare

ca 'l buon vegna, ch'abassi sua doglienza.

Così pura credenza

avea tutor nel suo ric<c>o valore,

ch'io non sana dal suo ben dipartito                                                             40

s'io le stesse gechito,

ma avanzerei com'altro servidore:

onde 'l suo pregio m'ha tut<t>o donato

più che medesmo lei non dimandai;

ond'io ringrazzo ormai                                                                                 45

amore e˙llei e 'l mio dolze aspetato.

 

Ringrazzo voi, di fin cor merzé rendo:

merzé, mia donna, ancor degno non sia

sì alta segnoria – me aquistare;

e s'io n'avesse parte pur veg<g>endo,                                                         50

sereb<b>e altura di gran gentilia,

non che balia – di voi senz'esser pare.

Perzò laudare

mi converia, ma non son sì sennato

che 'l vostro pregio a me si convenisse;                                                        55

ma, come 'l sag<g>io disse,

chi non pò tut<t>o, alquanto gli è serbato:

però pregio, valore e caunoscenza

in voi sormonta e tut<t>o acompimento

e più ben per un cento                                                                                 60

ch'io divisar non so per la mia scienza.

 

 

VIII

(V CCVII)

 

Quando mi membra, lassa,

sì com' già fui d'amore,

pensando alore

ben dovrïa languire,

veg<g>endo lo meo sire                                                                                5

me non guardare: e' passa

e gli oc<c>hi bassa;

mostra ch'io sia dolore.

Ma io nonn-ho valore

null'altro ma pesanza:                                                                                  10

veg<g>endo la mia amanza – dipartire,

voria morire

o ritornare a la sua benenanza.

 

Ben voria ritornare,

quant'i' ho più potenza,                                                                                15

e met<t>ere ubidenza,

a ciò ch'io aver potesse ciò ch'io soglio;

non mi saria cordoglio

ma disïo trovare,

vogliendo conservare                                                                                  20

compiuta sua piagenza.

Poi che di lui servenza

non ho, che deg<g>io fare?

Piangere e sospirare – tutavia,

o la sua segnoria                                                                                         25

compiuta raquistare.

 

Eo raquistar non posso,

lassa, già mai diletto,

ch'io fallii 'l suo precetto:

son degna d'aver pena                                                                                30

più che donna terena.

Però è 'l meo sir mosso

sì fero ver' me adosso

che non cura meo detto:

dunqua, che ne raspetto?                                                                            35

Doglia e maninconia.

Da poi che m'ha 'n obria,

non so che deg<g>ia fare:

pianger e sospirare

tanto ch'amenderag<g>io la follia.                                                               40

 

Lo mio greve follore,

lassa me dolorosa,

fu quand'io dispetosa

credea ch'egli altra amasse,

o che 'nver' me fallasse                                                                                45

lo suo verace amore:

s'io ne sento dolore

ragion'è, poi ched io ne fui vogliosa;

e s'io parto dogliosa

nonn-è già meraviglia.                                                                                 50

Dunque, se s'asotiglia

di darmi malenanza,

convene con pietanza,

merzé cherendo, che 'nalzi le ciglia;

 

co le man' giunte avanti,                                                                              55

dolze 'l meo sir, piangendo,

umilmente cherendo

del mio fallir perdono:

e s'io colpata sono,

honne sospiri e pianti;                                                                                  60

li miei dolor' son tanti

ch'io tut<t>a ardo ed incendo:

però, se voi veg<g>endo,

com' solete non fate,

ché moro in veritate,                                                                                   65

s'io no ritorno a lo prencipio stato

ch'io v'ag<g>ia inamorato,

ubriando la fera niquitate.

 

 

IX

(V CCVIII)

 

Troppo ag<g>io fatto lungia dimoranza,

lasso, ch'ïo non vidi

la dolze speme a cu' i' m'era dato:

sonne smaruto e vivone in pesanza,

ohimè, ché non m'avidi                                                                                  5

del folle senno mio, che m'ha 'nganato

ed allungiato – da lo suo comando:

però è dritto ch'ogni gioia m'infragna,

poi ch'io m'alungo da la sua compagna;

e come più me ne vo alungiando,                                                                 10

men'ho di gioia e più doglio affannando.

 

Se mia follïa m'inganna e m'aucide

e dà pena e tormenti,

ben è ragion che nullo omo mi pianga,

ch'io sono ben come quei che si vide                                                           15

ne l'agua infino a' denti,

e mor di sete temendo no afranga:

ma no rimanga – io ne lo scoglio afranto.

Così ag<g>‘io per somigliante eranza

smisurata la sua dolze speranza:                                                                   20

e so, s'io perdo lei cui amo tanto,

perdut'ho me a gioia e riso e canto.

 

Tant'aio minespreso feramente,

ch'io˙n mi sao consigliare:

gran ragion'è ch'io perisca a tal sorte,                                                          25

ch'io faccio come 'l cecer certamente,

che si sforza a cantare

quando si sente aprossimar la morte.

E più m'è forte

la pena ov'io son dato,                                                                                30

quand'io non veg<g>io quella dolze spera,

che ne lo scuro mi donò lumera:

ohmè, s'io fosse un anno morto stato,

sì doverei a˙llei es<s>er tornato.

 

Sì come non si puo<t> rilevare,                                                                   35

da poi che cade giuso,

lo lëofante, ch'è di gran possanza,

mentre che gli altri co lo lor gridare

vegnon, che˙levan suso

e rendorli il conforto e la baldanza;                                                              40

a tal sembianza,

canzon, vatene in corso

ad ogne fino amante ovunque sede,

che deg<g>iano per me gridar merzede;

ché se per lor non m'è fatto socorso,                                                           45

fra i ternafin' del disperar son corso.

 

 

X

(V CCIX)

 

Gravosa dimoranza

faccio, poi che disparte

convenmi contro a voglia adimorare,

metendo la speranza

là ove non ag<g>io parte                                                                              5

altro che solamente tormentare,

da poi non veg<g>io possasi partire

da me punto languire:

più disïando là dov'aio spera,

penando, trovo fera                                                                                    10

per me pietà e la mercé calare.

 

Se 'l dimoro ch'eo faccio

col pensier non m'alena,

la mia vita <porà> durare poco;

meglio è la morte avaccio,                                                                           15

che vivendo con pena:

forse ch'a l'altro mondo avrag<g>io gioco,

ché lo tormento in esto mondo avere

è per l'altro tenere,

do<v'o>gni bon <sofrente ha bon> membrato                                             20

secondo io veg<g>io usato:

ma per me, lasso, so ch'è tut<t>o foco.

 

Dunque voria partire,

se 'l mio cor concedesse,

ricanoscendo meo meglioramento;                                                               25

ma˙nno mi vol seguire,

tant'ha sue voglie messe

in altro loco ond'è 'l suo piacimento.

Però d'amor voria fosse in usanza,

omo quand'ha pesanza,                                                                               30

ch'e<lli> trovasse la pietà incarnata,

quando fosse chiamata

secondo opera che desse tormento.

 

Se 'n disperar dimoro

da tutto meo disio                                                                                       35

e di tornar non ag<g>io libertate,

de lo talento moro:

ché sanza 'l core mio

non posso dimorare a le contrate.

E la valente, in cui messo ag<g>io intenza,                                                   40

s'eo non veio in presenza,

non pote gioia aver già la mia vita,

ma di crudel ferita

conven morir con fera niquitate.

 

Ordunque, canzonetta,                                                                                45

poi di lontana via

ti convene far <corso> a l'avenente,

dille ch'altro no aspetta

<or> la speranza mia

solo che˙llei vedere di presente;                                                                   50

e questo è ciò laond'io riprendo gioia

de la mia pena e noia,

<pur> atendendo a˙llei tosto redire:

se non torna in fallire

lo mio pensero, alegr<er>ò sovente.                                                            55

 

 

XI

(V CCX)

 

In voi, mia donna, misi lo mio core:

ben more

d'amore,

e neiente lo posso dipartire.

Io vivo in gra<n> temenza ed in tremore                                                        5

tutore;

valore

non ag<g>io, ché sento lo cor partire.

Père chi cor non ave,

ma troppo è cosa grave                                                                              10

a disturbar la morte,

ch'è forte,

che no la pò om neiente fug<g>ire.

Serrato l'amore ave

lo cor con forte chiave                                                                                15

e dentro da le porte

sì forte,

che per voi, bella, volesi morire.

 

Se lo cor more, morire io non voglio:

cordoglio                                                                                                    20

ch'io soglio

aver, non averia, né nulla pena;

ma quanto vivo sanza cor, più doglio,

e sfoglio

d'orgoglio                                                                                                   25

la mia persona, ché cor no la mena,

però che 'n voi lo misi

e no lo ne divisi:

faccio giusta vendetta

più dritta                                                                                                     30

che s'io morisse, ché vivo in catena.

Non m'alegrai né risi

poi che lo core asisi

in voi, bella, c'ho detta:

più stretta                                                                                                   35

fia la mia vita d'ogn'altra terena.

 

In doglia con martìri e con penare

istare

mi pare,

poi ch'io pietate in voi, donna, non trovo;                                                     40

e 'mpres'ho la manera e 'l costumare

d'amare:

dottare

ciascuna cosa; ad umiltà mi movo.

In tal or cominza<i>,                                                                                   45

già mai

aver non credo abento:

tormento

e doglio <forte>, se˙nno provedete;

da poi ch'io 'namorai,                                                                                  50

di guai

m'è fatto il nodrimento:

del compimento

non sac<c>io, donna, che talento avete.

 

S'io pur m'alegro e tegno in voi speranza,                                                    55

pietanza!,

d'amanza,

non s'aumilia inver' me vostro core;

credo che per lontana adimoranza

la benenanza                                                                                               60

vene in falanza,

e la gran gioia fenisce con dolore.

Dunqua, <poi zo> vedete,

tenete

la via de lo savere:                                                                                      65

ch'avere

non pote donna pregio veramente,

se gaia e bella sète

e già non provedete

ciò che vi fa valere                                                                                      70

e dispiacere:

pietate ed umiltate solamente.

 

Canzonetta, di presente t'invia,

in cortesi<a>,

chi ha balia                                                                                                 75

di consigliare amante disamato;

ché per sua diletosa gentilia

già m'è 'n obria

lor compagnia:

no m'abandoni perch'io sia afondato;                                                           80

ma per me umilmente

<vadane> a l'avenente

ch'è sì dispïetosa,

sì che gioiosa

tornasse inver' di me per sua preghera;                                                        85

che, sì m'ha lungiamente

perdente,

la mia vita dogliosa

e tenebrosa

non fosse sempre di cotal manera.

 

 

XII

(V CCXI)

 

Quand'è contrado il tempo e la stagione

ed omo ha pena contro a suo volere,

co lo pensere – adoppia suo tormento;

ché 'l mal sofrire è 'l dritto paragone

a que' ch'è sag<g>io: quando <ha> lo spiacere,                                             5

met<t>er piacere – inanzi a <'n>tendimento,

e bon talento – aver, ché tempo vene

che torna in bene – lo gravoso affanno,

e menda danno, – se conforto tene,

chi bona spene – non mette in inganno.                                                        10

 

Ordunque, sag<g>io di savere ornato

in cui pregio ed onore era e valenza,

la soferenza – gentil cor nodrisce;

mette 'n obrïa ciò dov'ha affannato,

in bona spene mette il core e penza                                                             15

che grave intenza – non dura e rincresce.

E ben sor<t>isce

chi nel male conforta la sua vita:

ch'i' ho in udita

che 'l pulicano sucita di morte,                                                                     20

e no gli è forte:

così la pena pò venir gioita,

chi nonn-i<n>vita – pensiero oltre grato.

 

Ben ho savere al sag<g>io rimembrare

ch'Adammo de lo 'nferno si partio                                                               25

e soferio

la pena ch'amendò lo suo fallire

(non dico certo in voi fosse fallare,

ma sanza colpa giudicò sì Dio);

e tenne in fio                                                                                               30

dal suo Segnor la mort' e <i> fu disire;

mostrò che lo sofrire

dovesse fare ogn'omo, in suo dolore;

e questo è lo valore,

ch'al mondo nonn-è pena sì cocente                                                            35

che non torni piagente,

chi 'n buona spene mette lo suo core.

 

 

XIII

(V CCXII e CCXXXVIII)

 

Oi lasso, lo mio partire

non pensai che fosse doglia;

credea co l'amor gioire

ed esser tut<t>o a sua voglia:

ed io ne sono alungato                                                                                  5

e no lo posso vedere;

morag<g>io disconfortato

di tut<t>o il mïo piacere.

 

Non mi credea, perch'io gisse,

esser con doglia pensoso                                                                            10

che lo mio core ismarisse:

com'io lo sento dottoso!

Or vivo in più disperanza

che s'io fosse giudicato:

levata m'è l'alegranza,                                                                                  15

ch'ag<g>io l'amor mio lasciato.

 

Ma quest'è lo meo disio:

ca per lungo adimorare

verà in gioia lo voler mio,

sì ch'io porò alegrare;                                                                                  20

e, s'altro d'amore avene,

non serà pregio a l'amore,

ch'io afino per <mie> pene

a cui sono servidore.

 

Servire con umiltate                                                                                    25

a chi 'l fa diven gioioso:

compie la sua volontate

di ciò ch'è stato pensoso.

Ma io non posso servire:

tanto mi sono alungato                                                                                30

che non saccio de˙redire:

Amor, voi sia acomandato.

 

 

XIV

(V CCXIII)

 

Gentil donna, s'io canto

non vi deg<g>ia spiacere,

ché lo mi fa volere

il vostro adorno viso e la bieltate

e 'l valore, ch'è tanto                                                                                     5

ch'ogn'altro dispare<re>

fate; tant'è il piacere,

ch'ogni doglienza in gioia ritornate.

Dunqua lo mio cantare

nasce di tanta altura,                                                                                   10

che s'io 'l volesse, amor no lo voria:

sì mi stringe e disia,

che vuol ch'io canti sanza ricelare,

conservando l'amare

umilemente, sanza villania.                                                                           15

 

Madonna, rimembrando

ove credo avenire,

non m'è noia languire,

ma disïosa vita veramente:

però mi vo alegrando,                                                                                 20

so˙nno de lo disire

ch'aio di pervenire

a l'adornezza che 'n voi è piagente:

ché là ove aüsate

non pò parir nebiore,                                                                                  25

ma tut<t>a claritate e benenanza;

non eb<b>e in voi mancanza,

ma tut<t>a potestate,

ché l'altre riparate

quando tra esse fate dimoranza.                                                                  30

 

Gentil donna amorosa,

il vostro adornamento

ha tanto valimento,

che, s'io non vaglio, sì mi fa valere:

non pote star nascosa                                                                                 35

la mia voglia e 'l talento:

però fa sentimento;

non ch'eo dimostri quel ch'è da tenere,

ma canto inamorato,

come fedel c'ha gioia,                                                                                  40

isperando di pervenir davanti

a li disir' cotanti:

che com'i' amo sia da voi amato,

ch'altro non m'è più 'n grato

se no la vostra cera e' be' sembianti.                                                            45

 

Li be' sembianti e l'amoroso viso

di voi, donna sovrana,

e 'l colore di grana

alegra la mia mente co lo core;

d'ogn'altra son diviso:                                                                                  50

per voi fiorisce e grana

la mia vita e sta sana,

che senza voi non poria aver valore.

Dunque ag<g>iate voglienza

come l'amor congiunga,                                                                               55

ca per troppo tardare omo amarisce,

e gran pena patisce

chi non ha provedenza:

se 'n voi pregio s'agenza,

pietanza è quel ch'avanti lo norisce.                                                             60

 

Orata donna e sag<g>ia,

assai dicer poria

di vostra gentilia,

ma dotto che per dir non si paresse:

s'amor non v'incorag<g>ia,                                                                         65

che vita fia la mia?

Quando serà la dia

ch'a le mie braccia stretta vi tenesse?

Solo per lo pensero

son mo' degno d'avere                                                                                70

altro che solo lo vostro disio.

Ben so che già 'n obrio

non mi terà lo vostro viso altero,

ma secondo mestero

de<l> meo servir riceverag<g>io in fio.                                                       75

 

 

XV

(V CCXIV)

 

Quant'io più penso, e 'l pensier più m'incende,

e quando io mi sog<g>iorno di pensare

amore non mi lascia rechïare;

inmantenente tra<r>mi a sé s'imprende:

e vuol ch'io sia servo, ancor ch'io franco sia:                                                  5

e lungiamente io son stato servente,

di crudel' pene umìle e soferente,

voglioso di seguir tut<t>a sua via.

 

Poi al suo volere acordai lo talento,

e dipartì' quant'ho al suo piacere;                                                                 10

ciò fei in quel punto contro a mio volere:

or mi distringe ch'io sia a servimento.

Non m'asicura già di megliorare,

ed io non so quale mi sia il migliore

tra˙llui seguire ed esser servitore                                                                  15

od in mia franchitate dimorare.

 

Lasso, s'io franco met<t>omi a servag<g>io,

abiendo pena e tutor radopiando,

che me ne nasce pur dolor pensando!

E s'io lo scuso, fo contro a corag<g>io:                                                       20

però conven da me venir l'aiuto,

ch'adimandare io non ne so consiglio;

però m'avëo che qualunque eo piglio

già non mi rende gioia né saluto.

 

Ordunque, se li sag<g>i e li valenti                                                              25

hanno 'n amore la lor voglia misa,

facendone per pena non divisa,

ma seguitando tut<t>i a' suoi argomenti,

se so˙ngannati e intra li sag<g>i sono,

voglio dunque verace amor seguire;                                                             30

e, s'io n'aquisto affanno con martire,

alcun dirà di poi ch'io sïa bono.

 

 

XVI

(V CCXV)

 

1

 

<Messere>

 

Io non posso celare né covrire

ciò che m'aduce, donna, il vostro amore,

ed ho temenza, s'io ne fo sentore,

non vi dispiaccia o donivi languire;

però son di merzede cheritore:                                                                      5

che s'io fallasse, sia 'n voi 'lo parcire;

ché 'l vostro alegro viso mi fa dire

e poi ch'avete me e lo mio core.

Dunque, madonna, se l'amor mi stringe

ed hami dato al vostro servimento,                                                              10

ben veg<g>io, tale fue 'l cominciamento,

ch'alegro deg<g>io gir là ove mi pinge:

ché 'mprima mi credea l'amore u˙nome,

mentre che 'l viso vostro non m'avinse;

da voi è nato quel che mi costrinse:                                                              15

be˙llo direi, ma ho dottanza come.

 

Donna, con gran temenza incominzai

non credendo caper nel vostro regno,

ch'io già per me non era tanto degno:

m'a quel ch'io vidi, a ciò mi sicurai,                                                              20

sì che ciò ch<ed> io vaglio da voi tegno,

e non mi credo dipartir già mai:

in tale guisa di voi inamorai,

che nel mio core pur sesto e disegno

perché lo 'ncominzare fue gioioso                                                                25

e poi hanno seguito i be' sembianti.

Quand'io passo veg<g>endovi davanti,

lo cor si parte, a voi vien talentoso

di dicer ciò ch'io sento per amare;

a me non torna, con voi si dimora:                                                               30

così con voi potess'io in quell'ora

es<s>ere in terzo sanza villanare!

 

Madonna, ben s'alegra la mia mente,

e parte dole ed ha greve dottanza

non perda per la lunga dimoranza                                                                35

che˙molte cose fallane presente;

però conviene a voi aver pietanza

di me, con tutto ch'io non sia cherente.

Non vi dispiacc<i>a: tanto son temente,

che dicer non vi so la mia pesanza.                                                              40

Ma fo fra me medesimo ragione,

se guerir tarda la vostra bieltate

e non avete di me pïetate,

ch'io morò, sì fort'è la condizione:

però, gentil, cortese donna e sag<g>ia,                                                        45

non falli il vostro dolze inconinzare,

ché troppo foria forte il mio penare,

se pietà e merzé non v'incorag<g>ia.

 

Madonna, ciò ch'io dico è gran follore,

ché sì gran gioia, come di voi atendo,                                                          50

è sì alta cosa che mi va p<a>rendo

che soferirne morte sia valore;

ma tutavia s'io vo merzé cherendo,

sono com' ubidente servitore:

faccio per sollenar lo grande ardore                                                             55

ch'io sento per amar, là ond'io incendo;

ché mante fiate son ch'io mi dispero,

e dico: «Ohi lasso, che vit'è la mia?

Ché non mi movo e vo a la donna mia

e moro avanti a lo suo viso altero?»                                                             60

Poi m'asicuro a la vostra valenza,

che so ch'è tanta, che pietà n'avrete:

merzé, donna; se troppo il mi tenete,

dipo la morte non vi fia a <'n>crescenza.

 

Donna, sovente dicere ag<g>io audito                                                         65

assai si lauda lo buon cominzato,

ma pur la fine facelo laudato,

lodalo 'l pregio là ov'è l'om salito.

Dunque lo vostro fu dolze aportato,

quando d'amor mi faceste lo 'nvito;                                                              70

e poi nel mezzo avetelo seguito,

lo bon fenir vi de' essere in grato:

ch'io già per me nonn-ag<g>io altro disio,

se non ch'io atendo lo bon compimento:

che si congiunga il vostro piacimento                                                           75

insiemormente co lo voler mio;

ché tempo ven, don<n>a, ch'om pote avere

gioia, e se smarisce il temporale,

lo tempo passa, suo pregio non vale:

s'è tempo, per Dio fatemi gaudere.                                                              80

 

 

XVII

(V CCXVI)

 

2

 

<Madonna>

 

Orato di valor, dolze meo sire,

alegra son, se 'l vostro gentil core

canta del fino amore,

vogliendo il mio comincio perseguire:

ch'assai m'è gioia avervi a servidore,                                                              5

e quand'io sento ch'ag<g>iate disire,

obrio ogne martire

e sol di benenanza ag<g>io savore:

ca, voi mirando, amor tut<t>a m'avinge,

sì ch'io ho 'n obrio ogne altro intendimento                                                   10

e se non fosse blasmo che pavento,

io seguirei là ove l'amor mi pinge;

ma lo dolze sperare ag<g>io del pome,

lo qual credo compiér como m'avinse,

che quando cominciai tanto mi vinse,                                                           15

che, pur tempo aspetando, dico: «Oh me!».

 

Orato sire, quando inamorai

del vostro gran valor, diedivi pegno

lo cor: meco no˙l tegno;

con voi dimora, poi che coninzai,                                                                 20

ed ho temenza, s'io più nanti vegno,

non io ag<g>ia destati li miei guai,

perch'io già non amai

né disïai; se 'n su questo m'avegno,

porag<g>io dir ch'amor sia poderoso,                                                         25

e possa me, sì come gli altri amanti,

alegra far di canti,

ed ogne meo sospiro far gioioso:

però fermezza deg<g>iate pigliare

ch'altra voglienza già più non m'incora,                                                         30

se non ch'io atendo l'ora

com'io vi possa alegra gioia donare.

 

Orato sire, assai odo sovente

ch'amor nonn-è, se non ave dottanza:

chi non sente pesanza                                                                                  35

non pò di gran valore esser tenente.

Chi bene ama non voglia soverchianza,

ma sostenere in gioia umilemente

ciò c'ha d'amor presente,

e tutora afinando sua speranza,                                                                    40

tutor celando la sua openïone,

fug<g>endo blasmo e seguendo umiltate:

credo ben che lo fate,

tant'è la vostra nobil discrezione.

Ed eo medesma, avegna non sia sag<g>ia,                                                  45

lo nostro amor vogliendo ricelare,

assai sento penare,

tempo aspetando a ciò che m'incorag<g>ia.

 

Orato sire, dolze meo segnore,

confortate, ch'io più di voi incendo,                                                             50

né già vita non prendo

se non solo di pervenire a l'ore

com'io vi possa sodisfar, gaudendo,

di quel laond'io fui cominciatore:

più di voi n'ho dolore,                                                                                 55

e fra me stessa sospiro piangendo;

e se non fosse ch'io non mi dispero,

pensando de la vostra gentilia,

ché so ch'avete tanta cortesia,

ch'atender tempo non vi fia guerero;                                                            60

e poi direte a me s'io fo fallenza,

e ferma sicurtà di me credete

che, più ch'io non son mia, vostra m'avete,

di quanto più avesse in me potenza.

 

Orato sire, s'io non v'ho servito,                                                                  65

per non-volere già nonn-ho lasciato,

e assai mi fora in grato

che 'l mio talento fossene seguito:

ch'io v'amo ed amerò ed ag<g>io amato

ed ogne altro disïo m'è fug<g>ito;                                                                70

lo vostro fino amor m'è sì agradito,

ch'ogne valore avetemi furato.

Però convien si compia lo disio,

e séguiti lo bon cominciamento:

di ciò prendete da me fermamento                                                               75

che solamente è questo il voler mio,

di perseguire lo vostro piacere

e non tardar già lungo temporale;

però vi priego, se di me vi cale,

che bon conforto sia in vostro pensiere.                                                       80

 

 

XVIII

(V CCXVII)

 

Di cantare ho talento,

membrando ciò ch'amore

m'ha˙ffatto di martìri in gioia tornare;

ma tutora pavento,

sed io faccio sentore,                                                                                    5

non paia quello ch'io vorei celare.

Ma˙ss'io voglio mostrare

de la mia benenanza,

ché ben saria fallanza

sed io alquanto non mi ralegrasse                                                                10

e con gioia cantasse,

ricelando la mia dolze speranza

laonde nasce tal disio menare.

 

Disio ho di valenza

quant'è lo mio piacere,                                                                                15

ché son ruscito di gran manentia,

e son dato a servenza

là ov'è tut<t>o valere,

pregio ed onor, larghezza e cortesia.

E di mia gran follia                                                                                      20

certo son commendato,

com'om c'ha disïato

lo suo gravoso danno e disinore,

poi, me' conoscidore,

ritornò al dritto stato                                                                                   25

seguendo il bene, e lo suo male obria.

 

Obrïar mi convene

lo tempo c'ho perduto,

e umilemente fino amor seguire;

e lo grande mio bene,                                                                                  30

ch'el<l>o m'ha conceduto,

gechitamente deg<g>iolo gradire,

come vuole ubidire

segnor valente e sag<g>io:

ch'aver di reo parag<g>io                                                                           35

e prender lo suo frutto contrarioso,

cred'omo esser gioioso,

radoppia il suo dannag<g>io;

ma chi ben serve sempre n'ha disire.

 

Disïat'ag<g>io invano:                                                                                 40

non ne fui conoscente

di reo segnor la sua openïone:

era gechito e umano,

come buon soferente,

non credendo partir sanza cagione.                                                              45

Or sono al paragone:

laond'io m'alegro e canto,

e 'l mio tormento e pianto

ch'ag<g>io portato, meterò 'n obrio;

ma buon segnore ho <'n> fio                                                                       50

non savria dir lo quanto,

tanto m'ha dato e dà più ch'è ragione.

 

Canzonetta mia fina,

or t'invïa presente

a la sovrana in cui pregio dimora:                                                                 55

quella che mi dimina

e fa˙mi gir gaudente

e d'ogni reo sofrir m'ha tratto fora.

Sempre d'amar m'incora

lo suo piagente viso,                                                                                    60

la boc<c>a e <'l> dolze riso,

l'adornezze compiute ed a ragioni;

dille che mi perdoni

s'al cantar mi son miso,

ché 'l suo fin prèso il fa, tanto m'inora.                                                         65

 

 

XIX

(V CCXVIII)

 

Chi 'mprima disse "amore"

fallò veracemente:

chi˙llui crede presente

puònne dire amarore;

chi lo segue, lo sente                                                                                     5

ciò che mostra di fore:

nonn-è tale 'l sapore

sì come lo comincio primamente:

ché con piagente isguardo omo innamora;

ciò che mostra di fora                                                                                 10

già mai no˙l vuol seguire;

con pene e con martìre

lo nodrisce a tutora,

lontan di gioia e presso di finire.

 

Amore amaro dico,                                                                                     15

guerra d'affanno e d'ira;

assai forte sospira

quegli che gli è più amico;

chi co˙llui più si smira

fa di dolor notrico;                                                                                      20

però mi ci fatico,

che l'opera di lui ria mi ci tira.

Ch'assai a' buon' tolle e a' malvagi dona;

a tal mette corona

che no˙lli s'averia,                                                                                       25

e tal mette in obria

e sovente il cagiona,

che fora degno aver gran segnoria.

 

Amaro amor, tormento,

dolor d'ogne pesanza,                                                                                 30

<..............–anza>

primer di piacimento,

e poi tolle allegranza;

segue lo tradimento:

in ciò ferma talento                                                                                      35

ed ogne poso mette in obrïanza;

e sì come lo foco è colorato,

bello a vedere: usato,

chi lo toc<c>a, è cocente,

e divora presente                                                                                        40

ciò che gli è dimostrato,

e la grande alegrezza fa dolente.

 

Amore a che cagione

aquista li serventi?

Credo per far dolenti                                                                                  45

de la sua openïone.

Ahi Dio, quanti valenti

mort'ha sanza cagione!

Villano amor fellone,

com'ave acorto i venti!                                                                                50

Ca ben può dir ch'assai lavori invano

quei che lo serve umano:

e' senza gioia lo tene,

nodriscelo di pene:

ma quei fa ben, chi più li sta lontano                                                             55

e chi la sua amistate poco tene.

 

Canzonetta, agli amanti

di presente t'invia:

ciascun che 'n pene sia

lo partir fac<ci>a avanti;                                                                             60

non seguan la follia

e falsi sguardi tanti:

ciascun d'altro s'amanti,

non entri in sua balia:

ch'amor ninferno <è> d'ogne pena forte                                                       65

e dolor d'ogni morte;

chi più lui cred' e più vi s'afatica

lo suo danno notrica:

ogn'om di lui servir serri le porte.

 

 

XX

(V CCXIX)

 

Greve cosa è l'atendere

quello ch'omo ha 'n disia:

ira, e danno, e maninconia

ave chi ha speranza d'ess'aprendere:

ché˙llunga atesa obrïa disïanza                                                                       5

e mette in disperanza

ciò ch'om crede aquistare;

li bon' face bassare

<e> chi più vale, più sente pesanza.

 

D'un sì lontano ateso                                                                                   10

donna, vostra impromessa

tardata m'è e dimessa,

ed in me tormentoso foco ha preso,

sì ch'io son più che prima doloroso:

d'impromessa non sono disïoso,                                                                  15

ma tutor la pavento:

me' foria per un cento

ch'io fosse come 'mpria ch'era gioioso.

Donna, di voi m'avene

 

a semblanza del foco                                                                                   20

che 'mprima pare gioco,

ma chi lo toc<c>a ha pene;

così di voi: quando prima guardai

(e) con voï parlai,

erami in piacimento;                                                                                    25

seguendo poi, tormento

assai n'ho avuto e radoplati i guai.

 

Nonn-è verace usanza,

donna, né dritto onore

dar pene a servidore                                                                                   30

e torerli la sua gran benenanza:

ma si convene a donna c'ha bieltate

modo di veritate,

a pregio mantenere:

promet<t>ere e atenere,                                                                             35

ma non torere e donar niquitate.

 

A voi, donna, s'invia

mia canzonetta adesso,

ch'io non ag<g>io altro messo

lo qual vi dica la mia malatia:                                                                       40

se non mi ristorate, io certo pèro,

essend'a me guerero

vostro alegro donato:

piacc<i>avi e siavi a grato

di provedere inverso me, ch'io pèro.                                                            45

 

 

XXI

(V CCXX)

 

Fa˙mi sembianza di sì grande ardire

d'amarmi coralmente

la mia donna, cui mi son tut<t>o dato,

che par ch'io n'ag<g>ia tut<t>o il meo disire;

e credetelo, gente:                                                                                         5

glorificando me in grande stato,

fate sì come apone

lo savio, sormonando

che, la cera guardando,

lo voler dentro si può giudicare.                                                                   10

Ben'è <'n> tut<t>o ragione

che tal chiarore spanda

chent'ha chi la mi manda,

per zo che naturalmente il de' fare.

 

Nome di re non val senza podere;                                                               15

più vale ascosto bene,

che gran bene pregar l'om che s'imprenda;

chi sta nel foco già non de' volere

ch'altri dica: «Egli ha bene»

e credalo, e non quello che gli afenda:                                                          20

ch'altro sentenza il morto.

Null'uom non è indovino:

ragione <ha> del mischino

che non vuol palesare la sua noia;

de' l'om col male a porto                                                                             25

di gran gente venire,

ché tal lo po' sentire

che 'l male c'ha li fa tornare in gioia.

 

Per pregio di richezze ch'io non hoe

non vo' parer ch'io goda,                                                                             30

da che 'l mio cor di pena non si parte;

s'el<l>a mia donna sembra, ch'io diròe

questo ciascheduno oda:

ched io i˙llei nonn-eb<b>i anc<or>e parte.

Forse che ciò ch'io dico                                                                              35

non credete neiente,

ma ch'io ne sia dicente

ad arti per torervene credenza;

se no˙l credete, dico

ched ho <o>gni grande cosa                                                                       40

veg<g>endo l'amorosa,

incarnata sembianza che m'agenza.

 

Pensando li sembianti che mi face

tanto forte travaglio,

che come matto vegno dismaruto:                                                                45

sospiro, piango, dico: «Perché 'l face,

già per lei ched io vaglio,

e non mi dona quel ch'ag<g>io servuto?»

Se 'ntenzar vole, soe

che˙la sua vista sembra                                                                               50

che tut<t>e le sue membra

si<en com>prese d'amor ver di me amare;

se non m'amasse, soe

che per mia diligione

non vorei far cagione                                                                                   55

che ne potesse biasimo aquistare.

 

Sì come audite, a cotal son condotto

che viver né morire,

<sperar> né disperare non mi posso;

lo rallegrare e l<o> prorare dotto:                                                               60

ch'e' non sia, a 'l vero dire,

mi par da tante pene dir lo posso;

non so ched io mi fac<c>ia,

né chente ramo io prenda

che meve no misprenda.                                                                              65

A voi, donne e donzelle, ne <ri>ncresca,

tanto che, dove piacc<i>a,

la mia donna pregate

ch'ag<g>ia di me pietate

e secondo ragione gioia m'acresca.                                                              70

 

 

XXII

(V CCXXI)

 

S'esser potesse ch'io il potesse avere,

anzi che grande avere,

tanto vorei savere,

madonna, pur un'ora,

ch'io scrivere sapesse quante <ho> pene,                                                      5

o ch'io il mio core pingere savesse

con quante pene avesse,

in guisa che paresse

chent'è il mal ch'è<i> tutora

per star lontan di voi, dolze mio bene;                                                          10

e zo ch'io dico avendo,

sovrano mi teria co<m'è> ragione,

ché col mio cor non prendo

altro disio, che 'n voi creder mi' doglia,

ed i' questo averia,                                                                                      15

ch'i' pingere' mi' cor e˙ssua cagione,

e voi lo manderia,

e saria ric<c>o di compiuta voglia.

 

Creder voglio lo mal c'ho in grazza avere

con tôrmi ogn'altro avere:                                                                            20

ed io fac<c>io savere

<non si fe' tale ancora>

che n'avrò gioia e uscerò di pene:

chï<unque> avesse <o>ro e mal savesse

guerir del mal ch'avesse                                                                               25

per l'or o non paresse,

folle saria quell'ora:

ché star ne l'or ed arder non è bene.

Oro ed argen<t>o avendo,

non mi toria mia doglia di ragione;                                                               30

or dunque ben m'aprendo

dimandar lo sanar de la mia doglia:

già mai non s'averia

bene per mal cherer, e <a> che cagione

ne l'adimanderia?                                                                                        35

Del poco di<r> si <pò> discovrir voglia.

 

* Ognor tal senno non si puote avere,

come per tut<t>o avere

il mi' fantin savere: *

ché 'l fantino spes<s>'ora                                                                            40

chere volare, e 'l pregione per pene;

cotali prieghi, chi molti s'avesse,

a chi 'l suo tempo avesse

e matto non paresse?

Fòssi in buona memora                                                                               45

conoscer dèi, se fa' pescaia bene.

Non muove bene, avendo

gran disiranza e pene, la ragione:

per zo non mi riprendo

di zo ch'io chero, perché il mi fa doglia;                                                       50

néd altri nonn-avria

di riprender<e> me dritta cagione:

con dritto amanderia

ciò ch'egli ha, po' che doglia mendar voglia.

 

* Al vento vo' spannar, ch'i' pos<s>'avere,                                                  55

prendendo quello avere

ch'ìo posso e 'l savere,

me<r>tando veder l'òra

e dimorare in foco senza pene.

Pensar vo' pur com'io dire savesse,                                                             60

in guisa sì ch'avesse

lo mio dire paresse

frutto in voi, <'n> cu<i dimo>ra

quanto nel mondo si sembla di bene.

Assai pensato avendo,                                                                                65

tal frutto mi par non dir mia ragione

chent'è, s'a dir l'aprendo:

così mi vuol dispera<r> la mia doglia;

ag<g>io udito ch'avria

<a> trovar <pres>to porta la cagione,                                                         70

e ne comanderia:

per zo non vo' disperar la mia voglia.

 

Isperando ciò che disi<o> avere,

ah quanto mal ch'avere

mi fa lo non-savere!                                                                                    75

Che crediate ch'ancora

lo core mio, sì come fa per pene,

non mi rimembro che di ben savesse,

per allegrar ch'avesse

mio cor, che gioia paresse.                                                                          80

Poi ch'io non vi vidi ora,

membra<r> ch'io ag<g>ia, no n<e> sento bene.

Pur io gran male avendo

per sovramar, pensando la ragione

veg<g>io ch'io pur aprendo;                                                                       85

s'io dorm'o veglio, tutor sento doglia:

e zo perché averia?

aitando non mi cangiate cagione;

forse che manderia

pensiero in vanechiarmi vostra voglia. *                                                       90

 

 

XXIII

(V CCXXII)

 

Allegrosi cantari,

molta merzé vi chero,

ché mi' facc<i>a dimossa,

se de li mie' vi faccio guerïanza,

che, s'io li fo contrari                                                                                     5

d'esta guisa, per vero

altri l'ave comossa

in me questa gran disaventuranza.

Voria ben per mio grato

fiorire in altro frutto,                                                                                    10

ma simile disdotto

che 'l zezer fa bernare

mi 'l fa, ed i<n> cantare

com'egli terminar vo' la mia vita.

 

Esta stagion non vene                                                                                  15

che mi doni conforto;

di tai cantar' non fino

come zigola infin che morte prova:

ma la fenice avene

che per morte entra in porto                                                                        20

molto gioioso e fino,

e <per> zo è che sé tanto rinova:

ond'io morir voria

sanza dimora avere,

s'io dovesse tenere                                                                                      25

simigliante natura:

ma Deo de la ventura

prego che deami a savere la possa.

 

Sì ho ferma credenza

che lo mio nascimento                                                                                 30

fosse in mala pianeta,

che 'l mi' prego tegn'<i>o nave afondata;

e lunga soferenza

di gravoso tormento

in ciò creder m'aqueta;                                                                                35

poi che nulla nonn-è per distinata

e tut<t>o ben vi sta,

grave pena sofèro:

ma cagione fa fero

foco de l'aqua uscire:                                                                                  40

perzò non m'è da dire

ch'io falli, s'a cotal ramo m'aprendo.

 

Ben è, la mia, gran doglia:

ch'io non posso guerire,

se quei che m'ha feruto                                                                                45

non mi sana com' Pelëùs sua lanza;

e diamante sua voglia

paremene a sentire,

ch'al cor mi stea l'aguto

ch'entro gli ha messo la sua disianza.                                                            50

<. . . . . . . . . . . . . . . .>

è lo mal che me mosse,

come d'ugel che fosse

la sua vita cazzato:

però son disperato,                                                                                     55

non credo mai sentire gioia d'amore.

 

Non credetti svenire

com'io sono svenuto

tanto crudelemente,

tant'era alto per la vertù d'amore                                                                 60

ben era, a lo ver dire,

fiorin d'oro venuto

d'amor, cui son servente:

prendea di lui tutora il frutto e 'l flore:

ca simile m'avene                                                                                        65

ch'a˙lLuzefer legato,

che tut<t>o il suo gra<n> stato

perdé 'n un movimento.

D'esto dir non m'allento:

che 'n cotal porto provi chi 'l mi dène.                                                          70

 

 

XXIV

(V CCXXIII)

 

Sovente il mio cor pingo

ad amore, ché˙llà

penson' avere avento:

credo incarnare, eo pingo;

nonn-ho vigor ch'ell'ha:                                                                                  5

così son di gio' avento.

Mando lo cor, non torna;

ma lo corpo ratorna:

non si racorge a loco,

tanto li piace loco.                                                                                       10

Così perdo che fo:

credo ben far, non fo.

 

Co la credenza inganno

la mia mente e me stesso:

credo parlare a boc<c>a.                                                                           15

Sì come 'l pesce a 'nganno

prende a l'amo se stesso,

così il mio core imboc<c>a

ciò ch'amore li dà:

credene aver, no 'nd'ha:                                                                              20

mostrali gioco a punta,

prendelo a taglio e punta.

Son caduto, or m'apiglio:

neiente è ciò ch'io piglio.

 

Va', mia canzone, al sag<g>io                                                                     25

c'ha 'l nome per contraro:

dilli ch'io son turbato,

perché, di valor sag<g>io,

di me intenda il contraro,

ischiari 'l mio turbato:                                                                                  30

perché il podere e' s'ha,

dicane ciò che sa;

consigli mia gran pena,

che la sostegno apena:

s'io mi posi o sog<g>iorni                                                                           35

o vi perda più giorni.

 

 

XXV

(V CCXXIV)

 

Ahi dolze e gaia terra fiorentina,

fontana di valore e di piagenza,

fior de l'altre, Fiorenza,

qualunque ha più saver ti ten reina.

Formata fue di Roma tua semenza                                                                 5

e da Dio solo data la dotrina,

ché per luce divina

lo re Fiorin ci spese sua potenza;

ed eb<b>e in sua seguenza

conti e marchesi, prencipi e baroni,                                                              10

gentil' d'altre ragioni:

cesati fuor d'orgoglio e villania,

miser lor baronia

a ciò che fossi de l'altre mag<g>iore.

 

Come fosti ordinata primamente                                                                  15

da' sei baron' che più avean d'altura,

e ciascun puose cura

ver' sua parte, com' fosse più piacente;

da San Giovanni avesti sua figura,

i be' costumi dal fior de la gente,                                                                  20

da' savi il convenente;

in planeta di Lëo più sicura,

di villania fuor, pura,

di piacimento e di valore orata,

sana aira e in gioia formata,                                                                         25

diletto d'ogni bene ed abondosa,

gentile ed amorosa,

imperadrice d'ogni cortesia.

 

Ahimè, Fiorenza, che è rimembrare

lo grande stato e la tua franchitate                                                                30

c'ho detta!, ch'è in viltate

disposta ed abassata, ed in penare

somessa, e sottoposta in fedaltate,

per li tuoi figli co˙llo˙rio portare,

che, per non perdonare                                                                               35

l'un l'altro, t'hanno messa in basitate.

Ahïmè lasso, dov'è lo savere

e lo pregio e 'l valore e la franchezza?

La tua gran gentilezza

credo che dorme e giace in mala parte:                                                        40

chi 'mprima disse «parte»

fra li tuo figli tormentato sia.

 

«Fiorenza» non pos' dir, ché se' sf<i>orita,

né ragionar che 'n te sia cortisia:

chi chi non s'aomilia,                                                                                   45

già sua bontà non puote esser gradita;

non se' più tua, né hai la segnoria,

anzi se' disorata ed aunita

ed hai perduta vita,

ché messa t'ha ciascuno 'n schiavonia.                                                         50

Da l'un tuo figlio due volte donata

per l'altro consumare e dar dolore,

e per l'altro a segnore

se' oramai e donera'gli il fio:

non val chiedere a Dio                                                                                55

per te merzé, Fiorenze dolorosa.

 

Ché è moltipricato in tua statura

asto e 'nvidïa, noia e strug<g>imento

orgoglioso talento,

avarizza, pigrezza e losura;                                                                          60

e ciascuno che 'n te ha pensamento

e' studia sempre di volere usura;

di Dio nonn-han paura

ma sieguen sempre disïar tormento.

Li pic<c>iol', li mezzani e li mag<g>iori                                                       65

hanno altro in cor che non mostran di fora:

per contrado lavora

onde 'l Segnore Idio pien di pietate

per Sua nobilitate

ti riconduca a la verace via.                                                                         70

 

 

XXVI

(V CCXXV)

 

Quando lo mar tempesta,

per natura che gli ène,

de lo suo tempestare gitta l'onda;

e 'n quella guisa alpesta

è spesso, ché grand'ène                                                                                5

la cagion che tempesta <sì> gli abonda.

Vede l'ond'agitare,

già mai non vede posa,

infin che quella cosa

che lo fa tempestare                                                                                    10

non si parte da˙llui,

perch'è natura i˙llui

di così far, quando i giunge quell'ora.

 

E per natura getta

la tempesta il maroso,                                                                                 15

d<ov>unque là ove inchiuder non si pote:

* dunque elli in cui lo getta

fior'è ch'è tempestoso

e che gioie per stagion menare pote.

E da ch'è così certo,                                                                                   20

bene faria fallanza

chi ponesse fallanza

in ch'io lo metto sper<t>o:

facesse in ciò pur d'una

guisa, com' so, mal sona,                                                                             25

ché mare, com' tempesta, l'onda butta. *

 

Tanto mi par lo dire,

ch'ag<g>io fatto, certano,

che di parlare ancora no ridotto

quel che mi fa languire,                                                                                30

ancora che lontano,

m'assai diròllo, come sia condotto.

Ciò natura distina:

sì com'ha sua natura

ciascuna crïatura,                                                                                        35

ritraie indi gioi' fina;

a quella ch'io avea

traea, da che dovea,

e come pesce per lo mare stava.

 

Istando più gioioso                                                                                      40

ne lo mar d'ogni gioia,

ed un'òra crudele cominciòe

a farlo tempestoso,

pur per me donar noia,

ond'ïo morte tosto n'averòe;                                                                        45

ché per suo tempestare

mi lasciò smisurato:

con un'onda abutato

lungi m'ha fuor del mare,

e posto in ter<r>a dura                                                                               50

e tratto di natura,

<come d'>onde li pesci, ch'indi han vita.

 

Veggendo ched io sono

di star ne l'aqua fora,

assai isbatuto son per ritornare.                                                                   55

Tanto sbatuto sono:

ed ancor non mi fora

per certo dentro mai non <ri>tornare;

ond'è mia vit'a terra

più che non fari' in parte                                                                              60

àlbere che si parte,

quand'è verde, da terra:

ma prego sire Deo

che <'n> quella guisa ch'eo

moro, chi morir fa˙mi morir faccia.                                                               65

 

 

XXVII

(V CCXXVI)

 

Chïunque altrüi blasma

per torto che li face,

bene si de' laudare

di chi li fa ragione,

ché 'l ben de' star come 'l male in parvenza.                                                   5

Chi pur lo torto blasma

e 'l ben celar li piace,

ben este da blasmare

d'una falsa cagione,

sì come il falso pien di scanoscenza.                                                            10

E zo credendo la mia canoscenza,

però ch'io son blasmato

plus-or forte d'amore

parendomi ingannato,

or co ragione laudarmene voglio,                                                                 15

seguendo nel ben ciò che nel mal soglio;

ed a l'amor cui servo

grazze fo di buon core,

palesandomi servo

sovra gli altri per lungo mer<i>tato.                                                             20

 

Non vo' far com'han fatto

molti che sono e fuoro,

che, s'u<n> to<r>nò i<n> spiacere,

cento piacer' piagenti

hanno somessi e riputati i˙noia.                                                                    25

Tut<t>e doglie in affatto

che per amor mi fuoro

con alegro volere

paleso a tut<t>e genti

dimett<erï>a sol per una gioia.                                                                    30

Non potreb<b>e mia vita star sì croia

ch'io mi blasmasse mai

d'amor ch'atanto tegno,

che gioia m'ha dato omai:

tut<t>i li mal' passa in ben che m'ha dato.                                                    35

S'al mio chieder m'avesse sormontato,

tanto alto non sare<i>,

ch'a chi più bassa tegno

apreso mi sarei,

pare<n>dom'esser ne lo som<m>o loco.                                                     40

 

Sed io fosse sicuro

di regnar quanto il mondo,

non poterei servire

tanto né ringrazzare

amor, che 'l suo gran dono n'avanzasse.                                                       45

Non posso star sicuro

ormai con cor giucondo

inver' d'amor fallire,

tanto saria il fallare

co blasimo di me ch'a amor fallasse.                                                            50

Nanti vorei morir, ch'io pur pensasse

di star d'amor diviso:

ch'amor loco m'ha˙ffatto

nel dolze paradiso,

giungendo ben miei rai con quei del sole,                                                     55

donandomi a servire a tal che vuole

di cui servo mi piace

dimorare intrasatto,

servendola verace

in tut<t>e parti <a> tut<t>o il mio podere.                                                   60

 

Non mi fue con gravezza

lo dolze acordamento

ch'ag<g>io co la mia donna:

lo primo sguardo prese,

confortando me star suo amadore;                                                              65

no˙l mi fe' mia bellezza

né grande insegnamento;

né, cortese sovr'onna,

da me non si difese,

sdegnando me per suo grande valore.                                                          70

Quanto di bene i' tegno è dad amore;

senza amar nonn-è bene;

da˙llui quant'è discende:

però chi l'ha 'n ispene

mantegnalo, sperando guiderdono.                                                              75

Non prende servo senza darli dono,

ancor che la mercede

al servidor no rende

sì tosto com'e' crede,

ch'amor lo face provando gli amanti.                                                            80

 

Pareglia àlbori e fiori

e verdor' de li prati

e de l'agua chiarore

e lume d'ogni spera

quel<l>a che m'ha e tien per suo servente;                                                   85

tratta tut<t>i gli onori;

de li piacenti stati

som<m>'ha il suo gran valore;

natur'ha di pantera:

lo suo dolz<or> prende tut<t>a la gente.                                                     90

Imperïal coron'ha veramente

di tut<t>a la bieltate;

è d'essere cortese,

savia con umiltate:

a lei inchina quant'è di piacere.                                                                    95

Così mi fa sperare grande avere,

facendomi d'amare

sembianti, me palese

di tal gioia aquistare

a compimento de lo mio disio.                                                                   100

 

Compimento di frutto

non mi fa rallegrare

né sì lodar d'amore,

perciò ched io no l'ag<g>io,

e zo riman perch'io non so dov'ène:                                                           105

ché 'l suo valore in tutto

è fermo zo me dare:

ma ralegra il mio core

e lod'amor ch'è mag<g>io,

perch'a la som<m>a gioia m'aferma spene.                                                110

Ché sae guiderdonar l'omo di bene

l'amar, quando s'aprende

aprendersi di tale

ch'altri non ne riprende

ed amor no ne g<r>ava del parere.                                                           115

Ed io ben vorei tanto del savere,

ched io contar savesse

quanto madonna vale

a quel ch'altrui paresse,

ché zo aver gran dono mi teria.                                                                  120

 

Quant'e quale è <'l> valere

che madonna prosiede

dire non <lo> poria

néd istimar con core,

ch'ella smisura come il ciel st<ell>ato;                                                        125

volerlo fa<r> parere

in gran noia mi riede;

così si storberia

mio alegro valore.

A ciò che non si sturbi da vil lato,                                                              130

e' dò consiglio ad ogni 'namorato

che mantien disïanza

<d'amorosa donzella>

che deg<g>ia gire a danza

quel giorno che domenica s'apella:                                                             135

domenica ogni cosa rinovella

sì come primavera,

cotal vertute è 'n ella.

Tut<t>a gioia ch'om <ha> altera

in domenica mi fue conceputa.                                                                   140

 

 

XXVIII

(V CCXXVII)

 

Da che mi conven fare

cosa ch'è da biasmare

e da tenere grande fallimento,

donne e donzelle invito;

ch'i' bene si' audito                                                                                        5

a gl<i> uomini cui ho far parlamento;

e vo' far difensione

del parlare villano

che di me si faria,

se la greve cagione                                                                                      10

che m'ha dato il cor vano

celar dovesse, che pur loderia.

 

Amore c'ha semblanza

di fina 'namoranza,

chi lo partisse serìa sconoscente;                                                                 15

e ben si può ridire

che fosse a lo ver dire

oltre misura di ciò far fallente;

ed e' così tenuto

serei in ogne parte                                                                                       20

per non saver lo certo,

ch'anzi vorei feruto

essere in ogni parte,

che tale biasimo in me fosse certo.

 

Sì come altri amadori                                                                                  25

che met<t>oro i lor cori

ne le femine amare ben servendo,

coralemente misi

lo mio, né no˙l dimisi,

in una donna, <ed> a˙llei non falendo                                                          30

lungo temp'ho passato.

Certo amor mi tenea

d'ogn'om più altamente:

ed ora m'ha˙ffallato,

ché del propio ch'avea                                                                                35

di sé, mi dà d'altro fatto parvente.

 

Lasso, <era> mia credenza

d'amare <a> som<m>a intenza:

altrui sentenzïando, me lanzava.

Sì com'om non sapiente                                                                              40

del fino oro lucente

facëa diligion, piombo avanzava;

era simil di quelli

che vede il busco altrui,

e non sua grande trave.                                                                               45

Parmi che nullo ovelli

non de' dir: «son colui

che non ha pari», per gran stato ch'ave.

 

Se m'avesse commiato

di partire donato,                                                                                        50

non blasmerei, poi che fallasse:

ché m'era ben gran doglia,

poi ch'e<i> fiore e foglia,

<che> frutto <ancora> di lei <non> pigliasse.

Ma ella mi mostrava                                                                                    55

di lëalmente amare,

né partir non volea:

ed altro omo amava!

No lo potea celare;

ch'io la vidi che celar lo volea.                                                                     60

 

Forte son lamentato

perché m'ave fallato,

donando sé indel'altrui talento.

Ancora in veritate

più mag<g>ior falsitate                                                                                65

m'ha˙ffatta, da blasmare per un cento:

altr'om <a> chi era data

in un'ora che mee

a sé fece venire,

dicendo la spietata:                                                                                     70

«mïa voglia nonn-èe».

perch'io co˙llui mi dovesse ferire.

 

Come Cain primero

di far crudele e fero

micidio fu, posso dire che sia                                                                       75

el<l>a prima ch'apare

di sì gran fallo fare

in tale guisa, sanza dir bugia.

Dunque saria ragione

che 'n aer e<d> in foco                                                                               80

come Caino stesse,

perché <la> tradigione

in ciascheduno loco

similemente pales<at>a stesse.

 

Ora <ch'>avete audito                                                                                85

sì come son tradito,

di ciò ch'io faccio mai non m'incolpate,

ch'io non poria far quella

che degna non foss'ella

a gravezza di lei in veritate:                                                                          90

però che l'amava eo

più ch'anche fosse amata

donna da amadore;

tut<t>a gioia c'ha il cor meo

dava a la rinegata,                                                                                       95

lassa, cui piacean doglie nel mi' core.

 

Donne ch'onore avete,

donzelle che 'l volete,

intra voi ragionate zo c'ho detto;

<ed> es<s>a biasimate                                                                             100

di sì gran falsitate,

ché tenute ne siete per iscritto.

Per non blasmar lo male

molta gente si duole

che già non si doria;                                                                                  105

tal pensero ancor sale

che lo male far sòle,

che blasmo usato lo ne distoria.

 

 

XXIX

(V CCXXVIII)

 

Or tornate in usanza, buona gente,

di blasimar lo mal quando si face,

se no il mondo perirà in presente,

tanto <ci> abonda la gente fallace

che tutor grana de li frutti rei.                                                                         5

Vostro socorso sia sanza fallanza,

a ciò che de lo mal far sia dottanza,

ché non periscan li bon' per li rei.

 

Lo biasmo date com'è convene<nte>;

ed intendete una gran falsitate                                                                      10

che m'ha fatto una donna, cui servente

mio core è stato in molta lëaltate:

mostrandomi d'amar più d'omo nato,

fallito m'ave per altro amadore:

ond'io mi doglio che 'n sì vano core                                                             15

lungo tempo lo mio amore ho dato.

 

A Giuda ben la posso asumigliare

che baciando ingannò Nostro Segnore;

mai nessuno omo non si può guardare

da quei che vuole ingannar con amore.                                                        20

Vergilio, ch'era tanto sapïente,

per falso amore si trovò ingannato:

così fosse ogne amante vendicato

com'e' si vendicò de la fallente!

 

Se m'ha fallito, non posso fare altro;                                                            25

io non son lo primero cui avegna:

Salamone ingannato fue, non ch'altro,

ch'era del senno la più somma insegna.

A la grande vendetta mi richiamo,

perch'io spero d'aver grande conforto,                                                        30

guiderdonato chi m'ha fatto torto

più grevemente che non fue Adamo.

 

Tutto zo che m'ha fatto la mia intenza

era veduta cosa che sareb<b>e:

però quando ella fece <sua> fallenza                                                           35

a lo primiero segnor ched ella eb<b>e,

no˙l conoscea, tant'era compreso:

ingannòmi l'amor come Sansone,

che vide quello per mante stagione

che potea bene creder com' fue preso.                                                        40

 

 

XXX

(V CCXXIX)

 

Uno disio m'è nato

d'amor tanto corale,

che non posso altro ch'ello:

come fuoco stipato,

tutor sormonta e sale,                                                                                    5

raprendendomi 'n ello.

Or sono al paragone:

che s'amor per ragione

dona mort'e per uso,

ch'io mora senza induso:                                                                              10

così forte m'incama

d'àlbore sanza rama.

 

Se pe-ragion non dàe

né per uso amor morte,

morte m'ho zo cherendo:                                                                             15

così l'una daràe

al cor distretta forte,

ond'io morò volendo.

Di morte no spavento,

ché morire in tormento                                                                                20

è allegrezza e gioia,

secondo ch'è gran noia

a quell'uomo morire

c'ha stato di gioire.

 

Gioia nonn-ho né spero,                                                                              25

ch'amor mi fa volere

sanza l'ale volare,

ed in tal loco altero

ch'avrei prima podere

d'esto mondo disfare.                                                                                  30

Così nonn-è con gab<b>o

s'io doglio e 'l mal, dico. ab<b>o:

ch'amore amar mi face

tal che non mi conface,

tal che n'ag<g>io dottanza                                                                           35

pur di farle sembianza.

 

Dotto ed ho paura

di mostrarle cad eo

l'ami come molto amo,

però ch'oltre misura,                                                                                   40

secondo che veg<g>io eo,

ella sormonta d'amo

tra le donne a miro:

così, quando la miro

me medesmo disdegno,                                                                               45

e dico: non son degno

di sì alto montare:

non vi poria andare.

 

Asdegn<and>ome gesse,

inver' le sue altezze                                                                                      50

maraviglia no m'ène,

ch'anche pintura in gesse

di cotante adornezze

non si fece néd ène.

A lo sol dà chiarore,                                                                                   55

ogni sper'ha splendore

da˙llëi, quanta splende;

ogni vertù ne scende;

l'amar la doteria,

tant'ha di segnoria.                                                                                      60

 

Così, s'amor comanda

e vuol pur che l'ami io,

ello fa gran pecato

sed ello a˙llei non manda

ne lo core disio                                                                                           65

d'amor bene incarnato,

che, com'io l'amo, m'ami

e per sembianza chiami

lo mio core e conforti

ched io amor le porti                                                                                   70

o, com'altri amadori

com' mia donna la 'nori.

 

Gli amador' tut<t>i quanti,

le donne e le donzelle

che d'amore hanno cura,                                                                             75

con sospiri e con pianti

più che non son le stelle

assai oltre misura,

io fo priego di core

che prieghino l'amore                                                                                  80

che mi trag<g>a d'eranza

ed ag<g>ia˙me pietanza,

ond'io ag<g>ia cagione

d'allegrare in canzone.

 

 

XXXI

(V CCXXX)

 

Molti lungo tempo hanno

de l'amor novellato

e divisatamente

che Amore è e dond'ha nascimento;

ed ancora non hanno                                                                                     5

propio vero trovato

meravigliosamente:

di zo mi fate lo conoscimento.

Mover mi face in trovare canzone

erro di lor cagione,                                                                                      10

per diffinir tenzone,

ragion provando ciò ched io diròne.

 

Dice lo Vangelisto

che Dio fue primamente,

ch'Ello criò quanto èie                                                                                 15

con grande disider<ï>o d'Amore:

dunque l'Amor è Cristo

e da˙lLui è vegnente,

da che l'Amor non èie

a˙lLui dato per altro criatore.                                                                       20

Que' son dal vero Amore inamorati

ch'a Dio son servi dati:

possono esser chiamati

naturalmente da l'Amore amati.

 

Nonn-este omo <per> vero                                                                        25

se d'omo non è nato,

né l'amore non este

disirare, se da l'Amor non vene.

Amore propio e vero

nonn-este di pecato,                                                                                   30

e de lo pecato este

voler tal donna che sposa no gli ène.

E gli era<n>ti sì dicono ch'è amore

trarla di suo onore,

e l'un l'altro amadore                                                                                   35

a zo disiderare è apellatore.

 

Ogni disio carnale

ello è tentamento

che domonïo face,

e˙llo mantene e va<˙lo> sormontanno;                                                         40

e se saver ne sale

e bello portamento

ed altro assai che piace,

suo gegno il fa per covrire lo 'nganno:

<ma> guai a chi si dona a tal disire!                                                             45

L'aquisto del piacere

tornar li fa i˙languire,

com'Adamo ferì, ch'<è as>empro <e> miri.

 

Nonn-è ragion né bene

che 'l mastro sia levato                                                                                50

de la cafera sua

e posto uv'omo ch'è sanza valere.

A cui e' si convene

l'oro de' esser dato,

e 'l piombo, chi più su ha,                                                                            55

nonn-è degno che dëa prosedere.

Amore per Amore s'inantisca:

non per Amor fiorisca

né dar pregio gradisca

voler donna com' pecato seguisca.                                                              60

 

 

XXXII

(V CCXXXI)

 

Maravigliomi forte

ch'ag<g>io trovato assai

ch'a l'amor danno blasmo,

che dicon che dà morte

crudel, piena di guai;                                                                                     5

chi˙ll'ha 'n sé bene blasmo:

e' fo˙ragione fan lo<r> fallimente,

ché nonn-è discendente

di lui altro che bene:

savio e cortese sanza noia vene                                                                   10

chi da˙llui è distretto;

e que' ch'è ric<c>o face dispendente,

( . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . -ente)

e pagato si tiene,

e co˙lli rei non vene:                                                                                    15

tut<t>i gli ha in dispetto.

 

Amor fa cui distringe

parlar pensatamente

e dir bon senza reo;

ed omo che ristringe                                                                                    20

volenterosamente

ogne mal far ten reo;

e sempre l'alte cose disïare

e 'l core umilïare

e servir sanza detto                                                                                     25

(...........-etto)

e dona guiderdono,

ché dipo servire fa 'mperïare

e del guiderdonare

al servidor perfetto                                                                                      30

non falla, cotant'è leale e netto,

sommo di tut<t>o bono.

 

Le doglie a l'omo face

pacïente portare,

né disperar no˙lascia;                                                                                  35

fino, valente face

cui stringe d'aquistare,

e già mai non s'alascia.

Certa<na>mente non sente d'amore

que' che i pone follore,                                                                                40

ch'amor dà ta<l> plagenza,

che mai da˙llui non si vuol far partenza.

Né tanto non si n'hae

come per sogno si crede spesse ore

far zo che non fa fiore:                                                                                 45

blasmando di fallenza

amor, credo blasm'ha cui fa 'ncrescenza:

di lui bono si n'hae.

 

Fac<e> amore om leale

e molto vertudioso                                                                                      50

e buon pregio li dàe.

S'omo 'n tant'er<r>o sale

che parla il contrarioso

a zo che l'amor fae,

amor per zo d'alto loco no scende,                                                              55

né non si ne disprende

nesuno buono amante,

ma da˙lloro è blasmato duramante

e falso è aprovato:

così lor dir medesimo gli ofende,                                                                 60

perché ben non comprende

che è a dire 'amante':

è quello che <l'>amore fa possante,

ch'è tut<t>o ben provato.

 

Tant'è amore a dire                                                                                     65

quanto pro senza danno,

di tut<t>o ben fontana:

chi dice: «este languire»

<ed amanti sì˙ffanno>,

* non sa ciascun s'ingana; *                                                                         70

ché ciascheduno amante sta gioioso,

d'amor disideroso,

e no rifina mai

di dire: «Amor, più mi tien che non hai

ne la tua segnoria»:                                                                                      75

ché chi d'amor non sente sta doglioso,

senza alcuno riposo;

ha sempre di dir mai:

«dolze amore, di te mi prendo assai

ch'io amante non ti stia».                                                                             80

 

Chi chi non voglie, e' blasmi: *

i' lo lodo, ed invito

amor che mi comprenda

ed i<n> sé umanamente m'incarni,

* sì ch'altr'i' non dimanni; *                                                                          85

né mai a nullo dire

non mi rendo, che me voglia partire

da˙llui, amor verace.

 

 

XXXIII

(V CCXXXII)

 

Om <ch>e va per ciamino

e ten verso levante

per giungere al ponente,

nonn-averà rifino

d'andare al suo vivante,                                                                                 5

perché non fia giungente;

perché, quanto più va, vene lontano

–così grand'è cagione–

sempr'affannando se non trova porto:

così non divereb<b>e prosimano                                                                10

nullo, senza ragione,

a la dritta sentenza di conforto.

 

Chi non entra per via

che sia dritta, già mai

non troverà l'amore,                                                                                    15

né sapreb<b>e che sia:

cercar potreb<b>e assai,

e vivere in erore.

A le vere scriture omo dee

ricorrer, per savere                                                                                     20

le diffinite sentenze e le cose:

per loro sì truova fondo a ciò ch'èe

secondo lor valere,

ché˙ll'ag<g>io ben per ver vertudïose.

 

Secondo la scrittura                                                                                    25

verace amore è Deo,

e Deo l'amore ène:

una propia figura,

secondo che veg<g>io eo,

è come il pro c'ha bene.                                                                              30

Amore è Deo: senza prencipio fue

<e sarà senza fine,>

sì <che, 'n> cui fede, è sì l'amor verace:

amore è pro, ed anche <se> non fue,

dovunque sta da fine                                                                                   35

d'ogni reo trae lo core e mette in pace.

 

Ben è ragion chiarita

co' <'n> natura discese,

ch'amore è, Deo <d'>umano:

ché così sì v'aita                                                                                          40

l'umanità che prese

per porgerne la mano.

Se, quanto amor è da˙lLui in fori, fosse

tant'ello non saria

che dichinato fosse a zo guerire;                                                                  45

dunque perché amar d'amor si mosse,

così dunqu'è la via

infra lo core, chi lo vol servire.

 

Se per contraro nome

de lo bene <ha> lo male                                                                              50

e de lo prode danno,

così ve dice come

nom'ha 'l disi<o> carnale

lo giusto amore e˙ssanno:

e' <d'o>dio ha nome, pien di tut<t>o reo;                                                    55

disces'è da primero

da Lucefero, <e>d egli è l<a>onche desso

dimora e sta: e qual è˙loco seo?

core di mal mestero,

sì com'è Deo dove l'amore è messo.                                                            60

 

 

XXXIV

(V CCXXXIII)

 

Quanto ch'è da mia parte,

di voi mi tegno amico,

credendomi esser di voi ben cangiato;

ed io perciò, fuor parte,

con verità vi dico                                                                                          5

laonde <di> voi tutora sto gravato:

non perchéd io m'ategna a tal disio,

ma per buona amistate,

sapiando ch'a vo' grava,

riputando lo vostro male mio.                                                                      10

 

De la vostra amistate

non voglio troppo dire:

dëa sentenza il fatto, non parole;

dico a voi che membriate

che non par inantire                                                                                     15

lo civaliere che 'nantir non vole

a lo torneio, vogliendo cavalcare

ad un'or due civalli:

e zo è ben ragione,

ché ciascun de' avere suo guidare.                                                               20

 

Ben è fuor di ragione

chïunque far volesse

l'aqua inver<so> del cielo <su> piog<g>iare,

e grand'è la cagione:

se per zo ch'om volesse,                                                                             25

e non potendo, <s'>afondasse <'n> mare,

greve blasimo a tal ben si convene:

ché zascun de' volere

quello ch'aver si pote,

e lasciar quello che già mai non vene.                                                           30

 

Se om'è da blasmare

che vuol ciò che non dee,

ben sète da blasmare, zo mi sembra,

ché voi volete stare

papa e 'mper<ï>o, ch'èe                                                                             35

contra ragione, ed avenir ta' membra.

Prendete l'una de le due richesse,

e pensate ch'augello

mai non avreb<b>e posa,

volando ello, se mai non si ponesse.                                                            40

 

Non dottate servire

a quella segnoria

che grada voi, perch'<a l'>altra ne gravi;

e di quel ch'avenire

possa, profeterai                                                                                         45

non fate, ché' pensier' son come navi;

seguite sì come va la ventura

servendo lëalmente

là dov'è il vostro core,

ch'ella vi può dar porto fo˙rancura.                                                              50

 

 

XXXV

(V CCXXXIV)

 

Li contrariosi tempi di fortuna,

il soferire affanno malamente,

dimostrar l'om sac<c>ente – e vigoroso:

ch'alor si pare s'ha bontate alcuna

in met<t>er lo suo core e la sua mente                                                           5

in quel che sia piagente – e corag<g>ioso.

Ché <'n> soferire om gioia ed alegranza

di soverchianza – nonn-è già laudato:

quegli è sag<g>io provato

che ne le pene fa sua temperanza,                                                                10

e mette in ubrïanza

lo rio tempo lo qual no gli este in grato.

 

Chi non dole non sa che sia allegrare,

ché 'l male è de lo ben meglioramento:

dunque sentir tormento –a la stagione                                                          15

acresce del valente suo pregiare;

s'egli ha di soferenza nodrimento,

nel compimento – è lo suo paragone,

ché nostro padre Dio di suo podere

ne dà tener – per lunga soferenza;                                                               20

chi aserva penitenza

umilemente, sanza suo dolere,

de' om met<t>er pensere

nel ben che vene, ed obrïar doglienza.

 

Giovan di tempo, sag<g>io di costumi,                                                        25

non falli in voi lo bon savere usato,

ma vi sia ricordato – tutavia

che 'l vostro cor di soferenza alumi;

tempo no sta tutora 'n uno stato:

quant'egli è più turbato,                                                                               30

in chiarità s'invia.

Dunque conforti vostro gentil core

di bon savore,– avanti per venire

e perdere languire:

ch'assai val me' chi sofera dolore,                                                                35

<ch'e'> vene a più valore,

che sed ei soferisse pur disire.

 

Ahi Deo merzé, quant'è più saporoso

il ben che dipo il male ha sua vegnenza

e apura credenza – disïando!                                                                       40

ch'essere allegro e avenire doglioso

è perdita da no raver semenza:

ma la valenza – è sol di ben sperando.

Però chi si conforta nel danag<g>io

dici' om c'ha bon corag<g>io                                                                      45

ed è fermo e valente:

però siavi piacente

di ciò ben mantener lo dritto usag<g>io,

e non siate salvag<g>io

d'aver conforto dibonairamente.                                                                  50

 

 

XXXVI

(V CCXXXV)

 

Talento ag<g>io di dire

ciò che celar voria,

ma l'amorosa via

no˙l mi lascia covrire:

ché lo meo cor disia                                                                                      5

a voi, dolze meo sire,

sovente ore venire

a dir sua vita ria:

come lontanamente

in voi ho disïato,                                                                                          10

fedele amor portato

a tutora ubidente;

e di ciò ch'è vogliente

in voi non ha trovato:

perché sì sia incontrato                                                                                15

saver no˙l pò neiente.

 

Meo cor non pò savere,

se dol, perché s'avene;

e ciò ch'egli ave e tene

in voi è lo potere.                                                                                        20

Quando mi risovene

come non pò capere

in voi per suo valere,

sospiri n'ag<g>io e pene:

ché so che sag<g>io siete                                                                           25

in ogne altra scïenza,

ma de la mia ubidenza

contraro vi tenete

e già non provedete:

la mia fedel voglienza                                                                                  30

in celato e 'n parvenza

con voi sempre movete.

 

Audit'ag<g>io nomare

che 'n gentil core amore

fa suo porto, e lo core                                                                                 35

sol si mantien d'amare;

e quando al servitore

piacegli meritare,

no atende dimandare,

ché desto n'è ad ognore.                                                                             40

E 'n voi è gentilezza,

credo, senno e misura;

di ciò coreg<g>e e dura

ogne orata richezza:

se 'n voi regna ferezza,                                                                                45

parmi contra natura,

o mia disaventura

v'aduce in tale asprezza.

 

Per lungo temporale

fue la mia vita spesa                                                                                    50

in voi serv<i>re, intesa

di quanto porta e vale:

non fe' malvagia impresa

nel suo vizzo corale,

perch'ogne altro animale                                                                              55

ov'è sua propia atesa,

onde disio ha, tende:

<ed> eo simile l'ag<g>io

nel vostro segnorag<g>io,

se non mi si contende;                                                                                 60

ma troppo si difende

dal mio fedele omag<g>io:

ch'om nonn-è detto sag<g>io

perch'al suo servo ofende.

 

Mia canzonetta, adesso                                                                               65

t'invia al mio segnore,

che sia comandatore

di ciò c'ho detto ad esso,

e 'l suo nobil valore

già non mi sia dimesso;                                                                                70

ch'io non ag<g>io altro messo

che te e lo mio core:

digli ch'io non mi doglio

per voglia di partire,

ch'io no n'avria l'ardire:                                                                                75

ma son fedel com' soglio,

e sempre volsi e voglio

compiuto suo disire:

se per meve è 'n fallire,

di ciò è 'l mio cordoglio.                                                                              80

 

 

XXXVII

(V CCXXXVI)

 

<MESSERE:>

 

Donna, la disïanza

ch'ag<g>io di voi veg<g>endo,

vami lo cor prendendo

di fina 'namoranza:

perzò merzé cherendo                                                                                   5

son voi con umilianza

che n'ag<g>iate pietanza,

ch'io non perd'atendendo:

che se tarda lo fin coninzamento,

lo tempo passa: per tardar non vene                                                            10

alcuna cosa a bene,

m'a fero ismarimento;

ma, s'è perseverato il coninzare,

pòsi la fine in gioia giudicare:

ond'io che spero, atendo compimento.                                                        15

 

<DONNA:>

 

Sire, se voi atendete

di me alcuna cosa,

sonne maravigliosa

forte che lo dicete:

ché, poi ch'io fui vogliosa                                                                              5

de lo disio ch'avete,

ben so che voi savete

che non m'era noiosa

vostra contigia avere,

ch'assai temp'è ch'io l'ag<g>io disiata;                                                         10

e fue mia coninzata

d'amoroso volere,

e 'l dono chesto al primo vi donai:

volere già di voï non cangiai,

ma da la vostra parte, al mio parere.                                                            15

 

<MESSERE:>

 

Donna, lo 'namorare

natura ave del foco,

ch'al primo pare un poco,

poi cresce in breve stare.

Quand'i' fuï ne˙loco                                                                                       5

là'nd'io atendea alegrare,

presivi a risguardare:

laond'io ne 'ncendo e coco:

che s'io v'adimandai, in parte n'èi,

ma non già sì com'era mia credenza:                                                            10

però feci partenza,

non da li pensier' mei,

ma solamente ch'amor m'incendea;

e ancor lo grande dolore ch'avea,

ch'io non ne presi quando sola v'èi.                                                              15

 

<DONNA:>

 

Sire, poi m'aquistaste,

voi me in unitate

di pura volontate,

voi non m'adimandaste;

e per altre fiate                                                                                              5

a meve ritornaste,

alquanto ne pigliaste:

pia<c>quemi in veritate.

Se alentò da vostra parte amore

mostrando ch'io vi fosse rincresciuta,                                                           10

faceste dipartuta

non di buon servitore.

Or mi cherete di merzé ch'io n'ag<g>ia:

ed io per ciò non vi sarò salvag<g>ia

quando fia 'l tempo seguir vostro core.                                                        15

 

<MESSERE:>

 

Donna, sovente è usag<g>io

ch'amor viene 'n obria,

e smarisce la via

di lui lo folle e 'l sag<g>io:

ché quanto om più disia,                                                                                5

si mette in più servag<g>io;

talor viene in dannag<g>io

chi più tien cortesia:

ch'amore ha usanza e ven di tal manera,

che nullo ne pote esser conoscente;                                                             10

tal crede esser gaudente

che perde ciò che spera

e<d> amarisce per lungo tardato:

piac<c>iavi e siavi a grato

di proveder lo mio cor che non pèra.                                                           15

 

<DONNA:>

 

Sire, 'l mio core vole

e amore m'atalenta

che da me gioia senta

lo vostro cor, se dole;

la mente ci è contenta                                                                                    5

assai più che non sòle;

e già amor non disvole

gioia che˙no' abenta.

Però vi confortate in bona voglia

ed isperate di me gioia tutora:                                                                      10

presente fia quella ora

ch'io vi trarò di doglia

ed in grande baldor farò redire

sovente alcun languire,

e 'l frutto seguirà il fiore e la foglia.                                                               15

 

 

XXXVIII

(V CCXXX)

 

La gioia e l'alegranza,

la voglia e lo talento

che 'nfra lo mio cor sento,

m'ha messo in disianza

di far cominzamento                                                                                      5

ed i<n> cantar mostranza

per la gioia ch'avanza

l'altre di piacimento,

poi che veduto l'ag<g>io,

lo suo ric<c>o bellore,                                                                                10

che luce e dà splendore

più che 'l sole di mag<g>io:

ché tanto ch'om la vede

non poria mal pensare

né mai alcun follore adoperare;                                                                    15

e vada a lei veder chi no 'l mi crede.

 

I' non poria ac<c>ertire

in tut<t>' a sua valenza,

ché de la sua piagenza

mill'altre avrian disire:                                                                                  20

ché˙llà ove fa aparenza

lo scuro fa chiarire,

e face il sol venire

là ovunque è 'n presenza:

li suoi cavei dorati                                                                                       25

e li cigli neretti

e vòlti com'archetti,

con due oc<c>hi morati,

li denti minotetti

di perle son serrati;                                                                                     30

lab<b>ra vermiglia, li color' rosati:

cui mira, par che tut<t>e gioie saetti.

 

Chi llei non va a vedere

non sa che gioia sia,

chi d'amorosa via                                                                                        35

vuol pregio mantenere;

ché là ov'è cortesia

adornezze e piacere

de' la bieltà tenere

sovra 'gn'altra che sia.                                                                                 40

Dunque, amorosi amanti

perché più vi tardate?

perché no l'adorate

giorno e notti davanti

e sempre rimirate                                                                                        45

li suoi dolzi sembianti?

Gioite ed alegratevi di canti:

sempre le sue bellezze rimmembrate.

 

Ben credo Dio volesse

quando la fe' in primero,                                                                              50

che 'l suo visag<g>io altero

sovr'ogne altro paresse;

e quelli fosse impero

ched i˙llei s'intendesse,

salvo s'a˙llei piacesse                                                                                  55

la 'ntesa e suo mestero;

a cui donasse amore

avesse la corona,

ed ogne altra persona

tenesselo a segnore.                                                                                    60

Che val chi no ragiona

sempre del suo valore?

Poco, ché <già> non credo ch'ag<g>ia core

a cui no mette 'n isperanza bona.

 

Assai ag<g>io lasciato                                                                                65

di quel ch'i' non ho detto:

ché nel mio cor l'assetto

c'ha in sé d'onor pregiato,

ma già no la dimetto.

In parte l'ho narrato,                                                                                   70

ch'io non son sì assenato

che mi fosse concetto.

Di tanto son gioioso,

c'ho visto lo suo viso,

la boc<c>a e 'l dolze riso                                                                            75

e 'l parlare amoroso,

che d'altro paradiso

non saria mai voglioso:

però se di cantare ormai riposo,

fo˙l ché <'n> pensar di sua bieltà so˙miso.                                                   80

 

 

XXXIX

(V CCXXXIX)

 

Madonna, lungiamente ag<g>io portato

amore in core, e no˙ll'ho discoverto

per tema non vi fosse a dispiacere;

e ciascun giorno m'è più doplicato,

riguardando lo vostro viso aperto                                                                  5

che passa ogne altro viso di piacere

e ave più valere–e 'nsegnamento

che non eb<b>e Morgana né Tisbia;

da voi surge la gioia e 'l compimento:

dunque ben posso dire che 'n voi sia                                                            10

pregio ed onore e tut<t>o valimento.

Ciò ch'ag<g>io detto, e più ch'io non so dire,

madonna, è 'n voi di nobile sembianza.

 

Dunque non maraviglio s'io dottai,

ché 'l fino amor mi prese, e tolse ardire;                                                       15

mise lo core e me in vostra posanza,

sì ch'io m'apello tut<t>o vostro ormai;

ché in tal or coninzai–in voi amare,

ch'ogn'altra cosa mess'ag<g>io 'n obria:

la mïa vita è sol di voi guardare;                                                                   20

però, madonna, in vostra segnoria

di me servente deg<g>iavi membrare.

 

Rimmembranza, <ma>donna, si convene

da voi aver di me, vostro servente,

a ciò ch'io non perisca in voi amando;                                                          25

ché sì come a lo cervio m'adivene,

che, là dov'è feruto, inmantenente

ritorna al grido <di> chi 'l va cacc<i>ando.

Ed io a voi amando–fo ritorno,

ché di nulla altra cosa ag<g>io valenza,                                                       30

se non veder lo vostro viso adorno;

però, madonna, ag<g>iate provedenza

de lo gravoso affanno ov'eo sog<g>iorno.

 

Madonna, se la mente m'asicura

a dicer ciò ch'io dico in be' sembianti,                                                          35

e che vi piace ch'i' sia amadore

guardando vostra angelica figura,

tenete a mente, esendo a voi davanti,

parlando asicurastemi d'amore,

avendo voi tremore–che guardata                                                                40

sarete, ed io vedendolo tutora:

e però è la mia gioia prolungata.

Ma no prolunghi, piacciavi ad un'ora

per me guerir, voi esser sicurata.

 

Ben si conve<n> ardire a chi bene ama,                                                      45

e anti morte a donna aver pietate

a ciò che sia laudata di valenza;

ch'amor che tarda pur disia e brama

e more di compiér sua volontate.

Chi pò donare e tiene fa fallenza,                                                                 50

là dov'è convenenza–di donare:

ché non è detto dono render vita,

ma somma d'ogne buono adoperare;

dunque valente, sag<g>ia e norita,

piac<c>iavi me di morte sucitare.                                                                55

 

 

XL

(V CCXL)

 

D'un'amorosa voglia mi convene

cantare alegramente, rimembrando

com'io partivi da la donna mia,

ca dolzemente mi dicea abrazzando:

«Se vai, meo sire, non ag<g>e 'n obria                                                          5

tornare a l'amoroso nostro bene,

ma rimmembra lo nostro fin diporto,

a ciò che di tornare ag<g>e voglienza;

prendi lo core e me ne la tua baglia,

sì che mi porti avanti tua parvenza,                                                              10

pinta in core, com'io sono 'n intaglia:

di simile voler farag<g>io porto».

E io, abrac<c>iando l'amorosa cera,

baciando dolzemente le parlai:

«Gentil mia gioia, in voi è la mia vita:                                                            15

altra speranza non avrag<g>io mai

che solamente de la mia redita

a voi, che siete del mio cor lomera.»

E<d> ella a sé mi strinse inmantenente:

«Dolze meo sire, a Dio sia acomandato:                                                      20

dàmi tua fé presente di tornare»;

ed io lel die', pi<a>ngendo a lo comiato.

Dis<s>ile: «Amore meo, non sconfortare;

membra che la tornata sia presente.»

 

Così partivi da lo mio diletto.                                                                       25

Canto, ché mi sovien de l'amorosa

e doglio forte de lo dipartire,

per tanto che lo so, che m'è gravosa:

così fosse cangiato a uno redire

che fosse in sicurtà de lo dispetto!                                                               30

Per tanto mi soverchia l'alegranza:

membrandomi la gioia ch'avemo insembra:

quand'io verag<g>io a simile disio?

Ché di nul<l>'altra cosa più mi membra

che di tornar colà donde partio:                                                                   35

che di gioie torni doppio di speranza.

 

 

XLI

(V CCXLI)

 

La mia fedel voglienza

che nel mio core è stata

gran tempo adimorata

ferma con ubidenza,

molto l'ag<g>io celata,                                                                                  5

ch'ag<g>io avuto temenza:

ma˙ffatt'ha permanenza

l'amore ogni fiata

nel mio voglioso core,

e sovente invïato                                                                                         10

a voi corona e pregio di bieltate:

al mio parer passate,

come robino passa di valore

ogn'altra pietra, e voi l'altre d'amore;

ed ei sempre con voi s'è dimorato.                                                              15

 

Lo core e 'l pensamento,

ogne vertute mia

in vostra segnoria

fatt'ha dimoramento;

ed io mai non ardia                                                                                     20

mostrarvi il mio talento,

perché avëa pavento

darvi maninconia:

ché di cortese e puro

amor sempre v'amai                                                                                    25

ed amo, bella, senza villania;

ché vostra cortesia

m'ha fatto come l'antalosa face,

che 'l suo diletto che tanto le piace

l'aduce in parte e loco non sicuro.                                                                30

 

Sicuro mi rendea,

madonna, mante volte

di vostre ric<c>he acolte,

che da voi, bella, avea;

so˙mi alungiate e tolte                                                                                  35

là ov'io le vedea;

non sì come credea,

mad i<n> più rade volte.

Di ciò piange la mente

e gli oc<c>hi miei dogliosi,                                                                          40

pensando de la vostra dipartenza

che fue per mia doglienza:

ma riconforto a l<o> vostro amonire,

ché diceste, veg<g>endomi languire:

«S'ale<n>' e doli, s<ì> fo similmente».                                                         45

 

Similemente, io creo,

madonna, m'adivene

come quelli che tene

da buon segnore in feo,

che tant'ha bona spene                                                                                50

che conforta lo reo.

Voi siete lo mi' Deo

onde 'l baldor mi vene,

e credomi salvare

per questa deïtate,                                                                                      55

e commendare ogn'altro mio pecato.

Madonna, se v'è 'n grato

mia fedalia in vostro rimembrare,

nul<l>'altra gioia aver mai non mi pare

che sol a voi servire in veritate.                                                                    60

 

In verità voi siete,

madonna, quella cosa

in cui sempre riposa

lo core e me ch'avete,

tanto siete pietosa;                                                                                      65

so ben che conoscete

le mie voglie sagrete,

c'ho 'n voi, vertudiosa.

Non son per dirvi oltrag<g>io,

villania o dispregio,                                                                                     70

ma fac<c>ione oratoro e sagrestia;

credo che l'alma mia

porà aver salvazione in voi sperando:

p<er>ò la mia vertute racomando,

poi non vi veg<g>io, al vostro segnorag<g>io.                                             75

 

 

XLII

(V CCXLII)

 

Non già per gioia ch'i' ag<g>ia

diletto lo cantare,

ma per molto pensare,

che tanto m'incorag<g>ia

che mi fa travagliare                                                                                      5

e dà vita salvag<g>ia,

e sovente mi sag<g>ia

di gravoso penare.

Vogliendo ricelare

di mio greve dolore,                                                                                    10

quel ca dentro ho, di fore

a nullo altro non pare:

con amoroso foco

dentro m'arde ed i<n>cende,

ma di for non displende,                                                                              15

anti par ch'ag<g>ia gioco:

e tal mi pregia c'ho vita gioiosa,

che, se 'l savesse, diceria dogliosa.

 

Lo mal che mi dimena

sol è la rimembranza                                                                                   20

de la mia disïanza:

altri n'ha gio' e io pena;

prendene <'n> abondanza,

ed io la veg<g>io a pena;

la chiara ara serena                                                                                     25

per me è 'n discuranza,

ché quei che ll'ha in possanza

n'ha più che non disia,

ed io n'ho carestia

e largo di pesanza.                                                                                      30

Però, s'ogne altra gioia

avesse in me presente,

pensando in ciò, neiente

prezzeria più che noia:

e la sua dolze cera riguardando,                                                                  35

mi faria ric<c>o un sol motto parlando.

 

Ahi lasso malauroso,

ben m'ha Dio giudicato,

c'ha 'l mio disio sposato

ad altro aventuroso                                                                                     40

che˙l si tene abrazzato,

ed io ne sto doglioso.

Maladetto sia sposo,

sì˙ll'ho caro acatato!

Ché˙llà dov'è il pregio contato                                                                     45

di valore e di bieltate,

altri l'ave in potestate,

ond'io ne moro trapensato;

e non mi creo sì alto regno,

que' che˙ll'ha, aver lo dovesse;                                                                    50

dunque mai, s'a Dio piacesse,

di tal gioia non è degno:

ch'âvere io sol di lei un piacere

non curerei mai d'altro avere.

 

Quando penso meo languire,                                                                       55

l'ira e la maninconia,

sì m'asale gilosia

ch'io vorei quasi morire,

rimembrando che ver sia

tut<t>o ciò ch'i' audo dire:                                                                           60

ch'altri l'ag<g>ia in suo disire,

quello ond'i' ho carestia:

ché, s'io volesse, non avria

un pel di sua roba che veste:

e tut<t>e le sue gioie son deste                                                                    65

dare, chi n'ha la segnoria!

Così per me amore e Dio

son divenuti crudaltate

ed hanno tut<t>a la bieltate

ad un malvagio data in fio:                                                                           70

ed io non posso un solo sguardo

da˙llei aver, tant'ha riguardo.

 

Però, s'io doglio, solamente

la verità mi fa dolere,

quand'i' so ch'altri l'ha 'n podere,                                                                 75

la gioia ond'io son sì vogliente;

ché, senza lei, aver lo mondo

ric<c>o già no mi teria,

pensand'io ch'io fosse 'n obria

da lo suo viso giucondo;                                                                              80

e solamente un suo guardare

poria di morte me campare.

 

 

XLIII

(V CCXLIII)

 

Novella gioia che porta?

Amante in bene amare

nonn-è detto savere

partir per cagion pena,

ché de l'amor è porta                                                                                    5

sofrir le cose amare,

perché face savere

quel ch'om soporta apena.

Chi ave gioia sale

in agio più che 'n pregio;                                                                              10

chi donna non vol, pregio

come l'amaro in sale;

ma chi ben si compare

quegli è<n>, che de l'afanno

alegra cera fanno,                                                                                       15

e 'l mal punto non pare.

 

Adunqua dici om prode